Iraq, gruppo islamico dice aver ucciso le volontarie italiane rapite. Governo Dubbi e cautela

Giovedì
07:43:43
Settembre
23 2004

Iraq, gruppo islamico dice aver ucciso le volontarie italiane rapite. Governo Dubbi e cautela

View 136.3K

word 519 read time 2 minutes, 35 Seconds

DUBAI - Un gruppo islamico ha detto stanotte di aver ucciso le due volontarie italiane rapite in Iraq, in un comunicato diffuso su un sito Internet usato non frequentemente dai militanti iracheni. l’annuncio lascia però molti dubbi sulla sua attendibilità , secondo fonti governative e della Farnesina, e secondo l’organizzazione umanitaria per cui lavorano le due sequestrate.

Il gruppo, che si definisce l’Organizzazione Jihad, ha detto di aver ucciso le due giovani perché l’Italia non ha obbedito alla richiesta di ritirare le sue truppe dall’Iraq.

Fonti governative, invitando alla "massima cautela", hanno detto che al momento non c’è alcun riscontro che confermi l’annuncio, mentre fonti della Farnesina hanno detto che il Ministero degli Esteri "non conferma" la veridicità del comunicato, aggiungendo di aver contattato le famiglie delle due giovani per avvertirle del comunicato sul web.

l’organizzazione non governativa "Un ponte per...", per cui lavorano le due volontarie italiane Simona Pari e Simona Torretta, ha detto stanotte sul suo sito web che la notizia "non è molto credibile" e che ha seri dubbi sulla sua veridicità .

"Aspettiamo e continuiamo a cercare informazioni", si legge in una nota sul suo sito.

IL TESTO DELl’ANNUNCIO SUL WEB
Un gruppo militante con un nome simile a quello che ha diffuso stanotte il comunicato, l’Organizzazione della Jihad Islamica, aveva detto il 12 settembre che avrebbe ucciso le due sequestrate entro 24 ore se l’Italia non avesse lasciato l’Iraq.

"Noi nell’Organizzazione Jihad in Iraq annunciamo che il verdetto di Dio è stato eseguito sulle due prigioniere italiane, dopo che il governo guidato dal vile

Berlusconi non ha prestato ascolto alla nostra unica condizione di ritirarsi dall’Iraq", dice il comunicato di stanotte.

"Noi avvertiamo il governo italiano che continueremo a colpire e a colpire ogni straniero che vive in Iraq", dice il comunicato, datato 22 settembre.

Non è stato possibile verificare l’autenticità del messaggio. Un redattore di Al Jazeera - la tv araba che con Al Arabija ha letto il comunicato da Internet - intervistato da Sky tg24 ha detto di ritenerlo "poco credibile".

Un presunto comunicato della, fino a quel momento sconosciuta, Organizzazione Jihad Islamica all’inizio del mese aveva detto: "Proroghiamo il nostro ultimatum di 24 ore dalla diffusione di questo comunicato, dopodichè se non vedremo i soldati italiani ritirarsi dall’Iraq porteremo a termine l’esecuzione".

Quel comunicato, cui ha fatto seguito una visita nel Golfo del ministro degli Esteri italiano Franco Frattini per fare appello per la liberazione delle due italiane sequestrate, era apparso su un altro sito web, che spesso aveva diffuso comunicati dimostratisi poi falsi. Quel sito al momento non è accessibile.

La Pari e la Torretta, entrambe 29enni, operatrici umanitarie che lavoravano per "Un ponte per...", sono state rapite insieme a due collaboratori iracheni nella sede dell’associazione in pieno centro a Baghdad lo scorso 7 settembre. Sono le prime due donne occidentali ad esser state rapite in Iraq, dove militanti anti occidentali hanno sequestrato e ucciso decine di persone a partire dallo scorso anno.

Fonte Reuters: http://www.reuters.it

Source by Redazione


LSNN is an independent editor which relies on reader support. We disclose the reality of the facts, after careful observations of the contents rigorously taken from direct sources, we work in the direction of freedom of expression and for human rights , in an oppressed society that struggles more and more in differentiating. Collecting contributions allows us to continue giving reliable information that takes many hours of work. LSNN is in continuous development and offers its own platform, to give space to authors, who fully exploit its potential. Your help is also needed now more than ever!

In a world, where disinformation is the main strategy, adopted to be able to act sometimes to the detriment of human rights by increasingly reducing freedom of expression , You can make a difference by helping us to keep disclosure alive. This project was born in June 1999 and has become a real mission, which we carry out with dedication and always independently "this is a fact: we have never made use of funds or contributions of any kind, we have always self-financed every single operation and dissemination project ". Give your hard-earned cash to sites or channels that change flags every time the wind blows , LSNN is proof that you don't change flags you were born for! We have seen the birth of realities that die after a few months at most after two years. Those who continue in the nurturing reality of which there is no history, in some way contribute in taking more and more freedom of expression from people who, like You , have decided and want to live in a more ethical world, in which existing is not a right to be conquered, L or it is because you already exist and were born with these rights! The ability to distinguish and decide intelligently is a fact, which allows us to continue . An important fact is the time that «LSNN takes» and it is remarkable! Countless hours in source research and control, development, security, public relations, is the foundation of our basic and day-to-day tasks. We do not schedule releases and publications, everything happens spontaneously and at all hours of the day or night, in the instant in which the single author or whoever writes or curates the contents makes them public. LSNN has made this popular project pure love, in the direction of the right of expression and always on the side of human rights. Thanks, contribute now click here this is the wallet to contribute


Similar Articles / Iraq, gr...e cautela
from: ladysilvia
by: Senato