IRAQ: PER LE DUE SIMONE, DOPO UNA NOTTE CHE NON HA UCCISO LA SPERANZA

Giovedì
12:54:18
Settembre
23 2004

IRAQ: PER LE DUE SIMONE, DOPO UNA NOTTE CHE NON HA UCCISO LA SPERANZA

View 167.2K

word 608 read time 3 minutes, 2 Seconds

“Su un sito internet ad accesso pubblico - è scritto dalle una della scorsa notte sulla pagina-web dell’organizzazione umanitaria “Un ponte per...” - è stata annunciata l’uccisione delle nostre sorelle e amiche Simona e Simona. Nessuna notizia di ràad e Manhaz. Stiamo cercando di verificarne l’attendibilità . Il sito è stato usato in passato per messaggi risultati inattendibili. Nel comunicato si parla di una vendetta per il mancato ritiro delle truppe. Il tutto suscita (dolore e orrore a parte) grandi dubbi. Aspettiamo. La notte sarà lunga. Vi preghiamo di non telefonare, qualsiasi comunicazione sarà prontamente data sul sito, abbiamo bisogno di tutte le nostre (e vostre) forze.” La notte è stata lunga, come hanno testimoniato le finestre sempre illuminate - e le tre bandiere arcobaleno della pace - nella sede dell’organizzazione umanitaria, in Piazza Vittorio a Roma. Poco prima delle due, sulla stessa pagina compaiono altre poche parole: “Poco attendibile, lo dicono Palazzo Chigi, al Jazeera e tutte le fonti consultate. Aspettiamo e continuiamo a cercare notizie.” Alle 3.15 un’altra comunicazione: “Da un po’ non arrivano più notizie.

Rimane l’ipotesi di un messaggio poco attendibile. Speriamo. Ci vorrà tempo per verificare. Ritorniamo al silenzio e al lavoro. Finchè non avremo certezze non avremo pace. Per tutti e per tutte, le nostre margherite.” Un silenzio teso e denso di tentativi di capire che cosa davvero è accaduto: soltanto uno stupido, macabro, irresponsabile annuncio di chi crudelmente ’gioca’ con la vita umana, e non solo quella degli ostaggi, o un irrevocabile sentenza di morte? Ieri, 22, “Un ponte per...” aveva scritto: “Da 16 giorni si scrivono ipotesi e ricostruzioni sul sequestro di ràad, Manhaz, Simona e Simona. Oggi ne abbiamo lette di nuove. Tutte le notizie e letture possono avere elementi di verità , ogni tentativo di chiarire è il benvenuto. Ma la somma rimane zero. È ancora tutto possibile, ogni scenario è aperto. Continuiamo a non credere a nulla. Solo il sorriso di tutti e quattro davanti ai nostri occhi ci potrà rasserenare. Intanto a Baghdad morti e feriti civili per un autobomba e combattimenti attorno a Haifa Street. La nostra speranza, di ieri e di oggi, deriva dalla solidarietà che ci avete regalato, dalle iniziative con cui avete quotidianamente scandito queste due settimane, dagli appelli promossi di continuo dalle più diverse realtà sociali e religiose in Iraq e nel mondo arabo e mussulmano. Alcuni ci arrivano, altri li leggiamo dai media, tra questi segnaliamo il premio Nobel per la pace Shirin Ebadi e la società civile, gli ulema e personalità importanti delle comunità di Falluja che ancora sotto le bombe sono riusciti a trovare l’unità , il dialogo e la solidarietà per noi.

Questa è la nostra speranza.” Maria Grazia Terzi, sullo stesso sito, con il numero 5914 è stata tra le ultime a sottoscrivere l’appello per la liberazione di Simona Pari e Simona Torretta, le due operatrici umanitarie di un “Ponte per...” prese in ostaggio insieme a due collaboratori locali 17 giorni fa da un imprecisato gruppo iracheno. Maria Grazia scrive: “Nell’attesa del ritorno a casa di Mahnaz, Ra'ad, Simona e Simona, veri balsami per molte ferite, senza perdere la speranza, coltivando la tenerezza, mentre i potenti e i loro scherani danzano le loro danze macabre. Un abbraccio.” Stamattina, mentre continuano a passare ore angosciose, senza smentite nè conferme, la MISNA, rispettosa del silenzio di "Un ponte per...” sottoscrive l’appello per la liberazione e le parole di Maria Grazia Terzi, unendosi all’abbraccio e aggiungendo le sue margherite di speranza e tenerezza, insieme con una preghiera. [MB]

http://www.misna.org

NOTIZIA PRECEDENTE
http://www.ladysil...D=3808&SETTORE=IRAQ

Source by Redazione


LSNN is an independent publisher that relies on reader support. We disclose the reality of the facts, after careful observations of the contents rigorously taken from direct sources. LSNN is the longest-lived portal in the world, thanks to the commitment we dedicate to the promotion of authors and the value given to important topics such as ideas, human rights, art, creativity, the environment, entertainment, Welfare, Minori, on the side of freedom of expression in the world «make us a team» and we want you to know that you are precious!

Dissemination* is the key to our success, and we've been doing it well since 1999. Transparent communication and targeted action have been the pillars of our success. Effective communication, action aimed at exclusive promotion, has made artists, ideas and important projects take off. Our commitment to maintain LSNN is enormous and your contribution is crucial, to continue growing together as a true team. Exclusive and valuable contents are our daily bread. Let us know you are with us! This is the wallet to contribute.

*Dissemination is the process of making scientific and technical information accessible to a non-specialist public. This can come through various forms, such as books, articles, lectures, television programs and science shows.


Similar Articles / IRAQ: PE... SPERANZA