IL MESTIERE DI DIRIGERE : Ripensare compiti e responsabilità del management

Venerdì
19:14:41
Ottobre
01 2004

IL MESTIERE DI DIRIGERE : Ripensare compiti e responsabilità del management

di: Demattè, Claudio

View 133.0K

word 515 read time 2 minutes, 34 Seconds

Una raccolta dei principali scritti di Claudio Demattè il "professore manager" recentemente scomparso, tratti dagli editoriali che egli scriveva per Economia & Management, la rivista della SDA Bocconi da lui fondata: una sintesi di ciò che egli riteneva utile per la formazione di un'adeguata e moderna classe dirigente in Italia. Aziendalista attento ai problemi di gestione d'impresa, economista interessato ai problemi di policy e di governo dell’economia, uomo di finanza, Demattè è stato oltre che un appassionato docente e un fine ricercatore, anche un manager di notevole caratura alla guida di imprese come la Rai nel 1993 e le Ferrovie dello Stato nel 1998.

Contenuto
"Claudio Demattè ha tenuto sempre la testa alta, il cervello al riparo, i piedi per terra. Saggezza montanara e scienza raffinata. E il cuore attento a non perdere di vista l’uomo, nello studio a volte necessariamente freddo e schematico dei modelli d’impresa e di gestione. Tutto ruota intorno alle persone, alle loro qualità , alla loro preparazione. Non c’è procedura o formula che tenga. Il modello vincente è quello che coinvolge e motiva. Tutto deve essere flessibile, ma non lo spirito con il quale si lavora, la missione di un’impresa, il suo legame anche storico con la società a cui molto ha dato, ma dalla quale moltissimo ha ricevuto. Quando Demattè parla del managing by values, come modello alternativo a quello più rigido delle regole e delle procedure, si riferisce proprio all’insieme di qualità immateriali di un’organizzazione aziendale che nessun bilancio riporta correttamente e integralmente. Un modello certamente da non idealizzare. E Demattè non amava alcun totem manageriale e rifuggiva da semplificazioni e da esaltazioni. Ma certamente un terreno fertile per stimolare la creatività e scongiurare uno dei più gravi pericoli che corre un’impresa, non soltanto economica: la sclerosi del potere, la procedura come garanzia di scarsa concorrenza interna, il lento scivolare in una burocrazia autoreferenziale. L’ossessione del controllo anche a sacrificio dello sviluppo, dunque del futuro."
(dalla Prefazione di Ferruccio de Bortoli)

Profilo autore
Claudio Demattè (1942-2004) era professore ordinario di Economia aziendale presso l’Università Bocconi di Milano. Nel 1971 fondò la Scuola di Direzione Aziendale dello stesso ateneo, di cui fu prima direttore generale (dal 1973 al 1990) e poi presidente (dal 1996 al 2002). Nel 1988 fondò la rivista Economia & Management, di cui fu direttore editoriale fin dalla nascita. Ricoprì incarichi di grande importanza in aziende e gruppi di primo piano nell’economia del nostro Paese: presidente della Rai nel 1993, delle Ferrovie dello Stato nel 1998, membro di numerosi consigli di amministrazione, era inoltre presidente di E-Capital Partners, società di advisoring nel corporate finance e nella finanza etica, e di Aifi, l’Associazione Italiana Private Equity e Venture Capital.

Indice e argomenti trattati
Parte prima. L’impresa: un organismo da far crescere
Parte seconda. Persone alla guida delle imprese
Parte terza. Ripensare la corporate governance
Parte quarta. Strategia, finanza e mercati azionari
Parte quinta. Internazionalizzarsi per competere: un imperativo urgente
Parte sesta. Economia digitale: illusioni e disinganni.

Titolo: Il mestiere di dirigere
Autore: Demattè Claudio
Prezzo: EURO 20,00
Anno: 2004
Editore: Etas

Source by Silvia_Michela_Carrassi


LSNN is an independent editor which relies on reader support. We disclose the reality of the facts, after careful observations of the contents rigorously taken from direct sources, we work in the direction of freedom of expression and for human rights , in an oppressed society that struggles more and more in differentiating. Collecting contributions allows us to continue giving reliable information that takes many hours of work. LSNN is in continuous development and offers its own platform, to give space to authors, who fully exploit its potential. Your help is also needed now more than ever!

In a world, where disinformation is the main strategy, adopted to be able to act sometimes to the detriment of human rights by increasingly reducing freedom of expression , You can make a difference by helping us to keep disclosure alive. This project was born in June 1999 and has become a real mission, which we carry out with dedication and always independently "this is a fact: we have never made use of funds or contributions of any kind, we have always self-financed every single operation and dissemination project ". Give your hard-earned cash to sites or channels that change flags every time the wind blows , LSNN is proof that you don't change flags you were born for! We have seen the birth of realities that die after a few months at most after two years. Those who continue in the nurturing reality of which there is no history, in some way contribute in taking more and more freedom of expression from people who, like You , have decided and want to live in a more ethical world, in which existing is not a right to be conquered, L or it is because you already exist and were born with these rights! The ability to distinguish and decide intelligently is a fact, which allows us to continue . An important fact is the time that «LSNN takes» and it is remarkable! Countless hours in source research and control, development, security, public relations, is the foundation of our basic and day-to-day tasks. We do not schedule releases and publications, everything happens spontaneously and at all hours of the day or night, in the instant in which the single author or whoever writes or curates the contents makes them public. LSNN has made this popular project pure love, in the direction of the right of expression and always on the side of human rights. Thanks, contribute now click here this is the wallet to contribute


Similar Articles / IL MESTI...anagement