ANZIANI: POCHISSIMI I MATRIMONI, 200 MILA LE CONVIVENZE

MOVE

MOVE

Domenica
21:46:15
Ottobre
31 2004

ANZIANI: POCHISSIMI I MATRIMONI, 200 MILA LE CONVIVENZE

La poca voglia di nuove unioni tra i nonni italiani e i “gusti” di chi ci riprova in una indagine dell’Osservatorio della terza età

View 132.3K

word 625 read time 3 minutes, 7 Seconds

IL 10% DEI MASCHI CHE SI SPOSA LO FA CON CON ’RAGAZZA’ SOTTO I 35 ANNI

Meglio soli che male accompagnati recita un detto, forse preso troppo sul serio dagli anziani italiani soli, che hanno poca voglia di tentare un’unione o ritentare un nuovo rapporto. Se lo fanno, donne e uomini preferiscono convivere più che sposarsi. L’identikit della situazione nazionale viene messa a nudo da una indagine dell’Osservatorio della terza età , Ageing Society.

Dei 14,3 mln di persone sopra i 60 anni il il 42,8% è rappresentato da uomini ed il restante 57,2% da donne. Il 62,5% del totale sono coniugati (quasi 9 milioni in cifra assoluta), mentre vedovi e vedove sono poco più di 4 milioni (il 28%), divorziati e divorziate rappresentano solo l’1,2% (178 mila) e circa 1,2 milioni non si sono mai state sposate.

Leggendo più approfonditamente i dati si rileva che le percentuali tendono a divergere significativamente fra i due sessi: infatti, mentre l’82% degli uomini anziani risulta coniugato, le donne sono più del 48%. Ciò è essenzialmente spiegabile con la considerevole incidenza delle vedove sul numero delle donne anziane (il 41,4% del totale, contro appena il 10% degli uomini). Le divorziate, inoltre, sono in leggera prevalenza rispetto agli uomini (rispettivamente 1,3% contro 1,1%).

Nel complesso i nonni ’single’ sfiorano i 5 milioni 380 mila e la stragrande maggioranza di essi è destinata a restare tale. Motivi di carattere economico, difficoltà pratiche, rassegnazione, mentalità legata al pudore di fare coppia in età avanzata, sono alla base del fenomeno che vede l’anziano destinato a trascorrere l’ultima parte della sua esistenza senza una persona al suo fianco.

Quanti, per la verità molto pochi, decidono di sovvertire questa tendenza, optano per la convivenza senza legami giuridici. L’Osservatorio della terza età ha messo in evidenza che 200 mila delle 800 mila coppie di fatto italiane, cioè una su quattro, sono formate da over 60enni. Di contro le persone con almeno 60 anni di età che, nel 2000, hanno contratto matrimonio sono 5.600 (solo il 2% del totale dei matrimoni celebrati nel paese), di cui 4.139 uomini e 1.456 donne. Se per gli uomini, il 41,2% dei relativi matrimoni sono contratti da vedovi, il 34,2% da divorziati ed il restante 24,6% da celibi, inversamente, il 44,9% delle donne che convola a giuste nozze e’ nubile, il 28,8% sono divorziate ed il restante 26,2% sono vedove.

In termini relativi, però, i valori più elevati si riscontrano per i divorziati: ogni 1.000 anziani uomini 20 si risposano, contro un’incidenza che per le donne è pari al 4 per mille. Di contro, invece, ogni mille donne anziane sposate quasi 2 si separano; valore che per gli uomini scende all’1,6.

Abbastanza singolare, poi, sono gli incroci di età tra le nuove unioni. Per gli uomini anziani che contraggono matrimonio, la consorte ha circa 52 anni; per le donne si sale a 63 anni. Ma la cosa più interessante e’ che il 10% degli uomini si sposano con una donna che ha meno di 35 anni di età , possibilmente bionda e carina, mentre solo il 3,7% delle anziane si unisce con uomini poco più che trentenni. Addirittura per il 5,1% dei maschi, molto probabilmente con un solido conto in banca, l’età della sposa è inferiore ai 30 anni (2,1% per le donne). Inoltre ben il 79% delle donne anziane sceglie un consorte con almeno 60 anni di età , contro un’incidenza che per gli uomini flette sotto il 28%.

Anziani che contraggono matrimonio

“La scarsa propensione tra gli anziani a creare un nuovo nucleo familiare " osserva Roberto Messina, segretario generale dell’Osservatorio della terza età " e’ dovuta anche dalla mancanza di convenienza a farlo. In caso di matrimonio, per esempio, si perde la reversibilità , ma non si tiene conto dei risparmi possibili se gli anziani potessero contare sulla reciproca solidarietà nella vita di tutti i giorni”.

DI DUNDAR KESAPLI

Source by Redazione


LSNN is an independent editor which relies on reader support. We disclose the reality of the facts, after careful observations of the contents rigorously taken from direct sources, we work in the direction of freedom of expression and for human rights , in an oppressed society that struggles more and more in differentiating. Collecting contributions allows us to continue giving reliable information that takes many hours of work. LSNN is in continuous development and offers its own platform, to give space to authors, who fully exploit its potential. Your help is also needed now more than ever!

In a world, where disinformation is the main strategy, adopted to be able to act sometimes to the detriment of human rights by increasingly reducing freedom of expression , You can make a difference by helping us to keep disclosure alive. This project was born in June 1999 and has become a real mission, which we carry out with dedication and always independently "this is a fact: we have never made use of funds or contributions of any kind, we have always self-financed every single operation and dissemination project ". Give your hard-earned cash to sites or channels that change flags every time the wind blows , LSNN is proof that you don't change flags you were born for! We have seen the birth of realities that die after a few months at most after two years. Those who continue in the nurturing reality of which there is no history, in some way contribute in taking more and more freedom of expression from people who, like You , have decided and want to live in a more ethical world, in which existing is not a right to be conquered, L or it is because you already exist and were born with these rights! The ability to distinguish and decide intelligently is a fact, which allows us to continue . An important fact is the time that «LSNN takes» and it is remarkable! Countless hours in source research and control, development, security, public relations, is the foundation of our basic and day-to-day tasks. We do not schedule releases and publications, everything happens spontaneously and at all hours of the day or night, in the instant in which the single author or whoever writes or curates the contents makes them public. LSNN has made this popular project pure love, in the direction of the right of expression and always on the side of human rights. Thanks, contribute now click here this is the wallet to contribute


Similar Articles / ANZIANI:...ONVIVENZE
from: ladysilvia
by: GDF