DOPO ELEZIONI: “UN CASO DI ECCESSIVA ESALTAZIONE MEDIATICA”

Giovedì
10:27:52
Febbraio
03 2005

DOPO ELEZIONI: “UN CASO DI ECCESSIVA ESALTAZIONE MEDIATICA”

View 173.3K

word 486 read time 2 minutes, 25 Seconds

IRAQ, Adel Jabbar invita inoltre a non dimenticare quella parte degli elettori " quasi la metà della popolazione - che non ha esercitato il diritto di voto e perciò non sarà rappresentata nell’Assemblea costituente: “Non è vero " dice il sociologo alla MISNA - che ad astenersi sono stati solo i sunniti; i ’non votanti’ fanno parte di un ventaglio di associazioni politiche, religiose e sociali assolutamente trasversali, e tra essi ci sono anche molti sciiti”.

Al di là dei dubbi sull’esito delle votazioni, il docente ritiene che sarebbe comunque una soluzione positiva se, d’ora in poi, gli iracheni riuscissero a decidere della propria sorte, dopo 35 anni di dittatura e dopo la guerra sferrata dagli Usa al Paese nel 2003 per rovesciare Saddam Hussein. È proprio ora, però, che si aprono una serie di sfide: “La prima " prosegue l’intervistato " riguarda appunto l’occupazione statunitense, che è il vero problema dell’Iraq in questo momento, e non certo, come molti vorrebbero far credere, la conflittualità tra sunniti e sciiti.

L’attore principale della politica irachena sono gli Usa, e bisogna vedere se saranno disponibili a lasciare il posto ad altri attori. La seconda sfida che dovrà affrontare l’Iraq è quella alla corruzione: la stampa ne segnala già alcuni casi, mentre le cariche pubbliche vengono distribuite secondo criteri di familismo e nepotismo e gli iracheni continuano a lamentarsi di come vengono spartite le ricchezze del Paese. Un terzo problema riguarda i diritti umani, che il governo attuale ha dimostrato di non saper tutelare. Ma il vero rischio del prossimo futuro " sottolinea Jabbar - potrebbe essere la pluralizzazione del dispotismo: da un regime dispotico come quello di Saddam Hussein si potrebbe passare a tanti piccoli regimi che affidano la delega del controllo della comunità a capi religiosi, signori della guerra o leader tribali”. Alcuni osservatori, pur continuando a ritenere un grave errore l’intervento armato anglo-statunitense in Iraq, pensano che le elezioni siano state il passo successivo e inevitabile di un processo ormai avviato e quasi un ’atto dovuto’ nei confronti di un popolo che ha già pagato troppo in termini di sofferenze e vite umane.

“Allora per far votare la gente è necessario distruggere città e bombardare un Paese?” si chiede Jabbar. “E se il governo di Bush tiene tanto alla democrazia, perché ha assunto comportamenti diversi in America Latina o nei confronti di altre dittature? La questione non è rivendicare la legittimità di certi schemi ideologici nè schierarsi per partito preso con una parte piuttosto che un’altra; la questione è più complessa e riguarda un popolo che soffre, che non ha cibo sufficiente, nè acqua, nè servizi ed è in ginocchio a causa della disoccupazione. Staremo a vedere se nei prossimi mesi, e nei prossimi anni, l’Iraq riuscirà a riappropriarsi del proprio destino e a superare le molteplici sfide disseminate ancora sulla sua strada”. (a cura di Luciana Maci) [LM]

www.misna.org

Source by Redazione


LSNN is an independent editor which relies on reader support. We disclose the reality of the facts, after careful observations of the contents rigorously taken from direct sources, we work in the direction of freedom of expression and for human rights , in an oppressed society that struggles more and more in differentiating. Collecting contributions allows us to continue giving reliable information that takes many hours of work. LSNN is in continuous development and offers its own platform, to give space to authors, who fully exploit its potential. Your help is also needed now more than ever!

In a world, where disinformation is the main strategy, adopted to be able to act sometimes to the detriment of human rights by increasingly reducing freedom of expression , You can make a difference by helping us to keep disclosure alive. This project was born in June 1999 and has become a real mission, which we carry out with dedication and always independently "this is a fact: we have never made use of funds or contributions of any kind, we have always self-financed every single operation and dissemination project ". Give your hard-earned cash to sites or channels that change flags every time the wind blows , LSNN is proof that you don't change flags you were born for! We have seen the birth of realities that die after a few months at most after two years. Those who continue in the nurturing reality of which there is no history, in some way contribute in taking more and more freedom of expression from people who, like You , have decided and want to live in a more ethical world, in which existing is not a right to be conquered, L or it is because you already exist and were born with these rights! The ability to distinguish and decide intelligently is a fact, which allows us to continue . An important fact is the time that «LSNN takes» and it is remarkable! Countless hours in source research and control, development, security, public relations, is the foundation of our basic and day-to-day tasks. We do not schedule releases and publications, everything happens spontaneously and at all hours of the day or night, in the instant in which the single author or whoever writes or curates the contents makes them public. LSNN has made this popular project pure love, in the direction of the right of expression and always on the side of human rights. Thanks, contribute now click here this is the wallet to contribute


Similar Articles / DOPO ELE...TICA”