PASQUA: ITALIANI A TAVOLA CON IL “TIPICO”, UNA SPESA DI 2 MLD DI EURO

Martedì
13:12:00
Marzo
22 2005

PASQUA: ITALIANI A TAVOLA CON IL “TIPICO”, UNA SPESA DI 2 MLD DI EURO

View 159.1K

word 393 read time 1 minute, 57 Seconds

Pasqua ancora una volta all’insegna del “tipico”. E gli italiani per comprare prodotti tipici e tradizionali (carni, agnelli, salumi, formaggi, ortaggi, frutta, dolci) legati alle nostre terre spenderanno più di 1,5 miliardi di euro. Ai quali si aggiungeranno altri 450 milioni di euro per vini e spumanti.

Un totale,quindi, di circa 2 miliardi di euro. Lo rende noto la Cia-Confederazione italiana agricoltori la quale, attraverso un’analisi condotta sull’intero territorio nazionale, sottolinea che la scelta del prodotto tipico e della qualità è confermata anche dall’affluenza nelle aziende agrituristiche che già registrano il tutto esaurito per il prossimo fine settimane. Saranno, infatti, più di 350 mila i turisti (moltissimi anche stranieri) che trascorreranno alcuni giorni di relax a contatto con la natura e spenderanno per le loro vacanze in campagna circa 170 milioni di euro.

Secondo l’indagine della Cia, gli italiani ripartiranno in questo modo le spese per i prodotti tipici: 430 milioni di euro per i formaggi, 470 milioni di euro per salumi, insaccati e agnelli, 250 milioni di euro per ortofrutticoli (in particolare, carciofi, asparagi, radicchio) e per i legumi, 360 milioni di euro per l’olio d’oliva.

Da non dimenticare, poi, le uova che durante la settimana santa se ne consumeranno più di 380 milioni soprattutto per fare i classici dolci pasquali, per una spesa complessiva che si aggira attorno ai 60 milioni di euro. Dunque, anche per le ormai imminenti festività di Pasqua si rafforza la tendenza e l’attenzione verso le produzioni tipiche e di qualità , che rappresentano un patrimonio economico e culturale dell’agricoltura italiana. Basti pensare che i prodotti a denominazione di origine (Dop e Igp), di cui l’Italia ha la leadership in Europa con 149 prodotti, hanno un giro d’affari di 9 miliardi di euro, pari al 10 per cento della produzione ai prezzi di base dell’agricoltura nazionale e danno lavoro, tra attività dirette e indotto, a più di 300 mila persone. Insomma, la scelta alimentare, specialmente nelle ricorrenze festive (come Natale e Pasqua), è più mirata.

A differenza degli altri periodi dell’anno, si guarda di più alle caratteristiche del prodotto e c’è la propensione a spendere per avere qualità e tipicità . Sulle tavole imbandite e nelle “scampagnate” per le cosiddette gite “fuori porta” del giorno di Pasquetta i prodotti tipici faranno, quindi, la parte del leone.

DI DUNDAR KESAPLI

Source by Redazione


LSNN is an independent publisher that relies on reader support. We disclose the reality of the facts, after careful observations of the contents rigorously taken from direct sources. LSNN is the longest-lived portal in the world, thanks to the commitment we dedicate to the promotion of authors and the value given to important topics such as ideas, human rights, art, creativity, the environment, entertainment, Welfare, Minori, on the side of freedom of expression in the world «make us a team» and we want you to know that you are precious!

Dissemination* is the key to our success, and we've been doing it well since 1999. Transparent communication and targeted action have been the pillars of our success. Effective communication, action aimed at exclusive promotion, has made artists, ideas and important projects take off. Our commitment to maintain LSNN is enormous and your contribution is crucial, to continue growing together as a true team. Exclusive and valuable contents are our daily bread. Let us know you are with us! This is the wallet to contribute.

*Dissemination is the process of making scientific and technical information accessible to a non-specialist public. This can come through various forms, such as books, articles, lectures, television programs and science shows.


Similar Articles / PASQUA: ...D DI EURO