La Società Dalmata di Storia Patria ha compiuto 80 anni

Venerdì
14:07:17
Luglio
14 2006

La Società Dalmata di Storia Patria ha compiuto 80 anni

La Società Dalmata di Storia Patria, ad 80 anni dalla fondazione insignita della Medaglia dei Benemeriti della Cultura.  

View 134.1K

word 1.1K read time 5 minutes, 30 Seconds

La Società Dalmata di Storia Patria fu fondata in Zara il 26 marzo 1926.

A quell’epoca Zara, in seguito al Trattato di Rapallo del 1920, era stata ricongiunta al Regno d’Italia. Non era però la Dalmazia che i Dalmati Italiani avrebbero voluto ricongiungere all’Italia. Ma Zara, quale vecchia capitale della Dalmazia, poteva almeno ambire a considerarsi la rappresentante spirituale di tutta la Dalmazia, o almeno custode della sua memoria storica. Non aveva quindi molta importanza l’esiguità del territorio dalmata assegnato con Zara all’Italia: l’oggetto specifico di interesse della Società Dalmata di Storia Patria non era la Dalmazia allora politicamente appartenente all’Italia, ma la Dalmazia storica, dal Golfo del Carnà ro alle Bocche di Cà ttaro.

Ma fu proprio per la singolare posizione geo-politica occupata nel primo dopoguerra da Zara rispetto all’Italia peninsulare, che la Società Dalmata presentò fin dalla sua nascita caratteri di comunanza ma anche di anomalia rispetto alle consorelle Società e Deputazioni di Storia Patria delle altre regioni del Regno d’Italia. Il territorio di riferimento, la Dalmazia, era infatti nella quasi totalità non più giuridicamente italiano e gli Italiani di Dalmazia erano un gruppo destinato a ridursi, ma non a scomparire. Da ciò il duplice grande compito che impegnò i primi soci della Società Dalmata di Storia Patria: quello scientifico di studiare la “storia patria” come tutte le Società consorelle con quello patriottico di perpetuare la memoria del contributo dato dai Dalmati alla civiltà italiana, dall’epoca romana ad oggi.

Di questo duplice compito fu interprete, fra i più autorevoli, il primo presidente della Società , Giuseppe Praga, storico insigne, autore tra l’altro di un’epocale Storia della Dalmazia edita più volte e tradotta anche in inglese, nella quale l’attenzione preferenziale data dall’autore al fattore storico italiano in Dalmazia non impedì di cogliere l’intreccio con altri fattori, fra cui quello slavo. Del resto Praga fu anche direttore dell’Archivio di Stato e, per un decennio prima della seconda guerra mondiale, direttore della Biblioteca Comunale Paravia di Zara, della quale curò l’accrescimento, arricchendola non solo con opere italiane, ma anche " come gli riconobbero dopo il 1945 i successori nella direzione della Biblioteca, ormai croati" con opere straniere, soprattutto slave.

La vita della Società Dalmata non furono mai facile, dati i tempi del primo dopoguerra e le vicende disastrose vissute con la seconda guerra mondiale ed il secondo dopo-guerra. Già nel 1935, a seguito della riorganizzazione centralizzata degli studi storici in Italia, la Società Dalmata fu forzatamente sciolta ed unita alla Regia Deputazione di Storia Patria per le Venezie quale “Sezione Dalmata”. Questo provvedimento può chiarire i termini della pretesa protezione del fascismo verso i Dalmati. Ci fu poi la guerra e, con l’esodo degli italiani di Dalmazia, il blocco delle attività .

Per iniziativa di alcuni Dalmati esuli in Italia, nel 1961, la Società Dalmata di Storia Patria rinacque in Roma. Il merito di questa rinascita e della sua successiva vita va ad alcuni intraprendenti uomini di azione e studiosi italo-dalmati, profughi dopo la guerra e l’esodo, come i due fratelli Ildebrando e Antonio Tacconi, Manlio Cace, Angelo de Benvenuti, Vincenzo Fasolo, Niccolò Luxardo, Attilio Budrovich, più tardi il lessicografo Aldo Duro, i due Ziliotto e molti altri, affiancati in numero sempre maggiore da studiosi italiani e stranieri, che non avevano alcun legame specifico con la Dalmazia.

Si veniva infatti operando un ricambio generazionale, evidente anche nella struttura organizzativa della Società , che dal 1987 vide al suo vertice, con l’avvento di Massimiliano Pavan, dei presidenti non dalmati, eredi peraltro di tutta la ricchezza di idee che aveva animato la fase anche etnicamente dalmata della vita della società , da Vincenzo Fasolo (primo presidente nel 1961) a Manlio Cace, Antonio Just Verdus, Furio Fasolo. In quel periodo fu fondamentale l’opera della segretaria Gica Bobich, zaratina che, fino alla morte nel 1986, garantì il passaggio dalla vecchio gruppo dirigente ai nuovi soci ed ai nuovi Consigli di presidenza nei quali per lunghi anni (1984-1999) sarebbe stato vice-presidente il giurista della Sapienza romana Claudio Schwarzenberg, di Fiume.

Frutto dell’attività della Società sono le varie decine di volumi degli “Atti e memorie della Società Dalmata di Storia Patria” e dei collaterali “Studi e testi” pubblicati dalla “sezione romana” della Società , con gli altrettanti volumi pubblicati dalla “sezione veneta” (che a fine anni ’80 era stata fondata in Venezia), meritevole questa anche per la riedizione di alcuni “classici” della storiografia dalmata. Significativi i convegni che " anche in collaborazione con le Università di Roma, Venezia,Trieste, Macerata, Vienna, Zagabria, Zara, Spalato, con la “Società Dante Alighieri”, con l’”Istituto della Enciclopedia Italiana”, la “Fondazione Giorgio Cini” di Venezia, l’”Accademia Marchigiana di Scienze, Lettere e Arti” - sono stati da essa organizzati in Italia e all’Estero. Vanno poi aggiunti la partecipazione dei suoi membri ad innumerevoli iniziative scientifico-culturali in Italia a all’Estero sui problemi della Dalmazia ed il supporto dato in vari modi a studiosi di storia dalmata.
Il compito di conservare la memoria della cultura italo-dalmata è stato attuato dalla Società Dalmata di Storia Patria soprattutto con il lavoro storiografico: la pubblicazione di saggi, di fonti, di studi, da parte di studiosi italiani e stranieri, spesso di altissimo valore scientifico. Basti ricordare, tra gli italiani, Masimiliano Pavan, Ugo Tucci, Sante Graciotti, Paolo Preto, Lorenzo Braccesi, Giuliano Bonfante, Girolamo Arnaldi, Sergio Anselmi, Ulderico Bernardi, Domenico Caccamo, Rita Tolomeo, Carlo C. Cipriani, insieme con un fedele gruppo di studiosi viennesi e ungari, ai quali si aggiungono collaboratori serbi e croati. L’attuale presidente, l’insigne slavista Sante Graciotti, è accademico dei Lincei. Attraverso la scelta dei soci e dei collaboratori la Società vuole contribuire a creare in Italia e all’estero delle nuove generazioni di ricercatori, forniti di obiettivi di ricerca e strumenti di lavoro adeguati ai tempi. E’ a loro " in particolare agli Istituti universitari italiani interessati alla storia dell’Est Europa (spesso immemori della Dalmazia) e a quelli slavi dedicati all’Italia e alla cultura italiana - che la Società Dalmata di Storia Patria intende affidare il compito di concentrare l’ attenzione sul bacino adriatico, anche come luogo deputato di amicizia e di integrazione tra Ovest ed Est europeo, ruolo svolto per secoli dalle terre e dalle genti dalmate, come spesso della pubblicistica incolta, partigiana e faziosa, scorda in continuazione.

Per gli 80 anni della Società Dalmata di Storia Patria, il 10 febbraio 2006 Poste Italiane ha emesso un francobollo commemorativo. Il Ministero per il Beni Culturali ha assegnato la Medaglia dei benemeriti della Cultura e dell’Arte.

Source by Anonimo


LSNN is an independent editor which relies on reader support. We disclose the reality of the facts, after careful observations of the contents rigorously taken from direct sources, we work in the direction of freedom of expression and for human rights , in an oppressed society that struggles more and more in differentiating. Collecting contributions allows us to continue giving reliable information that takes many hours of work. LSNN is in continuous development and offers its own platform, to give space to authors, who fully exploit its potential. Your help is also needed now more than ever!

In a world, where disinformation is the main strategy, adopted to be able to act sometimes to the detriment of human rights by increasingly reducing freedom of expression , You can make a difference by helping us to keep disclosure alive. This project was born in June 1999 and has become a real mission, which we carry out with dedication and always independently "this is a fact: we have never made use of funds or contributions of any kind, we have always self-financed every single operation and dissemination project ". Give your hard-earned cash to sites or channels that change flags every time the wind blows , LSNN is proof that you don't change flags you were born for! We have seen the birth of realities that die after a few months at most after two years. Those who continue in the nurturing reality of which there is no history, in some way contribute in taking more and more freedom of expression from people who, like You , have decided and want to live in a more ethical world, in which existing is not a right to be conquered, L or it is because you already exist and were born with these rights! The ability to distinguish and decide intelligently is a fact, which allows us to continue . An important fact is the time that «LSNN takes» and it is remarkable! Countless hours in source research and control, development, security, public relations, is the foundation of our basic and day-to-day tasks. We do not schedule releases and publications, everything happens spontaneously and at all hours of the day or night, in the instant in which the single author or whoever writes or curates the contents makes them public. LSNN has made this popular project pure love, in the direction of the right of expression and always on the side of human rights. Thanks, contribute now click here this is the wallet to contribute


Similar Articles / La Socie...o 80 anni
from: ladysilvia
by: AIFA