Stato e mercato possono convivere. Ma serve una costituzione economica

MOVE

MOVE

Giovedì
03:56:36
Gennaio
04 2007

Stato e mercato possono convivere. Ma serve una costituzione economica

Lapo Berti, economista e dirigente dell’Antitrust, in un libro di ampio respiro, ma compatto nella forma, sostiene che, con la caduta del Muro di Berlino, è svanita la contrapposizione tra stato e mercato

View 169.3K

word 524 read time 2 minutes, 37 Seconds

su Ladysilvia: Solo un’illusione ottica può far ritenere che il crollo dl Muro di Berlino abbia segnato il trionfo del mercato sullo stato. In realtà , scrive Lapo Berti in Il mercato oltre le ideologie (Università Bocconi editore, 2006, 240 pagine, 14 euro), “quando una polarità viene meno, tutti e due gli estremi ne sono toccati. Nessuno dei due può sopravvivere intatto”. La fine delle ideologie ha, perciò, aperto la possibilità di pensare stato e mercato in modo complementare anzichè conflittuale.

Nella prospettiva riformista proposta da Berti, “stato e mercato devono operare ciascuno nel perseguimento degli obiettivi che gli sono propri, ma integrandosi e compensandosi a vicenda, in un rapporto di continua e reciproca verifica dei risultati”.

L’opera di Berti, economista e dirigente dell’Autorità garante della concorrenza e del mercato, è ambiziosa nel respiro e compatta nella forma.

Quella del mercato, spiega Berti, è una metafora ormai data per scontata, ma tutt’altro che neutra e da analizzare nelle sue origini storiche. È, anzi, “il punto di arrivo e di coagulo di un lungo processo di riconoscimento e di laicizzazione dello spazio economico, nel corso del quale si è progressivamente affermata l’idea che la minaccia per l’ordine sociale costituita dall’aspirazione all’avere, al possedere, dall’eccesso dell’avidità e dell’avarizia, potesse essere neutralizzata, invece che dall’amministrazione ecclesiastica (la gestione monastica del patrimonio collettivo, la consacrazione della destinazione dei beni, la charitas), dal meccanismo livellatore della concorrenza, potenzialmente creatore di giustizia ! in quanto uguaglianza”.

Giustizia e uguaglianza, d’altra parte, non sono state raggiunte nè dove la società veniva risolta nel mercato, nè dove ci si illudeva di imporle attraverso l’azione regolatrice dello stato. È perciò il momento di rendersi conto che “lo stato e il mercato sono due meccanismi che allocano le risorse e distribuiscono il reddito, operando sulla base di principi diversi, quello della coesione sociale il primo e quello dell’efficienza il secondo, e realizzando quindi risultati diversi”. In un rapporto di controllo reciproco, la democrazia cerca perciò di impedire l’esclusione da parte del mercato, mentre il mercato limita le possibilità di influenza politica sulla vita dei cittadini.

C’è, però, un tassello mancante per rendere questa architettura veramente efficiente. Il controllo del mercato sullo stato funziona, infatti, meglio dell’inverso, perché ovunque le costituzioni democratiche, dettano le regole di funzionamento del sistema politico, distinguono i poteri legittimi e ne regolano i rapporti e limitano l’arbitrio dello stato. Non esiste da nessuna parte, invece, una costituzione economica che individui le forme di esercizio del potere economico compatibili con i valori delle costituzioni democratiche. Le sole norme che regolano l’attività economica non sono sufficienti a raggiungere questo risultato, come dimostrano i risultati ondivaghi di un secolo di interventi antitrust in tutto il mondo.

Con Il mercato oltre le ideologie si conclude un'ideale trilogia del mercato pubblicata da Università Bocconi editore. Leggi le schede degli altri due volumi:

FONTE: BOCCONI

Source by Redazione


LSNN is an independent publisher that relies on reader support. We disclose the reality of the facts, after careful observations of the contents rigorously taken from direct sources. LSNN is the longest-lived portal in the world, thanks to the commitment we dedicate to the promotion of authors and the value given to important topics such as ideas, human rights, art, creativity, the environment, entertainment, Welfare, Minori, on the side of freedom of expression in the world «make us a team» and we want you to know that you are precious!

Dissemination* is the key to our success, and we've been doing it well since 1999. Transparent communication and targeted action have been the pillars of our success. Effective communication, action aimed at exclusive promotion, has made artists, ideas and important projects take off. Our commitment to maintain LSNN is enormous and your contribution is crucial, to continue growing together as a true team. Exclusive and valuable contents are our daily bread. Let us know you are with us! This is the wallet to contribute.

*Dissemination is the process of making scientific and technical information accessible to a non-specialist public. This can come through various forms, such as books, articles, lectures, television programs and science shows.


Similar Articles / Stato e ...economica