Bullismo ed omofobia a scuola

MOVE
MOVE
Venerdì
04:35:39
Marzo
30 2007

Bullismo ed omofobia a scuola

View 155.6K

word 503 read time 2 minutes, 30 Seconds

ARCIGAY E DIRITTO su Ladysilvia; Gli insulti e gli atti di bullismo, specie se continuati e sistematici " osserva Lelleri - possono indurre un forte senso di isolamento, solitudine e inadeguatezza, nei ragazzi e nelle ragazze omosessuali e bisessuali, o che stiano iniziando a prendere coscienza della propria omosessualità o bisessualità , anche quando non sono rivolti personalmente contro di loro. Sono inoltre diseducativi nei confronti di tutti gli studenti, anche di quelli eterosessuali. In queste condizioni i giovani assorbono il disprezzo e l’ostilità verso le persone omosessuali, prima ancora di riconoscersi come tali. Il processo di scoperta e conoscenza di sè rischia quindi di diventare drammatico”.

L’indagine di Schoolmates coinvolge in Europa oltre 1200 studenti e insegnanti. In Italia ha riguardato 437 persone, tra studenti (365), insegnanti (55), personale non docente (12), e altri non classificati (5). Le scuole interessate sono state il liceo classico Galvani (102 intervistati) e il liceo scientifico Copernico (98) a Bologna, L’istituto tecnico Mattei (81) a San Lazzaro (Bo), il liceo scientifico Tassoni (79) e l’istituto tecnico per attività sociali Selmi (77) a Modena. I questionari sono stati raccolti durante il 2006.

Il progetto Schoolmates è partito nel 2006 e si concluderà nel 2008. Si avvale di oltre 237mila euro, di cui 186mila stanziati dall’Unione europea nell’ambito del programma “Daphne II” contro la violenza verso donne, bambini e adolescenti. I restanti 51mila euro sono messi a disposizione dalle organizzazioni partner. Oltre ad Arcigay, in qualità di capofila, l’associazione spagnola Colegas, di Madrid, l’Ufficio antidiscriminazioni del Comune di Vienna in Austria, e l’associazione Kph di Varsavia, in Polonia.

Nei paesi partner sono presenti forti preconcetti e pregiudizi riguardo all’omosessualità che si manifestano nell’emarginazione, nella prevaricazione e nell’aggressione verbale e psicologica verso persone che sono o sembrano essere omosessuali. Questa situazione è più evidente nelle scuole, dove il fenomeno del bullismo, spesso motivato da xenofobia e omofobia, è assai pervasivo. Più evidente ed anche più grave perché le vittime sono adolescenti, cioè persone nel pieno sviluppo della propria identità sessuale.

Nelle scuole, tra adolescenti, i commenti verbali dispregiativi verso lesbiche e gay, gli insulti a volte accompagnati da minacce o veri e propri atti di violenza fisica, sono molto frequenti: un'indagine italiana del 1999 ha messo in luce che 3 omosessuali su 4, sia femmine che maschi, hanno subito ingiurie o minacce verbali a scuola, a causa del loro orientamento sessuale.

Inoltre, il silenzio ed i pregiudizi su questo tema sia da parte del personale scolastico, insegnanti compresi, sia da parte dei pari veicolano valori altamente dispregiativi nei confronti degli omosessuali. Questo atteggiamento aumenta il senso di vulnerabilità ed isolamento che gli adolescenti omosessuali provano di fronte ai soprusi. Si innesca così un meccanismo vizioso: l’adolescente vittima di prevaricazione, consapevole di vivere in un ambiente potenzialmente ostile, non porta all’attenzione del personale scolastico le aggressioni di cui è oggetto, non chiede aiuto e si isola ulteriormente. Così facendo diventa più facilmente bersaglio di azioni di bullismo.

LA REDAZIONE
Ladysilvia it National Network

Maggiori informazioni sul progetto
http://www.arcigay...s/ITA/progetto.html

Source by Redazione


LSNN is an independent editor which relies on reader support. We disclose the reality of the facts, after careful observations of the contents rigorously taken from direct sources, we work in the direction of freedom of expression and for human rights , in an oppressed society that struggles more and more in differentiating. Collecting contributions allows us to continue giving reliable information that takes many hours of work. LSNN is in continuous development and offers its own platform, to give space to authors, who fully exploit its potential. Your help is also needed now more than ever!

In a world, where disinformation is the main strategy, adopted to be able to act sometimes to the detriment of human rights by increasingly reducing freedom of expression , You can make a difference by helping us to keep disclosure alive. This project was born in June 1999 and has become a real mission, which we carry out with dedication and always independently "this is a fact: we have never made use of funds or contributions of any kind, we have always self-financed every single operation and dissemination project ". Give your hard-earned cash to sites or channels that change flags every time the wind blows , LSNN is proof that you don't change flags you were born for! We have seen the birth of realities that die after a few months at most after two years. Those who continue in the nurturing reality of which there is no history, in some way contribute in taking more and more freedom of expression from people who, like You , have decided and want to live in a more ethical world, in which existing is not a right to be conquered, L or it is because you already exist and were born with these rights! The ability to distinguish and decide intelligently is a fact, which allows us to continue . An important fact is the time that «LSNN takes» and it is remarkable! Countless hours in source research and control, development, security, public relations, is the foundation of our basic and day-to-day tasks. We do not schedule releases and publications, everything happens spontaneously and at all hours of the day or night, in the instant in which the single author or whoever writes or curates the contents makes them public. LSNN has made this popular project pure love, in the direction of the right of expression and always on the side of human rights. Thanks, contribute now click here this is the wallet to contribute


Similar Articles / Bullismo... a scuola