Odetta a Musicultura: l’affettuoso ricordo della sua ultima partecipazione in Europa

Venerdì
11:08:55
Dicembre
05 2008

Odetta a Musicultura: l’affettuoso ricordo della sua ultima partecipazione in Europa

Odetta a Musicultura, Il ricordo affettuoso dell’ultima apparizione europea della leggenda del folk scomparsa il 2 dicembre: nel giugno scorso all’Arena Sferisterio. Musicultura festival è stato per Odetta l’ultima apparizione in Italia e in Europa.

View 133.8K

word 725 read time 3 minutes, 37 Seconds

Milano: Era il 14 giugno 2008: all’Arena Sferisterio di Macerata Odetta sembrava un piccolo puntino in un enorme palco. Acceso il microfono, la sua voce seppe colmare l’ampiezza dell’Arena, fino a farla risultare un nulla nei confronti della sua grandezza artistica, interpretativa, umana.

Faceva freddo come fosse pieno inverno: la sua voce si levò alta e limpida nell’aria gelida, arrivando dritta al pubblico, sinceramente trascinato alla commozione da quei versi e quelle corde vocali, ferme nonostante un fisico stanco e intirizzito dal freddo.

"La performance a Musicultura della grande regina della musica popolare Odetta, che si commosse di fronte alla standing ovation decretatale dal pubblico dello Sferisterio, resterà una delle pagine più belle di questo nostro festival". È con queste parole che il Direttore Artistico di Musicultura Piero Cesanelli ricorda la scomparsa della leggenda della musica afroamericana, che influenzò artisti come Bob Dylan e Janis Joplin, e che Musicultura ha avuto l’onore di ospitare lo scorso giugno, in occasione della XIX edizione del festival della canzone popolare e d'autore.

La grande artista quasi un anno fa accettò l’invito di Musicultura grazie anche alla collaborazione di Vania Santi e Sergio Fornasari della Blue sky Promotion. Odetta apprezzò lo spirito e le finalità del festival, al punto che affrontò le fatiche del viaggio in Europa appositamente per questo appuntamento.

La sua partecipazione non si limitò alla performance sul palco. Odetta soggiornò alcuni giorni a Macerata dove incontrò gli studenti dell’Università di Macerata e Camerino nel pomeriggio del 13 giugno. "l’arte, la vita e l’impegno di una leggenda del folk": questo il titolo della conferenza ospitata nell’Aula Magna dell’Ateneo maceratese.

Intervistata da Valerio Corzani, Odetta raccontò gli anni della segregazione razziale, dell’America di ieri e di oggi, ma soprattutto della sua musica: "Avendo vissuto in un periodo in cui i pregiudizi razziali erano ancora fortemente radicati nella società americana, si viveva la musica come un rifugio, una dimensione scevra da qualunque crudeltà. La musica ha costituito una forza fondamentale per superare le bruttezze di quegli anni: quando iniziava la musica tutto il resto taceva. La musica popolare, con le sue storie e le sue canzoni, mi ha aiutato a prendere consapevolezza dell’altro, del vicino e mi ha inesorabilmente condotto all’evento che poi avrebbe cambiato la mia vita, la vita di tutta la mia comunità". l’evento in questione era la Marcia di Washington, in occasione della quale Martin Luther King pronunciò il suo celebre discorso "I have a dream": "Ho il ricordo di un vivo stupore nel vedere una simile moltitudine di persone muoversi insieme, per la stessa causa... Qualcuno allora pensava che la nostra non fosse una comunità unita, ma noi abbiamo dimostrato al mondo che ci dovevano rispetto perché lo eravamo. l’importanza dell’operato di Martin Luther King sta tutto nell’averci restituito la licenza di pensare ed agire da liberi cittadini, con piena dignità".

Le Università di Camerino e Macerata, partner culturali di Musicultura, vollero onorare Odetta con il conferimento del Premio Unimarche, con la seguente motivazione "per aver saputo coniugare col suo straordinario genio e la strepitosa capacità interpretativa la musica e l’impegno civile, infondendo in chi l’ascolta un'autentica fiducia nel futuro".

Il ricordo della sua presenza a Musicultura è quello di una grande donna che, con il suo sorriso contagioso e la sua voce intensa, è stata capace di non farsi piegare da nessuna costrizione o schiavitù. Dopo le lotte contro la segregazione razziale e l’impegno a favore dei diritti civili, nemmeno l’avanzare degli anni ha potuto fermare il suo amore per la musica. Uno stato di salute non più ottimale e una sedia a rotelle non le hanno impedito infatti di girare per il mondo e continuare ad incantare il pubblico con i suoi canti di pace e di lotta ad ogni tipo di razzismo, affrontando anche lunghi viaggi, compreso quello per Macerata lo scorso giugno.

Musicultura la ricorderà sempre con affettò e non dimenticherà mai il suo insegnamento.

Foto in allegato: Daniele Bossari (conduttore Musicultura 2008) con Odetta Holmes - Foto Cmr

Source by Rockitalia


LSNN is an independent editor which relies on reader support. We disclose the reality of the facts, after careful observations of the contents rigorously taken from direct sources, we work in the direction of freedom of expression and for human rights , in an oppressed society that struggles more and more in differentiating. Collecting contributions allows us to continue giving reliable information that takes many hours of work. LSNN is in continuous development and offers its own platform, to give space to authors, who fully exploit its potential. Your help is also needed now more than ever!

In a world, where disinformation is the main strategy, adopted to be able to act sometimes to the detriment of human rights by increasingly reducing freedom of expression , You can make a difference by helping us to keep disclosure alive. This project was born in June 1999 and has become a real mission, which we carry out with dedication and always independently "this is a fact: we have never made use of funds or contributions of any kind, we have always self-financed every single operation and dissemination project ". Give your hard-earned cash to sites or channels that change flags every time the wind blows , LSNN is proof that you don't change flags you were born for! We have seen the birth of realities that die after a few months at most after two years. Those who continue in the nurturing reality of which there is no history, in some way contribute in taking more and more freedom of expression from people who, like You , have decided and want to live in a more ethical world, in which existing is not a right to be conquered, L or it is because you already exist and were born with these rights! The ability to distinguish and decide intelligently is a fact, which allows us to continue . An important fact is the time that «LSNN takes» and it is remarkable! Countless hours in source research and control, development, security, public relations, is the foundation of our basic and day-to-day tasks. We do not schedule releases and publications, everything happens spontaneously and at all hours of the day or night, in the instant in which the single author or whoever writes or curates the contents makes them public. LSNN has made this popular project pure love, in the direction of the right of expression and always on the side of human rights. Thanks, contribute now click here this is the wallet to contribute


Similar Articles / Odetta a...in Europa