NOMADI: “RACCONTIRACCOLTI” L’Album e i commenti degli Artisti

Lunedì
18:05:04
Ottobre
25 2010

NOMADI: “RACCONTIRACCOLTI” L’Album e i commenti degli Artisti

View 131.5K

word 1.5K read time 7 minutes, 31 Seconds

Milano: Se in Italia c’è un complesso che ha nel suo DNA la canzone d’autore questi sono i Nomadi, che decollarono sull’onda della scrittura di Guccini e grazie alla forte identità di un cantante come Augusto Daolio. Con il tempo i Nomadi hanno acquisito una capacità creativa autonoma con canzoni di grande successo che hanno toccato i temi più vari: l’amore, il sociale, le grandi figure simbolo, i sogni e le utopie. La voce di Danilo Sacco, ha accompagnato la band dal 1992 ad oggi.

Il filo che unisce i Nomadi al mondo della canzone d’autore non è stato solo ideologico, ma anche fatto di contatti diretti o indiretti. Nel decidere le canzoni di questo album prima si sono scelti gli artisti e poi è stato scelto il brano. I Nomadi hanno individuato colleghi con i quali esisteva una amicizia, un contatto, o meglio un feeling. Quanto al repertorio, si sono privilegiate canzoni che sono state raramente oggetto di “cover”, insomma, con una brutta parola “poco-o-mai-coverizzate”, perché necessitavano di una grossa credibilità da parte di chi le affrontava. Dove era possibile e opportuno c’è stato un arricchimento musicale e una esaltazione della melodia. Non si è tentato alcun stravolgimento della struttura originale.

Ed ecco, canzone per canzone, il diario di Beppe Carletti, decano della band, in questo viaggio dei Nomadi nella canzone d’autore:

HEY MAN (con Zucchero)
“Uno dei cavalli di battaglia di Adelmo. Veniva a casa mia decenni fa e mi chiedeva di aiutarlo a sostenere dei provini. Noi abbiamo accettato molto volentieri di cantare con sua figlia Irene al Festival di Sanremo, è stato il coronamento di una lunga amicizia. Zucchero qui ha prestato anche la sua voce”.

L’ISOLA CHE NON C’E’
“Abbiamo incontrato Edoardo Bennato due volte. Il rapporto di affetto reciproco nacque nel 1990 a Praga durante un concerto a piazza dell’Orologio. Ci fece una bella impressione sia come uomo che come artista. E noi Nomadi abbiamo una memoria di elefante”.

MONNA LISA
“Ivan Graziani ci è sempre piaciuto e le sue canzoni non vengono spesso riprese. Ci sembrava giusto rendergli omaggio”.

LA LEVA CALCISTICA DELLA CLASSE ’68
“Francesco De Gregori venne a Novellara per incontrare Augusto Daolio. Era ancora un esordiente. Prese il caffè con Augusto, e l’incontro si svolse in un clima rilassato e ben lontano dall’ipocrisia dello star system. Molti anni dopo, in una intervista parlò bene di noi. Per questo abbiamo scelto una delle sua canzoni più caratteristiche”.


PIERO E CINZIA (medley con REDEMPTION SONG)
“Il nostro primo incontro con Antonello Venditti avvenne a Firenze nel 1970 durante una trasmissione radiofonica. Ci siamo rivisti a Roma alcuni anni successivi e fu cordiale e affettuoso con noi. Così abbiamo preso una delle sue canzoni più belle che, con la sua struttura reggae, si prestava ad una perfetta fusione con ’Redemption Song’ di Bob Marley. Un grande cantautore abbinato ad un grande del reggae”.

PRIMA DEL TEMPORALE
“Ruggeri scrive bene ed è un autore straordinario. A parte la Mannoia, sono pochi coloro che hanno affrontato il suo repertorio. Ha sempre esternato la sua stima nei nostri confronti. E’ una bella persona, creativa e pacata”.

STRANAMORE (Pure questo è amore)
“Vecchioni: pochi (fra i quali la Mannoia) hanno avuto il coraggio di interpretarlo. E’ una persona colta preparata, piacevole e molto umana. A Sanremo 2006 gli abbiamo chiesto di venire a cantare ’Dove si va’ e lui non ha avuto esitazioni. Un grande, che in quella occasione ci ha portato fortuna”.

IL GIORNO DI DOLORE CHE UNO HA
“Ligabue lo conosciamo bene anche perché siamo nati e cresciuti a 12 chilometri di distanza. Ha dei bei testi, scrive bene anche la musica e non è facile rappresentare le sue canzoni. Questa in particolare, è il primo singolo dell’album ’Su e giù da un palco’, del 1997. Ha un testo importante dedicato all’amico giornalista musicale Stefano Ronzani, morto per un tumore qualche tempo prima. Si parla della vita e della morte. Un rock che parte melodico e si fa più duro nel ritornello”.

AUTOGRILL
“Guccini, il nostro autore delle prima ora, non poteva mancare. Ha sempre avuto una precisa linea stilistica che difficilmente si adattava ad interpreti diversi da se stesso”.

CHI MI AIUTErà
“E’ una canzone che veniva cantata dai Ribelli pre-Area in cui la voce di Stratos si fa strumento. La sfida per il nostro Danilo Sacco si fa dura, come nella canzone seguente”.

VENT’ANNI
“E’ un cavallo di battaglia di Massimo Ranieri. Il nostro Danilo ce la mette tutta, come del resto la band, che ha sempre amato le canzoni d’amore”.

DUE RE SENZA CORONA
“E’ una canzone dei Nomadi eseguita solamente durante i concerti e poi diffusa tramite Internet. Noi Nomadi abbiamo cuore e cervello di cantautori e quindi ci siamo resi omaggio senza presunzione ma anche senza false modestie”.

CREDITI
Produzione esecutiva: Beppe Carletti
Arrangiamenti: Nomadi

Autori / Edizioni:
1) HEY MAN
 -  Autori: Zucchero/Zucchero/G. Paoli
 -  Edizioni: Warner Chappell Music Italiana srl

2) L’ISOLA CHE NON C’È
 -  Autori: E. Bennato/E. Bennato
 -  Edizioni: Music Union srl/Cinquantacinque Edizioni

3) MONNA LISA
 -  Autori: I. Graziani/I. Graziani
 -  Edizioni: Universal Music Publ Ricordi

4) LA LEVA CALCISTICA DELLA CLASSE ’68
-  Autori: F. De Gregori/F. De Gregori
- rediti aa ON C’c’è. - sa mia e rimanere però cristallizzata nel suo stesso mito.Heart.e: ben confezionate, alcune fin troppo cEdizioni: Universal Publ Ricordi/Serraglio Ediz.
M. /S.M.Publishing srl

5) PIERO E CINZIA (medley con REDEMPTION SONG)
 -  PIERO E CINZIA
 -  Autori: A. Venditti/A. Venditti
 -  Edizioni: Stukas Ed. Musicali srl
 -  REDEMPTION SONG
 -  Autori: B. Marley/B. Marley
 -  Edizioni: Odnil Music ltd/Fifty-Six Hope Road Music ltd

6) PRIMA DEL TEMPORALE
 -  Autori: L. Schiavone/E. Ruggeri
 -  Edizioni: Warner Chappell Music Italiana srl

7) STRANAMORE (PURE QUESTO È AMORE)
 -  Autori: R. Vecchioni. Vecchioni
 -  Edizioni: Fonit Cetra Music Pub. srl

8) IL GIORNO DI DOLORE CHE UNO HA
 -  Autori: L. Ligabue/L. Ligabue
 -  Edizioni: Fuoritempo Ed. Mus. srl / Warner
Chappell Music Italiana srl

9) AUTOGRILL
 -  Autori: F. Guccini/F. Guccini
 -  Edizioni: Emi Music Publ/ L’Alternativa Ed. Musicali

10) CHI MI AIUTERÀ
 -  Autori: B. Holland (ca)/L.H. Herbert (ca)/E. Holland
(ca)icky Gianco (SubAutore)
 -  Edizioni: EMI Blackwood Music Inc

11) VENT’ANNI
 -  Autori: G. Savio/E. Polito/G. Bigazzi
 -  Edizioni: Sugarmusic

12) DUE RE SENZA CORONA
 -  Autori: Mei/Carletti/Cerquetti/Vecchi
 -  Edizioni: Warner Chappell Music Italiana srl/I Nomadi srl



Gli artisti “commentano” i NOMADI

“I Nomadi sono i miei vicini di casa.
I vicini di casa che c’erano, se parliamo di musica, quasi trent’anni prima che cominciassi io.
Quasi cinquant’anni di questo mestiere a me fanno venire in mente il concetto di eroismo.
Specialmente, poi, se parliamo di chi l’ha fatto in maniera diretta come pochi hanno saputo fare: poca vetrina e tanta sostanza, da loro al loro pubblico.
I Nomadi hanno sempre dimostrato un’attenzione speciale per chi li ha seguiti e li segue, raggiungendoli tutti, con centinaia di concerti all’anno, suonando ovunque.
Ma non c’era mai mestiere, nè maniera.
C’era appunto la festa fra loro e il loro pubblico.
Mi fa davvero piacere che nella loro gloriosa storia ci sia spazio anche per una delle mie canzoni a cui tengo di più.
Specialmente se diventasse un po’ parte della loro festa continua”
Luciano Ligabue

“I Nomadi sono l’esempio di ’gente nostrana senza boria nè buriana’ coi quali cenare insieme a parlar di vita, di ideali, di musica , solidarietà e coerenza .Da sempre in viaggio o in viaggio da sempre per me sono stati ,fin da ragazzino , un gruppo alternativo da seguire.
Ricordo il concerto alla Fiera di Scandiano che andai a vedere in vespa con mio padre a 12 anni ed ebbi la faccia tosta di chiedere - a Beppe e Augusto di sentire alcuni miei provini , mi accolsero con grande amore e pazienza- . Sono fiero di aver prestato la mia-  voce su Hey man.
Il viaggio continua per sempre Nomadi- : un fan Zucchero ’Sugar’ Fornaciari”
Zucchero

“Che bello riascoltare i nomadi che interpretano delle mie canzoni. Un sodalizio antico che si è rinnovato nel presente.“
Francesco Guccini

“Ragazzi nomadi, musicisti, girovaghi che grazie a solide radici emiliane sono da sempre alla ricerca dell’isola che non c’è“
Edoardo Bennato

“Il senso di protezione, che va al di la’ del tempo, e’ alla base dei grandi amori.”Qualunque cosa succeda io ci saro’”. Credo che questo spirito abbia aiutato la canzone a resistere all’usura degli anni”¦.E’ un onore sapere che verrà interpretata dalla band piu’ capace di cancellare il tempo che passa”
Enrico Ruggeri

“Grazie “Nomadi“ per aver fatto vostra una canzone dei Ribelli. Complimenti a Danilo Sacco ! Mi piacerebbe un giorno suonarla insieme ... vi voglio bene”
Gianni - Dall’Aglio (I Ribelli)


“Quando cantavo “Vent’anni“ amavo ed - ascoltavo i Nomadi.....ora canto ancora “Vent’anni“ ed e’ fantastico ascoltarla dalla piu’ storica band italiana...
100 di questi ....vent’anni..!!”      - 
Massimo Ranieri

Source by Rockitalia


LSNN is an independent editor which relies on reader support. We disclose the reality of the facts, after careful observations of the contents rigorously taken from direct sources, we work in the direction of freedom of expression and for human rights , in an oppressed society that struggles more and more in differentiating. Collecting contributions allows us to continue giving reliable information that takes many hours of work. LSNN is in continuous development and offers its own platform, to give space to authors, who fully exploit its potential. Your help is also needed now more than ever!

In a world, where disinformation is the main strategy, adopted to be able to act sometimes to the detriment of human rights by increasingly reducing freedom of expression , You can make a difference by helping us to keep disclosure alive. This project was born in June 1999 and has become a real mission, which we carry out with dedication and always independently "this is a fact: we have never made use of funds or contributions of any kind, we have always self-financed every single operation and dissemination project ". Give your hard-earned cash to sites or channels that change flags every time the wind blows , LSNN is proof that you don't change flags you were born for! We have seen the birth of realities that die after a few months at most after two years. Those who continue in the nurturing reality of which there is no history, in some way contribute in taking more and more freedom of expression from people who, like You , have decided and want to live in a more ethical world, in which existing is not a right to be conquered, L or it is because you already exist and were born with these rights! The ability to distinguish and decide intelligently is a fact, which allows us to continue . An important fact is the time that «LSNN takes» and it is remarkable! Countless hours in source research and control, development, security, public relations, is the foundation of our basic and day-to-day tasks. We do not schedule releases and publications, everything happens spontaneously and at all hours of the day or night, in the instant in which the single author or whoever writes or curates the contents makes them public. LSNN has made this popular project pure love, in the direction of the right of expression and always on the side of human rights. Thanks, contribute now click here this is the wallet to contribute


Similar Articles / NOMADI: ...i Artisti