Spostata a lunedì 6: Indies against IN(vi)DIE - Marlene Kuntz - Meganoidi - Tre allegri ragazzi morti...

Martedì
10:32:42
Agosto
31 2004

Spostata a lunedì 6: Indies against IN(vi)DIE - Marlene Kuntz - Meganoidi - Tre allegri ragazzi morti...

View 157.8K

word 1.1K read time 5 minutes, 22 Seconds

SUBrecords - press: Spostata a lunedì 6 settembre l’uscita della compilation "Indies against IN(vi)DIE".

Importante iniziativa culturale che vede coinvolti, alcuni nomi di spicco del panorama musicale italiano come Marlene Kuntz, Meganoidi, Tre allegri ragazzi morti, per stilare un manifesto "a favore della musica come cultura ed espressione artistica."

"21 brani, 21 generi". Artisti affermati: Marlene kuntz, Meganoidi, Tre allegri ragazzi morti; il ritorno dei grandi Umberto Palazzo (leader di Santo niente) e Paolo Benvegnù (ex leader degli Scisma); la novità di quest'anno Marta sui Tubi e bands ormai apprezzate anche (più?) all’estero come Yuppie flu e Juliès haircut; insieme a piccole (grandi) rivelazioni come Velvet Score.

...in 360° di rock per valorizzare la musica come cultura e linguaggio espressivo.

Indies against IN(vi)DIE è la prima uscita dell’etichetta SUBrecords, in collaborazione con l’etichetta fiorentina Black Candy, sarà distribuita nei migliori negozi di dischi da Audioglobe.

Questa esperienza si prefigge di scattare un'istantanea sul panorama musicale italiano con l’obiettivo inflessibile di tracciare un solco netto tra musica come cultura e linguaggio espressivo e musica “artificiosa”, “costruita”, facilmente controllabile ai fini delle vendite da chi vede questa importante risorsa culturale di identificazione solo come fonte di guadagno.

Da un trentennio la musica viene studiata scientificamente, come qualsiasi altro prodotto, al fine di trovare la formula magica che indichi quali “ingredienti” inserire, quale alchimia perfetta raggiungere, per corrispondere a un impegno (economico, fisico...) X, un reddito sicuro (vendite, ricavi...) Y; dimenticandosi che ciò di cui si sta parlando è musica; lavorando su di essa senza neanche mai ascoltarla, ignorando l’elevato livello di conoscenza, di accrescimento culturale che porta in sè, questo, da alcuni addetti ai lavori considerato un supporto circolare, di plastica, dalla sezione sottile.

Riteniamo che una delle tante motivazioni del calo delle vendite dei dischi è dovuto alla perdita di valore che questo modo di operare ha provocato nella musica.

...Intanto, però, attorno alla musica “ufficiale” di coloro che per alcuni sono “gli unici a far dischi” (e ora non li fanno neanche più), si è creata un’esigenza; come se sentire in continuazione sulla pelle che certa “musica” risultava di plastica, artificiale, vuota, provocasse un’eritema dovuto dalla necessità di percepire di nuovo il sudore trasudare dai dischi: “quello delle emozioni che bruciano da dentro che per esigenza vogliono uscire”, ma faticano a trovare la superfice, soffocate dal meccanismo che quantifica il valore della musica con il numero di copie vendute generando un totale senso di imbarazzo intorno alla frase “le Spice Girls hanno superato i Pink Floyd di The dark side of the moon con il loro ultimo disco”.

Tante persone da sempre si sono contrapposte in battaglie per “migliorare la salute della musica”: tanti grandi dischi hanno visto la luce, tanti amanti della musica hanno ricercato bella musica senza accontentarsi di cantanti costruiti, dalle loro vite inventate, dai loro hobbies “messi a contratto”, variando a seconda del trend ogni aspetto della loro vita;
ma sempre è rimasto più o meno visibile, più o meno subconscio, un livello di condizionamento nel considerare per certi versi “superiori” questi prodotti;

invidia nei confronti di chi è messo in un ruolo di primo piano (”istituzionalmente” parlando) seppur sembrandoci impossibile attribuirgli meriti artistici.

Tante persone (addetti ai lavori e fruitori) hanno snobbato artisti (e chi lavora per loro) che venivano considerati “quelli che ce l’hanno fatta” accusandoli sbrigativamente di essersi svenduti senza avere certezze nelle loro parole e senza considerare obiettivamente la situazione in oggetto; invidie tra gli indipendenti.

Con questa compilation vogliamo (oltre che presentarci) omaggiare e ringraziare tutti coloro che supportano, ascoltandola, che lavorano per diffondere, musica “vera”, non costruita a tavolino; e vorremmo riflettere sulle invidie da cui liberarsi per contrastare unitamente l’imposizione della musica “costruita” promossa con ampie campagne mediatiche al limite del subliminale (superandolo abbondantemente in certi casi) che cambiano la percezione della musica nelle nuove generazioni e, in generale, in quelle persone che non hanno modo di seguire, per scelta o per condizione, la scena musicale approfonditamente, ma vorrebbero ancora poter credere nella veridicità della musica che “sentono in giro” che, ormai stereotipicamente, dicono "tanto ormai la musica è fatta solo per far soldi".

"Guerre tra poveri" dovute ad inutili invidie e disinformazione sull’operato delle bands, dei lavoratori che impiegano le loro risorse (fisiche e economiche) in nome della passione per la musica, che indeboliscono facendoci marciare divisi diminuendo le risorse per coloro che cercano di valorizzare la musica come cultura (intesi pubblico, artisti, lavoratori)..

l’idea del titolo è sicuramente provocatoria; nel tono "duro" non c’è intenzione accusatoria o presunzione nel ritenersi migliori di realtà indie esistenti e forti.
L’immagine di copertina è costituita da una ragazza dai tratti vampireschi (a simboleggiare l’invidia) che si “gusta i suoni unti e bisunti” in cui per suoni unti e bisunti intendiamo quei suoni, quelle bands, quegli artisti, coloro che lavorano per essi, che al di là di tutte le critiche che è lecito esprimere, fanno della loro vita, il mezzo per far raggiungere, all’arte, le nostre orecchie; coloro che ancora trovano più facile e naturale trasmettere ciò che sono e ciò che attraversa la loro anima, piuttosto che inserire il tutto in un contenitore pseudo-pop che varia di trend in trend “only to appear”; i suoni che trasudano il sudore delle emozioni.
La scritta sub non è quindi un’autocelebrazione, in quanto la compilation è frutto di più parti (audioglobe, black candy records, SUB records), ma un'allegoria.

Diffondere un "messaggio" di unione tra chi vive nel mondo della musica creata e diffusa per passione, pensando che gli obbiettivi su cui scagliare le proprie ire dovute a una vita, talvolta frustrante, vissuta "dentro la musica" siano altri.

Sottolineare quale musica è creata con passione e quale in modo artificioso a fini esclusivamente lucrosi, considerando fermamente che non sia un modo accettabile ne rispettabile di intendere la musica perché va a ledere l’ideologia per cui la stessa musica è stata creata dall’uomo.

Passione per la musica e l’arte come culture e linguaggi espressivi che uniscono, favoriscono, diffondono, il processo creativo valorizzando l’attitudine dell’individuo, nella sua completezza, di usufruire e plasmare l’arte; saper apprezzare le varietà di stile e di pensiero considerando possibile una visione completa, un completo appagamento, se attraversato questo processo conoscitivo.

... tutto il resto è soltanto un disco dai solchi digitali con ventuno belle canzoni..

SUBrecords.com
info@subrecords.com

Source by Rockitalia


LSNN is an independent publisher that relies on reader support. We disclose the reality of the facts, after careful observations of the contents rigorously taken from direct sources. LSNN is the longest-lived portal in the world, thanks to the commitment we dedicate to the promotion of authors and the value given to important topics such as ideas, human rights, art, creativity, the environment, entertainment, Welfare, Minori, on the side of freedom of expression in the world «make us a team» and we want you to know that you are precious!

Dissemination* is the key to our success, and we've been doing it well since 1999. Transparent communication and targeted action have been the pillars of our success. Effective communication, action aimed at exclusive promotion, has made artists, ideas and important projects take off. Our commitment to maintain LSNN is enormous and your contribution is crucial, to continue growing together as a true team. Exclusive and valuable contents are our daily bread. Let us know you are with us! This is the wallet to contribute.

*Dissemination is the process of making scientific and technical information accessible to a non-specialist public. This can come through various forms, such as books, articles, lectures, television programs and science shows.


Similar Articles / Spostata... morti...