Apre il Cotton Club di Minnie Minoprio

Lunedì
09:00:39
Dicembre
04 2006

Apre il Cotton Club di Minnie Minoprio

Dal 1 dicembre swing e jazz al posto di una sala da biliardo... in Corso Trieste

View 160.3K

word 908 read time 4 minutes, 32 Seconds

Dove sorgeva una sala da biliardo adesso splende il Cotton Club: a Corso Trieste, la vecchia “bisca” all’angolo con via Bellinzona diventa, da venerdì 1 dicembre 2006, un jazz club con pista da ballo gestito da Minnie Minoprio, attrice e cantante nota soprattutto negli anni ’70 e qui nella veste di direttrice artistica, nonchè vocalist in numerose serate con il suo quartet e, infine, ideatrice di speciali “insalate jazz”.

Il Cotton Club è un locale raffinato di circa 220 mq, caldo nell’atmosfera tipica dei jazz club di New York, dai tendaggi color arancione e ruggine e dall’arredamento sobrio. A disposizione della clientela circa venticinque tavoli dove godersi comodamente gli spettacoli che ogni sera, escluso il martedì, si avvicenderanno, tutti legati alla grande tradizione swing americana, capace di generare capolavori da “Blue Moon” a “Unforgettable”.

Iniziata la carriera come cantante jazz, Minnie Minoprio ha in seguito arricchito il suo personaggio di “svampita anni ’30” sfoderando non indifferenti qualità di ballerina e conduttrice, proponendo nell’arena televisiva una seria concorrenza a professioniste del calibro di Raffaella Carra' e Loretta Goggi. Minnie Minoprio è nota al pubblico italiano per aver interpretato in teatro molti celebri successi di Garinei e Giovannini (tra cui “Ciao Rudy” accanto a Marcello Mastroianni) e, sul piccolo schermo, per aver affiancato artisti come Walter Chiari, Fred Buongusto, Antonello Falqui e Don Lurio in molte trasmissioni-memoria del nostro immaginario collettivo (fecero notizia le sue smorfie durante “Spaghetti, pollo, insalatina”¦” di Fred Bongusto). Minnie Minoprio, che in passato ha collaborato con rinomate orchestre italiane quali la Roman New Orleans Jazz Band, Basso & Valdambrini Quartet, Big Band di Angel Pocho Gatti, New Dixieland Sound di Marcello Rosa, Carlo Loffredo Ensemble, è considerata una delle più autentiche interpreti del jazz e blues tradizionale in Italia, ma la sua versatilità le permette di sperimentare continuamente svariati generi musicali. Dopo un lungo periodo nel quale ha girato per l’Italia proponendo i suoi concerti-spettacoli, dal 1996 Minnie si dedica stabilmente ai concerti jazz, esibendosi con il suo quartetto swing, oppure come “special guest” con i gruppi di Lino Patruno, Romano Mussolini e la Red Pellini Gang.

Il Minnie Minoprio Quartet, che sarà spesso di casa al Cotton Club, si esprime al meglio percorrendo un repertorio che comprende brani prevalentemente di George Gershwin. Il quartetto è formato da Luca Ruggero Jacovella al pianoforte, Valerio Serangeli al contrabbasso, Bruno Lagattolla alla batteria, con la variante Filiberto Palermini al sassofono.

Minnie Minoprio è stata anche la protagonista femminile del film “Forever Blues” di e con Franco Nero, uscito lo scorso anno e distribuito dall’Istituto Luce.

Dichiarazioni di Minnie Minoprio sull’apertura del Cotton Club:
“Trovo molto romantica l’idea di tornare al jazz club classico, quello con la porticina sulla strada in mezzo agli altri negozi e la “cappottina”, molto newyorkese, con la scritta “The Cotton Club”. A Roma il jazz è un genere che sta prendendo sempre più piede, ha fatto nascere una Casa, riempito auditori e muovere migliaia di persone. A questa splendida città , che da 45 anni mi ospita, anch’io voglio dare in cambio qualcosa: un locale tutto nuovo dedicato al jazz e, in particolare, allo swing, con un’ampia pista da ballo dove esibirsi nella più completa spensieratezza, con ottimi musicisti pronti a suonare fino a tarda sera e magari improvvisare ispirati proprio dal pubblico del Cotton Club. Non ultimo sono felice di inaugurare un jazz club in una zona sprovvista di locali del genere, convertendo una sala giochi e sala da biliardo in un luogo che possa arricchire la vita artistica a culturale dell’intero quartiere”.

Nel nuovo locale nel cuore del quartiere Trieste-Salario sarà di casa lo swing, il genere classico della tradizione americana sviluppatosi in piena crisi economica ed in pieno proibizionismo, quando il bisogno di novità si manifestò palesemente anche nel campo musicale: così nuove piazze come Kansas City e New York (con il The Cotton Club di Harlem in testa) cominciarono a scalzare i club di New Orleans e Dixieland.

Il Cotton Club romano di Minnie Minoprio vorrà rendere omaggio, nel corso della sua programmazione ai grandi Count Basie e Duke Ellington, perché è con loro che nasce il jazz moderno.

Il Cotton Club è anche un ristorante con musica dal vivo, dove si potranno consumare menu alla carta con primi, insalate e dolci di ogni assortimento “home made” by Minnie Minoprio, ovviamente anche qui all’interno di un’atmosfera tipicamente anni Venti. Il Salad Bar, infatti, propone una scelta di piatti ispirati ai più noti musicisti del periodo: da Django Reinhardt a Jelly Roll Morton, Sidney Bechet e molti altri. E così, per chi rigidamente non vuole fuoriuscire dalla sua dieta è stata pensata l’insalata Satchmo a base di lattuga, indivia, petto di pollo, ananas, mela verde, mais, anacardi e peperoni; per chi è molto goloso il suggerimento va al piatto di Cab Calloway che mescola formaggi freschi e stagionati con confetture di rabarbaro e miele; o ancora la ricetta più originale all’insegna di Nick La Rocca, con lattuga, acciughe, capperi, melanzane grigliate sott’olio, ricotta, olive “cunsate” e”¦ panella di ceci fritta!

Sarà in nome del suo eccezionale “savoir faire” che Minnie accoglierà ogni sera i clienti al tavolo, farà gli onori di casa e consiglierà l’insalata più giusta (o i primi e i dolci) ai suoi clienti. Eccezion fatta quando si esibirà nel canto e nell’apertura di particolari concerti.

Claudio Di Salvo

Source by Rockitalia


LSNN is an independent publisher that relies on reader support. We disclose the reality of the facts, after careful observations of the contents rigorously taken from direct sources. LSNN is the longest-lived portal in the world, thanks to the commitment we dedicate to the promotion of authors and the value given to important topics such as ideas, human rights, art, creativity, the environment, entertainment, Welfare, Minori, on the side of freedom of expression in the world «make us a team» and we want you to know that you are precious!

Dissemination* is the key to our success, and we've been doing it well since 1999. Transparent communication and targeted action have been the pillars of our success. Effective communication, action aimed at exclusive promotion, has made artists, ideas and important projects take off. Our commitment to maintain LSNN is enormous and your contribution is crucial, to continue growing together as a true team. Exclusive and valuable contents are our daily bread. Let us know you are with us! This is the wallet to contribute.

*Dissemination is the process of making scientific and technical information accessible to a non-specialist public. This can come through various forms, such as books, articles, lectures, television programs and science shows.


Similar Articles / Apre il ... Minoprio