Inter, netto 4-1 a Roma ed è primato. Mihajlovic: «Una vittoria che ci dà fiducia»

Domenica
12:46:05
Settembre
30 2007

Inter, netto 4-1 a Roma ed è primato. Mihajlovic: «Una vittoria che ci dà fiducia»

View 161.7K

word 1.1K read time 5 minutes, 29 Seconds

Calciodoc: QUI INTER L’Inter si riprende la vetta della classifica con un netto 4-1 in casa della Roma: la svolta arriva con l’espulsione di Giuly e il gol su rigore di Ibrahimovic; nella ripresa i nerazzurri dilagano con Crespo, Cruz e Cordoba; parla il vice tecnico Sinisa Mihajlovic: "Se giochiamo come sappiamo fare, siamo i più forti di tutti".

Quasi 70mila i tifosi presenti sugli spalti. Roberto Mancini schiera: Julio Cesar tra i pali; Zanetti, Cordoba, Samuel, e Maxwell in difesa; Stankovic, Dacourt, Cambiasso sulla linea mediana; Cesar e Figo alle spalle dell’unica punta Ibrahimovic. Dopo l’avvio scoppiettante dei giallorossi, l’Inter, prende le misure agli avversari Al 14’ nerazzurri pericolosi in avanti con Ibrahimovic che controlla il pallone nell’area avversaria e cerca di resistere alla carica di due avversari, lo svedese trattenuto vistosamente per la maglia da Mexes conclude debolmente. Al 17’ discesa sulla fascia di Zanetti, cross teso deviato da Tonetto, la palla giunge comunque dalle parti di Cambiasso che calcia al volo di prima intenzione. Conclusione potente ma centrale, Doni para. Al 29’ Inter in vantaggio: Maxwell ruba palla su un angolo battuto troppo frettolosamente da Totti e lancia in contropiede Cesar, cavalcata del brasiliano che arriva davanti alla porta e calcia su Doni in uscita. La respinta arriva dalle parti di Ibrahimovic che di testa inquadra la porta, Giuly respinge la palla di mano sulla linea di porta, il direttore di gara espelle il romanista e decreta, ovviamente, la massima punizione. Calcia Ibrahimovic, destro potente a fil di palo e Doni è battuto. Da segnalare al 44’ una conclusione dalla distanza di Dacourt terminata alta sopra la traversa della porta di Doni. La prima frazione di gioco si chiude dopo un minuto di recupero. Le squadre rientrano in campo con le stesse formazioni che avevano iniziato la gara, ma dopo sei minuti Mancini inserisce Cruz e Crespo per Ibrahimovic (botta al collo del piede) e Dacourt (problema inguinale). Al 54’ la Roma pareggia con Perrotta. La reazione dell’Inter è veemente e al 55’ Cruz centra un clamoroso palo con un destro potente scagliato dal limite dell’area. Un minuto più tardi l’Inter raddoppia: conclusione potente ma centrale di Cambiasso, Doni respinge ma non trattiene, sulla respinta si avventa come un falco sul pallone, sforbiciata di destro e Doni capitola. Al 60’ l’Inter cala il tris: tocco ravvicinato di Figo per Cruz sull’out di destra, l’argentino calcia di sinistro sul primo palo, freddando ancora Doni. Al 67’ il tris diventa un poker: perfetto cross di Figo dalla sinistra, sul secondo palo, dove è appostato Cordoba, stacco imperioso e palla in fondo al sacco. L’Inter in vantaggio di tre reti e in 11 uomini contro 10, gestisce agevolmente la gara fino al triplice fischio del signor Rizzoli che arriva dopo due minuti di recupero.

Per l’Inter non parla il tecnico Roberto Mancini, rimasto senza voce, ma il suo vice Sinisa Mihajlovic: "Era una partita molto importante per noi, ci serviva per darci fiducia. Adesso siamo di nuovo davanti in campionato, siamo soli in testa. E’ un successo molto importante anche per la Champions, e poi vincere su questo campo non è mai facile. Ci è servita per dimostrare che se giochiamo come sappiamo fare siamo più forti di tutti". Dopo il quarto gol l’Inter ha tirato i remi in barca, "loro non ci pressavano più, potevamo gestire il gioco, non c’era bisogno continuare ad attaccare e spendere energie. Tra tre giorni si gioca di nuovo", ricorda il vice nerazzurro. Bella prova da parte di Cesar: "Sta facendo ottime partite, è uno di quelli che sta meglio adesso. Finchè sta così sicuramente possiamo farlo giocare, è uno che copre tutta fascia, corre per 90’ e ha carattere". Mancava Adriano, a cui sono stati preferiti prima Ibrahimovic (con Figo e Cesar alle spalle), poi Cruz e Crespo: "Cruz è più simile a Ibra, ti fa uscire la squadra. Crespo ti fa gol appena puà ", spiega Mihajlovic, che poi rassicura il brasiliano: "Anche lui era pronto, ci servirà nelle prossime partite". Ora bisogna pensare alla sfida di Champions League contro il Psv Eindhoven: "Dobbiamo vincere per forza. Al Napoli penseremo dopo".

Il presidente Massimo Moratti: "Un successo in una partita molto importante, come quella dell’anno scorso, contro una squadra come la Roma, in un momento di particolare forma". Un elogio particolare a Roberto Mancini, che in avvio ha mischiato le carte mandando in campo a sorpresa una sola punta, Ibrahimovic: "Ha dimostrato di essere un fior d’allenatore. Quando ho saputo che avrebbe messo solo Ibra ho pensato che facesse bene, è stato un modo per essere anche sorprendenti. Ancor più giusta poi ho trovato la scelta di inserire due attaccanti nel secondo tempo: in una situazione di 11 contro 10 è giusto fare così". Moratti è soddisfatto, e non vede le critiche di chi dice che l’Inter è brutta anche quando vince: "Non mi sembra, tutt’altro. Crespo? Fantastico, è entrato e ha fatto gol. Cruz invece ha giocato molto bene, complimenti. Tutti oggi hanno fatto la loro partita al meglio, sono felicissimo. Saranno contenti anche i tifosi, immagino...".

Julio Cruz a Sky: "Sono contentissimo perché ci tenevo tanto a giocare questa partita. Il mister mi ha fatto entrare nel secondo tempo, sono riuscito a fare gol e devo dire che la squadra ha offerto una grandissima prestazione. Si era parlato tanto prima di questa gara e l’Inter ha dimostrato di essere una squadra vera e che riesce sempre a fare bene. Inter più forte della Roma? Credo di sì, l’anno scorso abbiamo vinto uno scudetto meritato, ora siamo all’inizio, sappiamo che manca tanto ma anche che siamo una squadra forte. La Roma fino a oggi ha espresso un bellissimo calcio, ma più che il bel calcio conta il risultato".

Hernan Crespo: "Analogie tra il gol di sabato sera e quello segnato qui nella scorsa stagione? (Rete che diede inizio all’incredibile cavalcata culminata con la conquista del 15° scudetto nerazzurro). Speriamo soprattutto per l’esito finale del campionato. Questa sera abbiamo disputato un’ottima partita. Il calcio è fatto anche di episodi: sicuramente il fatto che loro siano rimasti in dieci ci ha agevolato un po’ le cose. La Roma però non molla mai, infatti, dopo il nostro vantaggio era riuscita a pareggire. Abbiamo saputo reagire e abbiamo trasformato questa partita in un trionfo. Quando ho saputo che sarei andato in panchina e che avrebbe giocato Ibrahimovic unica punta? Dieci minuti prima di partire. Anche questo fa parte del calcio. Uno deve saper accettare e rispettare le decisioni del tecnico".

Fabio Traversa

Source by Flashsport


LSNN is an independent publisher that relies on reader support. We disclose the reality of the facts, after careful observations of the contents rigorously taken from direct sources. LSNN is the longest-lived portal in the world, thanks to the commitment we dedicate to the promotion of authors and the value given to important topics such as ideas, human rights, art, creativity, the environment, entertainment, Welfare, Minori, on the side of freedom of expression in the world «make us a team» and we want you to know that you are precious!

Dissemination* is the key to our success, and we've been doing it well since 1999. Transparent communication and targeted action have been the pillars of our success. Effective communication, action aimed at exclusive promotion, has made artists, ideas and important projects take off. Our commitment to maintain LSNN is enormous and your contribution is crucial, to continue growing together as a true team. Exclusive and valuable contents are our daily bread. Let us know you are with us! This is the wallet to contribute.

*Dissemination is the process of making scientific and technical information accessible to a non-specialist public. This can come through various forms, such as books, articles, lectures, television programs and science shows.


Similar Articles / Inter, n...fiducia»
from: ladysilvia
by: carabinieri