Inter-Chievo, 2-0: Cuchu-Maicon, gol e vittoria

Domenica
04:34:34
Aprile
10 2011

Inter-Chievo, 2-0: Cuchu-Maicon, gol e vittoria

View 136.1K

word 823 read time 4 minutes, 6 Seconds

MILANO - Inter.it - È terminato 2-0 il match tra Inter e Chievo, anticipo delle ore 18 della 32^ giornata di Serie A Tim 2010-2011. Reti rimaste inviolate nel primo tempo nonostante le occasioni di Giampaolo Pazzini e Samuel Eto’o. Nel secondo tempo, al 20’, arriva però il gol dei nerazzurri, siglato da Esteban Cambiasso, di destro: la doppia deviazione di Andreolli e Sorrentino beffa il Chievo. Al 39’ il raddoppio nerazzurro, con Maicon, che si avventa sul pallone e scarica in rete di destro. Inter a 63 punti e al secondo posto, in attesa delle partite di domani.

PRIMO TEMPO - Contro il Chievo Leonardo ritrova Lucio dopo la squalifica e lo schiera insieme a Ranocchia a formare la coppia di centrali difensivi davanti a Julio Cesar, con Maicon e Nagatomo laterali; centrocampo composto da Zanetti, Cambiasso e Stankovic, con Kharja a ridosso di Pazzini ed Eto’o.

Parte incisivo il Chievo, con il primo tiro in porta per l’Inter che arriva invece al 7’, con Zanetti che serve Eto’o, al tiro di destro, ma Sorrentino riesce a far suo il pallone senza problemi. Poco dopo c’è Stankovic che prova a innescare Pazzini, ma la palla rimbalza lunga tra le braccia del portiere del Chievo. Al quarto d’ora due le palle gol per i nerazzurri: prima con Nagatomo che, dopo aver ricevuto palla da Pazzini, avanza in velocità sulla fascia sinistra e dal fondo prova a servire Eto’o davanti alla porta, ma il camerunese non trova il tap-in vincente; poi, un minuto dopo, tocca a Pazzini che, di un soffio, con un rasoterra non trova però la porta servito da Maicon: un vero peccato. Al 28’ Chievo pericoloso con Bogliacino, quasi al limite dell’area di rigore, ma Julio Cesar fa suo il pallone. Al 34’ un tiro-cross di Sardo dalla destra quasi a impensierire il portiere nerazzurro, che però riesce poi a prender palla tra le braccia senza problemi. Due minuti dopo Eto’o prova a mettere in mezzo per Pazzini, che però non ci arriva. Al 38’ altra occasione per l’Inter, con Eto’o che va al tiro di destro, ma la palla sfila a lato, anche se di poco. Al 41’ Sardo serve Pellissier, che stacca di testa davanti alla porta, ma la palla finisce sopra la traversa. Al 44’ l’illusione ottica del gol fa vibrare San Siro, ma la palla colpisce l’esterno della rete con Maicon, dopo una serie di tiri ribattuti tra Ranocchia e Pazzini. Dopo due minuti di recupero, termina 0-0 la prima frazione di gioco tra Inter e Chievo.

SECONDO TEMPO - La ripresa si apre con un cambio nelle fila dell’Inter, con Sneijder che sostituisce Stankovic. Al 6’ bello il cross di Yokic per Pellissier, che stacca di testa e la palla termina sopra la traversa come nel primo tempo. Tre minuti dopo ancora Pellissier, che calcia in porta, ma c’è Julio Cesar a fare sua la palla senza problemi. Al 13’ una verticalizzazione di Sneijder per Nagatomo, ma ad anticipare Pazzini c’è Mandelli. Al quarto d’ora Julio Cesar con i pugni esce sulla sponda di Pellissier ancora per Mandelli. Al 17’ Constant non riesce a calciare grazie alla chiusura di Maicon: Chievo pericoloso. Ma al 20’ arriva il gol dell’Inter, con Cambiasso: punizione di Sneijder sulla sinistra, palla a Lucio sul fondo destro, appoggio all’indietro per Maicon, che serve in mezzo il centrocampista argentino, sul suo tiro di destro doppia deviazione, prima di Andreolli e poi di Sorrentino, palla in rete. Nerazzurri in vantaggio. Al 33’ Pellissier sbaglia un gol incredibile sparando alto sopra la traversa servito da Yokic. Al 35’ Thiago Motta di tacco serve Milito, che di destro va al tiro, ma Sorrentino non ha problemi a far sua la palla. Un minuto dopo il portiere del Chievo blocca su Sneijder e poi, al 39’, pericoloso è il Chievo con Uribe. Ma bastano pochi istanti e l’Inter va al raddoppio: Maicon dalla destra per Sneijder, che calcia dal limite, la palla tra i piedi di Milito e poi di nuovo al brasiliano, che davanti alla porta si gira e mette dentro di destro. Al 44’ Milito prova il destro, ma non trova la porta. Un minuto dopo ancora un’occasione per Milito, che - servito involontariamente da Yokic, di testa manda però a lato. Altra chance per l’Inter, con Nagatomo di sinistro in corsa a cercare la porta, ma Sorrentino gli dice di no. Dopo cinque minuti di recupero, termina 2-0 il confronto tra Inter e Chievo.

INTER-CHIEVO 2-0

Marcatori: 20’ st Cambiasso, 39’ st Maicon

Inter: 1 Julio Cesar; 13 Maicon, 6 Lucio, 15 Ranocchia, 55 Nagatomo; 4 Zanetti, 19 Cambiasso, 5 Stankovic (1’ st Sneijder); 14 Kharja; 7 Pazzini (16’ st Milito), 9 Eto’o (31’ st Motta);
A disposizone: 12 Castellazzi, 2 Cordoba, 23 Materazzi, 27 Pandev;
Allenatore: Leonardo.

Chievo: 28 Sorrentino; 20 Sardo, 5 Mandelli, 3 Andreolli,17 Yokic; 6 Fernandes, 16 Rigoni, 23 Costant (23’ st Marcolini); 26 Bogliacino (31’ st Uribe); 80 Moscardelli (10’ st Thereau), 31 Pellissier;
A disposizione: 18 Squizzi, 4 Mantovani, 12 Cesar, 84 Pulzetti;
Allenatore: Stefano Pioli.

Arbitro: Antonio Giannoccaro di Lecce

Note. Ammoniti: 20’ Sardo. Recupero: pt 2, st 5. Spettatori: 61.456

Source by Flashsport


LSNN is an independent editor which relies on reader support. We disclose the reality of the facts, after careful observations of the contents rigorously taken from direct sources, we work in the direction of freedom of expression and for human rights , in an oppressed society that struggles more and more in differentiating. Collecting contributions allows us to continue giving reliable information that takes many hours of work. LSNN is in continuous development and offers its own platform, to give space to authors, who fully exploit its potential. Your help is also needed now more than ever!

In a world, where disinformation is the main strategy, adopted to be able to act sometimes to the detriment of human rights by increasingly reducing freedom of expression , You can make a difference by helping us to keep disclosure alive. This project was born in June 1999 and has become a real mission, which we carry out with dedication and always independently "this is a fact: we have never made use of funds or contributions of any kind, we have always self-financed every single operation and dissemination project ". Give your hard-earned cash to sites or channels that change flags every time the wind blows , LSNN is proof that you don't change flags you were born for! We have seen the birth of realities that die after a few months at most after two years. Those who continue in the nurturing reality of which there is no history, in some way contribute in taking more and more freedom of expression from people who, like You , have decided and want to live in a more ethical world, in which existing is not a right to be conquered, L or it is because you already exist and were born with these rights! The ability to distinguish and decide intelligently is a fact, which allows us to continue . An important fact is the time that «LSNN takes» and it is remarkable! Countless hours in source research and control, development, security, public relations, is the foundation of our basic and day-to-day tasks. We do not schedule releases and publications, everything happens spontaneously and at all hours of the day or night, in the instant in which the single author or whoever writes or curates the contents makes them public. LSNN has made this popular project pure love, in the direction of the right of expression and always on the side of human rights. Thanks, contribute now click here this is the wallet to contribute


Similar Articles / Inter-Ch... vittoria