A Trento convegno sul binomio Sport-Università tra Italia ed Europa

Mercoledì
13:48:48
Aprile
18 2018

A Trento convegno sul binomio Sport-Università tra Italia ed Europa

View 7.3K

word 976 read time 4 minutes, 52 Seconds

Parma - Lo sport universitario è stato al centro della “due giorni” di convegno che si è tenuta nella sala conferenze del Palazzo di Economia dell’Università di Trento.

Venticinque Atenei da tutta Italia, rappresentanti del CONI e del CUSI, hanno accettato l’invito di condividere progetti ed esperienze maturate a distanza di tre anni dalla firma - nel marzo 2015 proprio a Trento - del manifesto dedicato al rapporto tra Università e sport. Il convegno aveva anche l’intento di andare oltre quel primo documento programmatico, confrontandosi con proposte concrete in quattro ambiti principali di sviluppo: la formazione, la ricerca, l’innovazione e la pratica sportiva.

Il convegno è stato organizzato dal Prof. Paolo Bouquet, Delegato del Rettore per lo #sport dell’Ateneo trentino assieme al team dell’Ufficio Strategie Sportive dell’Università di Trento e con il patrocinio della #CRUI e dell’ENAS, European Network of Academic Sports Services.

È stata una “due giorni” completamente dedicata al valore dello sport, tema attorno al quale le Università Italiane stanno sperimentando nuove forme di collaborazione e condivisione, con la consapevolezza che aumentare il benessere di chi studia e chi lavora in Università aiuta a crescere e a ottenere risultati sempre migliori. Lo sport, infatti, è fonte di ispirazione e scuola di vita, favorisce il processo di formazione dei più giovani, aiuta a realizzare se stessi e a intessere migliori relazioni con gli altri, e può diventare motore di innovazione e di sviluppo anche per l’Università.

Ai partecipanti ha dato il benvenuto il Rettore dell’Università di Trento Prof Paolo Collini, che ha sottolineato come la sua passione per lo sport lo abbia sempre sostenuto nella sua professione di professore e di Rettore e di come la stessa possa aiutare gli studenti di tutte le Università a superare le sfide dei nostri tempi, portando le Università Italiane ai livelli dei più prestigiosi Atenei d’Europa.

Il convegno si è aperto con una prima sessione dedicata alla formazione, nella quale sono stati affrontati alcuni #temi-chiave come i criteri di accesso e di permanenza nei percorsi di doppia carriera (universitaria e sportiva) e i criteri per la quantificazione e assegnazione dei crediti formativi nei programmi di “sport diffuso”.

L’Università di Parma, rappresentata a Trento dal Delegato del Rettore Prof Nelson Marmiroli e dalla sua collaboratrice Dott.ssa Maria De Renzi, ha quindi potuto illustrare la propria esperienza: unica in Italia nell’avere un Regolamento di Ateneo che permette a tutti gli studenti, a prescindere dal percorso di laurea intrapreso, di poter veder riconosciuta all’interno del proprio piano di studio l’attività sportiva certificata sino a un massimo di 6 crediti formativi universitari, nell’ambito dei crediti a libera scelta dello studente.

Il Prof Marmiroli ha dunque messo in evidenza le altre iniziative dell’Università di Parma nel campo della gestione delle infrastrutture e della collaborazione con il CUS Parma, e le iniziative sportive rivolte verso l’esterno e alla città di Parma in particolare.

Come da programma la riflessione sullo sport nella ricerca ha fatto un focus sui finanziamenti, soprattutto europei, e sulla creazione di un protocollo condiviso che metta in luce la dimensione trasversale dello sport nella vita universitaria.

Grande attenzione ha avuto anche il tema dell’innovazione con le proposte rivolte al potenziamento delle start up sportive universitarie con strumenti ad hoc, come la creazione di un portale o di un incubatore universitario a livello nazionale.

Sul piano delle attività è stato dedicato spazio alla riflessione su eventuali sponsorizzazioni che siano di sostegno alla diffusione della pratica sportiva nei campus universitari.

L’Università di Parma ha anche potuto portare all’attenzione dei presenti l’esperienza decennale maturata con la realtà di #Giocampus, dove la collaborazione con il #CUS Parma e il Comune di Parma ha creato una realtà unica in Italia fornendo un servizio prezioso alla cittadinanza ma anche un punto di riferimento per le esperienze formative di tanti laureandi in Scienze Motorie e studenti delle superiori in alternanza scuola-lavoro.

La giornata conclusiva è stata caratterizzata da workshop tematici relativi ai diversi ambiti del convegno (formazione, ricerca e innovazione, pratica sportiva): tre tavoli di confronto diretto dai quali sono emerse le volontà comuni dei rappresentanti delle diverse Università Italiane di porre le basi per una visione univoca dello studente sportivo in Italia e della pratica sportiva a livello universitario. In particolare l’Ateneo di Parma ha partecipato attivamente ai tavoli dedicati alla formazione e alla pratica sportiva: se è ormai parere comune che la “Dual Career” dello studente-atleta sia una realtà dalla quale non si può più prescindere in Italia, adeguarsi alle direttive europee impone agli Atenei azioni e risorse concrete in tal senso. Da questo punto di partenza si è discusso di come il tutorato, strumento essenziale nella conciliazione della doppia carriera, debba essere strutturato e supportato da opportuni mezzi, per garantire con prontezza e continuità risposte adeguate ai bisogni degli studenti-atleti.

Si è poi proseguito con un’ultima sessione dedicata agli interventi del Presidente CUSI Lorenzo Lentini e del Segretario Generale CUSI Antonio Dima, i quali hanno messo in rilievo l’appello del CUSI e dei CUS affiliati nell’affiancare gli Atenei Italiani per una sempre maggiore diffusione della pratica sportiva tra gli studenti e il personale dell’Università. Ci sono stati anche alcuni interventi critici di Università e CUS che hanno, per ragioni locali, scelto strade diverse di collaborazione.

Il Presidente CUSI, nell’evidenziare che alcune delle critiche sono anche condivisibili, ha annunciato che il 16 giugno si terrà a Venezia, promossa dal CUSI, una riunione tra tutti i Presidenti CUS e i Rettori (o loro Delegati) delle Università Italiane, per fare il punto della situazione “sport e Università” e per discutere di problematiche ancora aperte.

Il convegno si è concluso nel pomeriggio con la stesura di un documento comune.

Tutti gli atti del convegno sono reperibili a questo link.
https://drive.goog...H2fRoGiYn3GqISZhmnc

Source by Flashsport


LSNN is an independent editor which relies on reader support. We disclose the reality of the facts, after careful observations of the contents rigorously taken from direct sources, we work in the direction of freedom of expression and for human rights , in an oppressed society that struggles more and more in differentiating. Collecting contributions allows us to continue giving reliable information that takes many hours of work. LSNN is in continuous development and offers its own platform, to give space to authors, who fully exploit its potential. Your help is also needed now more than ever!

In a world, where disinformation is the main strategy, adopted to be able to act sometimes to the detriment of human rights by increasingly reducing freedom of expression , You can make a difference by helping us to keep disclosure alive. This project was born in June 1999 and has become a real mission, which we carry out with dedication and always independently "this is a fact: we have never made use of funds or contributions of any kind, we have always self-financed every single operation and dissemination project ". Give your hard-earned cash to sites or channels that change flags every time the wind blows , LSNN is proof that you don't change flags you were born for! We have seen the birth of realities that die after a few months at most after two years. Those who continue in the nurturing reality of which there is no history, in some way contribute in taking more and more freedom of expression from people who, like You , have decided and want to live in a more ethical world, in which existing is not a right to be conquered, L or it is because you already exist and were born with these rights! The ability to distinguish and decide intelligently is a fact, which allows us to continue . An important fact is the time that «LSNN takes» and it is remarkable! Countless hours in source research and control, development, security, public relations, is the foundation of our basic and day-to-day tasks. We do not schedule releases and publications, everything happens spontaneously and at all hours of the day or night, in the instant in which the single author or whoever writes or curates the contents makes them public. LSNN has made this popular project pure love, in the direction of the right of expression and always on the side of human rights. Thanks, contribute now click here this is the wallet to contribute


Similar Articles / A Trento...ed Europa
from: ladysilvia
by: Greenpeace