MOVE

MOVE

Domenica
12:15:10
Luglio
10 2022

Milano Cortina 2026. Esposte a Palazzo Marino le bandiere olimpica e paralimpica

Immagine principale : Fotomontaggio del Duomo sulle Dolomiti

View 318

word 516 read time 2 minutes, 34 Seconds

Milano – Le bandiere delle olimpiadi e delle paralimpiadi sono esposte a Palazzo Marino. A svelarle, la mattina dell'8 Luglio nella Sala dell'orologio, sono stati l'assessora allo Sport, Turismo e Politiche giovanili Martina Riva e il sottosegretario alla Presidenza con delega allo Sport, Olimpiadi 2026 e Grandi eventi di Regione Lombardia Antonio Rossi.

Le bandiere sono custodite in due teche di 2 metri per 3, appese alle pareti della sala. Qui resteranno fino al trasferimento nella città che ospiterà i Giochi olimpici invernali 2030, al termine della Cerimonia di chiusura di Milano Cortina 2026.

"È emozionante vedere esposte le bandiere dei Giochi olimpici e paralimpici a Palazzo Marino – ha commentato l'assessora allo Sport, Turismo e Politiche giovanili Martina Riva –. I valori universali di rispetto e inclusione che i cerchi e gli agitos rappresentano saranno da guida e sprone nel percorso che ci porterà alle Olimpiadi invernali 2026: Milano c'è e farà del suo meglio per onorare l'importante compito di organizzare questo straordinario evento internazionale".

"Le bandiere rappresentano l'impegno concreto di quello che significherà ospitare i Giochi olimpici invernali Milano Cortina 2026. I cinque cerchi e gli agitos simboleggiano l'unione degli atleti di tutto il mondo attraverso lo sport che diviene strumento per creare una realtà più inclusiva e pacifica – ha aggiunto il sottosegretario alla Presidenza con delega allo Sport, Olimpiadi 2026 e Grandi eventi di Regione Lombardia Antonio Rossi –. I Giochi olimpici rappresentano un'opportunità importante per la valorizzazione turistica ed economica del nostro territorio e del Paese intero. Inoltre, aiuteranno a proiettare la Lombardia nel futuro, migliorando la qualità della vita dei suoi abitanti e assegnandole un ruolo di leadership in Italia e in Europa".

I cittadini di Milano e i turisti potranno ammirare le bandiere nel corso delle visite guidate a Palazzo Marino, che includono una tappa in Sala dell'orologio.

La bandiera olimpica è stata consegnata al Sindaco di Milano Giuseppe Sala e all'allora Sindaco di Cortina d'Ampezzo Gianpietro Ghedina, in occasione della Cerimonia di chiusura dei Giochi olimpici invernali di Pechino, il 20 febbraio scorso; la bandiera paralimpica è stata ricevuta dalla vicesindaco di Milano Anna Scavuzzo nel corso della Cerimonia di chiusura dei Giochi paralimpici invernali 2022, lo scorso 13 marzo.

I SIMBOLI DELLE BANDIERE

Il simbolo della bandiera olimpica, noto come "i cerchi olimpici", si basa su un disegno creato da Pierre de Coubertin nel 1913. Comprende cinque cerchi intrecciati, che rappresentano l'unione dei cinque continenti e l'incontro di atleti di tutto il mondo ai Giochi olimpici. Il simbolo dei Giochi paralimpici è composto da tre "agitos" di colore rosso, blu e verde che circondano un unico punto su fondo bianco. Ogni "agito" (dal latino "mi muovo") rappresenta il movimento e sottolinea il ruolo del Comitato paralimpico internazionale nel riunire gli atleti del mondo per raggiungere l'eccellenza sportiva e utilizzare lo sport come strumento per creare un mondo più inclusivo. Il simbolo degli "agitos" è stato creato nel 2003 ed è stato utilizzato ufficialmente per la prima volta ai Giochi paralimpici invernali di Torino 2006. Nel 2019, gli #agitos sono stati rinnovati con una nuova versione e utilizzati per la prima volta ai Giochi paralimpici invernali di Pechino 2022.

Source by Redazione


LSNN is an independent editor which relies on reader support. We disclose the reality of the facts, after careful observations of the contents rigorously taken from direct sources, we work in the direction of freedom of expression and for human rights , in an oppressed society that struggles more and more in differentiating. Collecting contributions allows us to continue giving reliable information that takes many hours of work. LSNN is in continuous development and offers its own platform, to give space to authors, who fully exploit its potential. Your help is also needed now more than ever!

In a world, where disinformation is the main strategy, adopted to be able to act sometimes to the detriment of human rights by increasingly reducing freedom of expression , You can make a difference by helping us to keep disclosure alive. This project was born in June 1999 and has become a real mission, which we carry out with dedication and always independently "this is a fact: we have never made use of funds or contributions of any kind, we have always self-financed every single operation and dissemination project ". Give your hard-earned cash to sites or channels that change flags every time the wind blows , LSNN is proof that you don't change flags you were born for! We have seen the birth of realities that die after a few months at most after two years. Those who continue in the nurturing reality of which there is no history, in some way contribute in taking more and more freedom of expression from people who, like You , have decided and want to live in a more ethical world, in which existing is not a right to be conquered, L or it is because you already exist and were born with these rights! The ability to distinguish and decide intelligently is a fact, which allows us to continue . An important fact is the time that «LSNN takes» and it is remarkable! Countless hours in source research and control, development, security, public relations, is the foundation of our basic and day-to-day tasks. We do not schedule releases and publications, everything happens spontaneously and at all hours of the day or night, in the instant in which the single author or whoever writes or curates the contents makes them public. LSNN has made this popular project pure love, in the direction of the right of expression and always on the side of human rights. Thanks, contribute now click here this is the wallet to contribute


Similar Articles / Milano C...ralimpica
from: ladysilvia
by: MilanoFoodLab