Bulgaria e Romania un “euranno” dopo

Martedì
04:34:52
Gennaio
22 2008

Bulgaria e Romania un “euranno” dopo

A un anno dall’adesione di Romania e Bulgaria all’Unione europea, abbiamo chiesto ad alcuni eurodeputati rumeni e bulgari le loro impressioni sul nuovo trend europeo, dopo le elezioni dello scorso 20 maggio in Bulgaria e del 25 novembre in Romania. I 18 neo-eurodeputati bulgari e i 35 rumeni resteranno in carica sino al giugno 2009 quando si terranno le prossime elezioni europee in tutti i 27 Stati membri

View 177.2K

word 376 read time 1 minute, 52 Seconds

Europa: Cambiamenti nella vita quotidiana

Dopo 12 mesi si può già tracciare un bilancio dei primi cambiamenti occorsi nella quotidianità dei cittadini bulgari e rumeni. Benefici concreti come stabilità economica, accesso ai fondi strutturali Ue o approvazione di nuovi programmi hanno dato ai cittadini bulgari "una maggiore fiducia in se stessi e il sentimento di aver fatto la scelta giusta", spiega l’eurodeputata bulgara del gruppo socialista Marusya Lyubcheva (PSE).

In Romania, invece, racconta l’eurodeputato rumeno Marian-Jean Marinescu del gruppo dei partito popolare europeo e democratici europei (PPE-DE), i più grandi cambiamenti sono stati "l’abolizione dei controlli in frontiera, la possibilità di lavorare legalmente all’estero e il riconoscimento dei titoli di studio".

Impegno per i cittadini

Per tutti i neo-eurodeputati, l’impegno per i cittadini occupa il primo posto dell’attività politica. Farsi "portavoce delle richieste" e "avere un riscontro" dal settore lavorativo, come quello vitivinicolo, è per la deputata bulgara Petya Stavreva del gruppo del partito popolare europeo e democratici europei (PPE-DE), "l’aspetto più importante del suo ruolo".

"Migliorare la qualità di vita dei propri cittadini" è invece ciò che conta di più per il collega rumeno Marinescu del gruppo dei partito popolare europeo e democratici europei (PPE-DE), attento soprattutto "ai temi legati al lavoro".

Elezioni europee 2009

La grande sfida sarà però l’elezione europea del 2009. Sono due le ricette dell’eurodeputato bulgaro Metin Kazak del gruppo dell’alleanza dei liberali e dei democratici per l’Europa (ALDE) per aumentare la partecipazione popolare: "Maggiore consapevolezza nell’agenda del Parlamento europeo e del suo ruolo nel processo decisionale", ma anche "educazione informale alla cittadinanza europea".

"Se i cittadini capiscono il valore aggiunto dell’Europa per le politiche dei singoli paesi membri, commenta l’eurodeputato rumeno Adrian Severin del gruppo socialista (PSE), allora diventeranno 'convinti sostenitori' dell’Ue". Prima controprova, "la partecipazione al voto alle Euro-elezioni 2009".

Source by europeanunion


LSNN is an independent publisher that relies on reader support. We disclose the reality of the facts, after careful observations of the contents rigorously taken from direct sources. LSNN is the longest-lived portal in the world, thanks to the commitment we dedicate to the promotion of authors and the value given to important topics such as ideas, human rights, art, creativity, the environment, entertainment, Welfare, Minori, on the side of freedom of expression in the world «make us a team» and we want you to know that you are precious!

Dissemination* is the key to our success, and we've been doing it well since 1999. Transparent communication and targeted action have been the pillars of our success. Effective communication, action aimed at exclusive promotion, has made artists, ideas and important projects take off. Our commitment to maintain LSNN is enormous and your contribution is crucial, to continue growing together as a true team. Exclusive and valuable contents are our daily bread. Let us know you are with us! This is the wallet to contribute.

*Dissemination is the process of making scientific and technical information accessible to a non-specialist public. This can come through various forms, such as books, articles, lectures, television programs and science shows.


Similar Articles / Bulgaria... dopo