Un primo passo dell’ESA verso la missione Mars Sample Return

Venerdì
07:14:24
Novembre
28 2003

Un primo passo dell’ESA verso la missione Mars Sample Return

View 136.7K

word 764 read time 3 minutes, 49 Seconds

Che può esserci di meglio per gli uomini che atterrare su Marte ed esplorare le meraviglie del Pianeta Rosso? Risposta: toccare, fotografare e analizzare alcuni campioni di roccia marziana, prelevati con cura, in un laboratorio sulla Terra.

Se tutto procede secondo i piani, questo è esattamente quello che il Programma a lungo termine dell’ESA Aurora per l’esplorazione del Sistema solare permetterà di fare entro una decina d’anni, tempo in cui i primi campioni di materiale marziano saranno sigillati in una capsula speciale e rispediti sulla Terra per essere analizzati.

Il primo passo per far compiere questo grande salto alla conoscenza umana fino a divenire realtà è stato percorso alla fine dello scorso ottobre, quando sono state annunciate le industrie che parteciperanno alla realizzazione della missione Mars Sample Return (MSR), ovvero la missione per il rientro di campioni da Marte, seconda missione robotizzata ammiraglia facente parte di Aurora.

Accordi paralleli per gli studi della Fase A che portino a una completa iterazione di design della missione MSR sono stati pianificati con due team industriali.

Un gruppo, guidato da Alenia Spazio (Italia), vede la partecipazione di Alcatel (Francia), Dutch Space (Olanda), ELV (Italia) e MDR (Canada).

L’altro team, con a capo EADS Astrium (Gran Bretagna), include Astrium SAS (Francia), EADS ST (Francia), Galileo Avionica (Italia), RAL (Gran Bretagna), SAS (Belgio), SENER (Spagna) e Utopia Consultancies (Germania).

“Le proposte che abbiamo ricevuto sono state di eccellente qualità , frutto dell’entusiasmo e dell’impegno dei team industriali che le hanno studiate” ha detto Bruno Gardini, Project Manager di Aurora. - 

Visione artistica del modulo di risalita lanciato dalla superficie di Marte con i campioni di terreno marziano
Portare indietro Marte sulla Terra

Secondo le attuali previsioni, MSR sarà una missione a due fasi. Dapprima, una sonda con la capsula di ritorno sarà lanciata nel 2011 e immessa nell’orbita marziana. Poi, due anni dopo, una seconda sonda con un modulo per la discesa e un veicolo per la risalita da Marte sarà lanciato su una traiettoria simile.

In questa seconda fase di avvicinamento a Marte, il modulo di discesa e il veicolo di risalita da Marte si staccheranno dalla sonda ed effettueranno un atterraggio controllato sul pianeta. Una trivella robotizzata prenderà campioni di suolo ad una profondità che varia dal metro e mezzo ai due metri e li sigillerà in una piccola scatola sul veicolo per la risalita. Altri campioni di suolo e di aria marziani possono essere raccolti e conservati nella stessa scatola.

Con a bordo il prezioso carico, il veicolo di risalita da Marte decollerà dalla superficie, incontrando in orbita la sonda e agganciandosi ad essa. Dopo aver ricevuto la scatola con le rocce marziane, la sonda farà ritorno alla Terra con una capsula di rientro che conterrà i campioni e che si getterà direttamente nell’atmosfera.

Grazie ad un paracadute o a un dispositivo gonfiabile che ne rallenterà il rientro, la capsula atterrerà dolcemente prima di esser presa in consegna da una squadra che la porterà dal luogo dell’atterraggio a un laboratorio assolutamente protetto dove i campioni saranno sottoposti alle analisi da parte degli scienziati.

Il design della capsula assicurerà l’integrità strutturale del container, anche nel caso che il paracadute non si apra e che l’atterraggio sia quindi durissimo.

“La Mars Sample Return è una delle missioni più impegnative mai progettate dall’ESA " ha ammesso Gardini.

"Non solo prevede l’utilizzo di molte tecnologie innovative e di quattro o cinque veicoli spaziali, ma ha anche un’importanza scientifica cruciale ed è la prima missione robotizzata con un profilo simile ad una probabile spedizione umana su Marte”.

Parte delle tecnologie richieste per il successo di questo ambizioso tentativo devono ancora esser sviluppate in Europa, ad esempio il rientro di un veicolo che proviene a tutta velocità dallo spazio profondo.

Come primo passo nello sviluppo di un veicolo che possa portare indietro campioni da Marte, occorre quindi che sia sviluppata questa tecnologia di rientro e dimostrata la sua accuratezza come parte del Programma Aurora. In proposito, sono stati annunciati da poco alcuni studi di fattibilità grazie alla missione Arrow, detta EVD (Earth re-entry Vehicle Demonstrator) per il rientro della sonda.

Allo stesso modo, la missione ExoMars, la prima missione ammiraglia del Programma Aurora, compirà un esperimento sulle complesse manovre di rendezvous e di agganciamento. Lo scorso settembre sono cominciati gli accordi per lo studio industriale della Fase A della missione ExoMars.

Per ulteriori informazioni:

Bruno Gardini
Aurora Project Manager
ESTEC
The Netherlands
Tel: +31-71-565-3849
E-mail: Bruno.Gardini@esa.int

Source by esaint


LSNN is an independent editor which relies on reader support. We disclose the reality of the facts, after careful observations of the contents rigorously taken from direct sources, we work in the direction of freedom of expression and for human rights , in an oppressed society that struggles more and more in differentiating. Collecting contributions allows us to continue giving reliable information that takes many hours of work. LSNN is in continuous development and offers its own platform, to give space to authors, who fully exploit its potential. Your help is also needed now more than ever!

In a world, where disinformation is the main strategy, adopted to be able to act sometimes to the detriment of human rights by increasingly reducing freedom of expression , You can make a difference by helping us to keep disclosure alive. This project was born in June 1999 and has become a real mission, which we carry out with dedication and always independently "this is a fact: we have never made use of funds or contributions of any kind, we have always self-financed every single operation and dissemination project ". Give your hard-earned cash to sites or channels that change flags every time the wind blows , LSNN is proof that you don't change flags you were born for! We have seen the birth of realities that die after a few months at most after two years. Those who continue in the nurturing reality of which there is no history, in some way contribute in taking more and more freedom of expression from people who, like You , have decided and want to live in a more ethical world, in which existing is not a right to be conquered, L or it is because you already exist and were born with these rights! The ability to distinguish and decide intelligently is a fact, which allows us to continue . An important fact is the time that «LSNN takes» and it is remarkable! Countless hours in source research and control, development, security, public relations, is the foundation of our basic and day-to-day tasks. We do not schedule releases and publications, everything happens spontaneously and at all hours of the day or night, in the instant in which the single author or whoever writes or curates the contents makes them public. LSNN has made this popular project pure love, in the direction of the right of expression and always on the side of human rights. Thanks, contribute now click here this is the wallet to contribute


Similar Articles / Un primo...le Return