Iraq, Saddam sfida la corte [ E' un TEATRINO ] il vero criminale è Bush

Venerdì
11:37:11
Luglio
02 2004

Iraq, Saddam sfida la corte [ E' un TEATRINO ] il vero criminale è Bush

View 134.0K

word 556 read time 2 minutes, 46 Seconds

Iraq, Saddam sfida la corte è tutta una FARSA il vero criminale è Bush

BAGHDAD - Provato ma arrogante, l’ex dittatore iracheno è comparso davanti ai giudici iracheni Ieri Saddam Hussein, dicendo che il "vero criminale" è il presidente americano George W. Bush.

A Saddam, portato in aula in manette e catene tra le misure di sicurezza Usa, sono state contestate sette accuse che potrebbero portarlo all’incriminazione per crimini di guerra, crimini contro l’umanità e genocidio.

"Sono Saddam Hussein, presidente dell’Iraq", ha ripetuto l’ex dittatore.

"I Kuwaitiani dicono che noi li abbiamo invasi, che volevamo rubare il loro petrolio e i loro soldi. Mentono. Noi, gli iracheni abbiamo difeso la nostra storia e i nostri diritti, ci siamo battuti e abbiamo lottato contro quei cani maledetti. Come può un iracheno come lei dire queste cose. Io l’ho fatto per il popolo iracheno, come può difendere quei cani?". Il giudice lo interrompe, lo richiama a un linguaggio più consono. Gli insulti non sono ammessi e non saranno tollerati.

Ma Saddam prosegue.
Il piglio è quello di sempre, ma la voce è più flebile, indebolita, i gesti, a tratti, incerti e confusi. È evidentemente dimagrito, segnato, i suoi capelli appaiono sempre nerissimi al contrario della barba imbiancata. Indossa un abito scuro sulla camicia bianca leggermente aperta sul collo. "Io sono Saddam Hussein, io sono il presidente della Repubblica dell’Iraq e il comandante supremo delle sue forze armate.

Le immagini televisive che mostrano Saddam, 67 anni, col volto scavato e le borse sotto gli occhi hanno fatto il giro del mondo subito dopo l’udienza di 30 minuti.

Saddam, la barba curata quasi del tutto grigia, indossava un gessato grigio scuro e una camicia bianca. È stata la prima apparizione pubblica dell’ex presidente iracheno dalla sua cattura, in dicembre.

Saddam non si è riconosciuto colpevole per l’invasione del Kuwait nel 1990. Quando gli è stato contestato il reato, ha puntato il dito contro il giovane giudice e ha detto: "Sono sorpreso che lei mi accusi di questo essendo iracheno quando tutti sanno che il Kuwait fa parte dell’Iraq".

Il giudice gli ha fatto presente che si trattava di procedure legali, ma Saddam lo ha interrotto: "Legge, quale legge?".

"Mettete sotto processo Saddam quando i kuwaitiani dissero che avrebbero comprato le donne irachene per 10 dinari sulla strada. I soldati iracheni andarono a difendere l’onore dell’Iraq, quindi che diritto hanno questi cani?", ha detto l’ex dittatore rivolto al giudice.

"Questo è tutto un teatro", ha aggiunto Saddam con un mezzo sorriso. "Il vero criminale è Bush".

Il tribunale iracheno ha contestato a Saddam Hussein e a 11 dei suoi luogotenenti imputazioni di crimini contro l’umanità , mesi prima di un processo che potrebbe permettere all’Iraq di chiudere 35 anni di brutalità baatista.

l’ex rais ha rifiutato di firmare i documenti legali che gli sono stati presentati.

Christiane Amanpour, una dei pochi giornalisti ammessi in aula, ha detto che l’ex leader iracheno è apparso "alternativamente depresso e combattivo".

La seduta, che ha avuto luogo nei pressi dell’aeroporto internazionale di Baghdad, dove l’ex dittatore e suoi principali luogotenenti sono stati tenuti, sarà mandata in onda, ma non dal vivo.

Il Kuwait ha chiesto che Saddam sia condannato a morte per i sette mesi di occupazione del Paese nel 1990-91.

Reuters/TG5

Source by PRESS


LSNN is an independent editor which relies on reader support. We disclose the reality of the facts, after careful observations of the contents rigorously taken from direct sources, we work in the direction of freedom of expression and for human rights , in an oppressed society that struggles more and more in differentiating. Collecting contributions allows us to continue giving reliable information that takes many hours of work. LSNN is in continuous development and offers its own platform, to give space to authors, who fully exploit its potential. Your help is also needed now more than ever!

In a world, where disinformation is the main strategy, adopted to be able to act sometimes to the detriment of human rights by increasingly reducing freedom of expression , You can make a difference by helping us to keep disclosure alive. This project was born in June 1999 and has become a real mission, which we carry out with dedication and always independently "this is a fact: we have never made use of funds or contributions of any kind, we have always self-financed every single operation and dissemination project ". Give your hard-earned cash to sites or channels that change flags every time the wind blows , LSNN is proof that you don't change flags you were born for! We have seen the birth of realities that die after a few months at most after two years. Those who continue in the nurturing reality of which there is no history, in some way contribute in taking more and more freedom of expression from people who, like You , have decided and want to live in a more ethical world, in which existing is not a right to be conquered, L or it is because you already exist and were born with these rights! The ability to distinguish and decide intelligently is a fact, which allows us to continue . An important fact is the time that «LSNN takes» and it is remarkable! Countless hours in source research and control, development, security, public relations, is the foundation of our basic and day-to-day tasks. We do not schedule releases and publications, everything happens spontaneously and at all hours of the day or night, in the instant in which the single author or whoever writes or curates the contents makes them public. LSNN has made this popular project pure love, in the direction of the right of expression and always on the side of human rights. Thanks, contribute now click here this is the wallet to contribute


Similar Articles / Iraq, Sa...e è Bush