Sbarca al Festival della Musica di Mantova il folk-rock travolgente dei Folkabbestia

Giovedì
14:40:23
Marzo
04 2004

Sbarca al Festival della Musica di Mantova il folk-rock travolgente dei Folkabbestia

View 132.7K

word 513 read time 2 minutes, 33 Seconds

Venerdì 5 marzo " Teatro Ariston
e Ratti della Sabina
Sabato 6 marzo - Teatro Ariston

I Folkabbestia e i Ratti della Sabina arrivano al Festival della Musica di Mantova con il loro carico di folk-rock goliardico e divertente.

I Folkabbestia si esibiranno venerdì 5 marzo al teatro Ariston (via principe Amedeo, 20). Il loro set durerà quindici minuti. Tra i brani in scaletta ci sarà “Alla manifestazione”, inno alla partecipazione in piazza senza alcun tono di militanza cupa, ma i ’freaks italiani’ promettono una sorpresa.

Il gruppo pugliese è attualmente impegnato in un tour di fine inverno-inizio primavera per promuovere ’Non è mai troppo tardi per avere un’infanzia felice’, l’ultimo album pubblicato nel 2003 per UPR/Edel.

La band, composta da Lorenzo Mannarini (voce e chitarra), Piero Santoro (fisarmonica), Francesco Fiore (basso elettrico), Nicola De Liso (batteria) e Fabio-  Losito (violino), è entrata lo scorso novembre nel Guinness dei Primati per aver eseguito l’esibizione musicale più lunga del mondo, suonando la stessa canzone per 30 ore di fila all’Auditorium Demetrio Stratos di Radio Popolare, a Milano. Il brano che ha proposto in infinite interpretazioni è «Styla Lollo Manna», tratta dal primo album “Se la rosa non si chiamerebbe rosa”.

Sabato 6 marzo, sempre al Teatro Ariston, sarà la volta dei Ratti della Sabina. La band di Rieti recupera la musica popolare (soprattutto-  quella tradizionale del Lazio) legandola alla canzone d’autore e alla patchanka, già portata al successo dai Modena City Ramblers e da Manu Chao. Il tutto filtrato con un atteggiamento ironico che si sposta decisamente dallo stereotipo del genere.

I Ratti della Sabina hanno all’attivo due album, “Cantiecontrocantiincantina” (2001,UPR) e “Circobirò” (2003, UPR).

“Circòbirò” è stato pubblicato a novembre dello scorso anno e arriva dopo una lunga serie di concerti-  in tutta la penisola. Il disco vive di queste esperienze messe in musica attraverso canzoni e-  tarantelle, in acustico e in elettrico, che si fondono nel nome del folkrock caloroso e spontaneo senza mediazioni; l’intenzione è quella di   rappresentare storie “minori”, sogni con la lente del ’sociale’.

Molti gli ospiti che hanno partecipato a “Circobirò”, tra gli altri-  spiccano i duetti con Cisco dei Modena City Ramblers (nel brano “Il Mercante”) e Marino Severini dei Gang (nella canzone “L’uomo che piantava gli alberi”).

“Circòbirò” è stato pubblicato a novembre dello scorso anno e arriva dopo una lunga serie di concerti-  in tutta la penisola. Il disco vive di queste esperienze messe in musica attraverso canzoni e-  tarantelle, in acustico e in elettrico, che si fondono nel nome del folkrock caloroso e spontaneo senza mediazioni; l’intenzione è quella di   rappresentare storie “minori”, sogni con la lente del ’sociale’.

I RATTI DELLA SABINA band:
Roberto Billi: voce, chitarra acustica, armonica e flauto
Stefano Fiori: voce e chitarra acustica
Eugenio Lupi: chitarra elettrica, chitarra acustica e banjo
Paolo Masci: mandolino, balalaica, bouzouki e chitarra slide
Alberto Ricci: fisarmonica
Alessandro Monzi: violino
Valerio Manelfi: basso elettrico, basso acustico e contrabbasso
Carlo Ferretti: batteria e percussioni

Ufficio Stampa Folkabbestia e Ratti della sabina: Francesco Imperato (tel. 02.45494275 / 328.2580277)
Faust D’Agata (tel. 02.45494275 / 329.0081321)

Source by Rockitalia


LSNN is an independent editor which relies on reader support. We disclose the reality of the facts, after careful observations of the contents rigorously taken from direct sources, we work in the direction of freedom of expression and for human rights , in an oppressed society that struggles more and more in differentiating. Collecting contributions allows us to continue giving reliable information that takes many hours of work. LSNN is in continuous development and offers its own platform, to give space to authors, who fully exploit its potential. Your help is also needed now more than ever!

In a world, where disinformation is the main strategy, adopted to be able to act sometimes to the detriment of human rights by increasingly reducing freedom of expression , You can make a difference by helping us to keep disclosure alive. This project was born in June 1999 and has become a real mission, which we carry out with dedication and always independently "this is a fact: we have never made use of funds or contributions of any kind, we have always self-financed every single operation and dissemination project ". Give your hard-earned cash to sites or channels that change flags every time the wind blows , LSNN is proof that you don't change flags you were born for! We have seen the birth of realities that die after a few months at most after two years. Those who continue in the nurturing reality of which there is no history, in some way contribute in taking more and more freedom of expression from people who, like You , have decided and want to live in a more ethical world, in which existing is not a right to be conquered, L or it is because you already exist and were born with these rights! The ability to distinguish and decide intelligently is a fact, which allows us to continue . An important fact is the time that «LSNN takes» and it is remarkable! Countless hours in source research and control, development, security, public relations, is the foundation of our basic and day-to-day tasks. We do not schedule releases and publications, everything happens spontaneously and at all hours of the day or night, in the instant in which the single author or whoever writes or curates the contents makes them public. LSNN has made this popular project pure love, in the direction of the right of expression and always on the side of human rights. Thanks, contribute now click here this is the wallet to contribute


Similar Articles / Sbarca a...kabbestia