MASSIMO ZAMBONI e GLI ALTRI E IL MARE, secondo estratto dal nuovo disco LA MIA PATRIA ATTUALE. Online il video

MOVE

MOVE

Sabato
17:19:16
Dicembre
04 2021

MASSIMO ZAMBONI e GLI ALTRI E IL MARE, secondo estratto dal nuovo disco LA MIA PATRIA ATTUALE. Online il video

Massimo Zamboni - foto di Giacomo Rosato

View 828

word 713 read time 3 minutes, 33 Seconds

“Troppe sponde per un unico mare che dovrebbe mediare tra le tante terre bagnate. Mare nostro e di tutti gli altri, mediano di nome, raramente di ruolo. È difficile accettare di condividere una divinità. Ma ogni viaggio verso l’Italia è costretto ad affrontare le sue coste. Lì si gioca il futuro di un Paese che si pretende a nord e si protende invece nella direzione opposta, sconfessando le proprie origini e fortune, sentendosi altro e superiore a ciò che quotidianamente accade nelle acque. Uno sguardo indifferente - più spesso ostile - alle disgrazie altrui pare essere l’antidoto per scongiurare di subire un destino altrettanto sfavorevole È la nostra indifferenza a creare la differenza.” (Massimo Zamboni)



Dal 3 dicembre il brano Gli altri e il mare di Massimo Zamboni, secondo estratto dal suo prossimo album La mia Patria attuale, fuori il 21 gennaio 2022 per Universal Music Italia. Lo stesso giorno, sul canale youtube di Zamboni, sarà online il video girato da Piergiorgio Casotti.

Dopo il primo singolo Canto degli sciagurati, la nuova canzone di Massimo è una ballata amara tutta giocata sugli arpeggi di chitarra acustica di Alessandro “Asso” Stefana, storico chitarrista di Vinicio Capossela, e le percussioni delicate di Simone Beneventi, cui si uniscono Cristiano Roversi e Erik Montanari. Un ulteriore tassello del nuovo percorso artistico di Zamboni che mette da parte la chitarra per utilizzare la voce come strumento, focalizzandosi su una dimensione più cantautorale.

Gli altri e il mare è una canzone poetica e politica che diventa invocazione a una divinità da venerare e da maledire al tempo stesso, una risorsa che viene rinnegata, un orizzonte che preferiamo rimuovere: il mar Mediterraneo, foriero di storia e bellezza ma anche di morte e disperazione. “Ci si inginocchia alla potenza delle sue onde affidando loro speranze, visioni, chiedendo consolazioni. L’indicibile bellezza delle marine mediterranee, quella luce incomparabile, la sua storia che nessuno altro può vantare; tutto questo non basta a lenire le sofferenze che in quelle acque si consumano e spengono, e parrebbe impossibile non accettare di avere un destino in comune, non sentire la divinità antichissima che ci lega”.

Una dicotomia messa in scena nel video diretto da Piergiorgio Casotti, già dietro la macchina da presa de La macchia mongolica e del precedente video Canto degli sciagurati. Un video che è un gioco di specchi, un’illusione, un luogo onirico in cui è “impossibile stabilire un al di qua e un al di là, un dove, un quando”. È lì che Zamboni cammina immerso nei propri pensieri, in una spiaggia del sud Italia in cui l’aria e la salsedine resuscitano i corpi, la bellezza incantata della natura evoca fantasmi e la risacca marina ci consegna all’inquietudine di questi tempi.

Il video è stato girato nel Comune di Melpignano, in Salento “che ci ha accolto con ospitalità e amicizia, dimostrando ancora una volta il proprio carattere straordinario. L’indifferenza non è mai di casa da quelle parti, e proprio da esempi come Melpignano può ripartire un’idea di Italia che ci faccia ritrovare - finalmente - il pieno significato di sentirci cittadini.”

GLI ALTRI E IL MARE

Credits

Regia e montaggio: Piergiorgio Casotti
Aiuto regia: Fiammetta Pisani
Sceneggiatura: Piergiorgio Casotti
Fotografie di scena: Giacomo Rosato

La canzone Gli altri e il mare è stata registrata e mixata da Alessandro “Asso” Stefana.
Mastering a cura di Giovanni Versari.
Musica e testo: Massimo Zamboni

Massimo Zamboni con Alessandro Asso Stefana, Cristiano Roversi, Erik Montanari, Simone Beneventi

Testo

Marine di indicibile bellezza, e volti tesi
l’incomparabile splendore della luce, negli occhi amari
tramonti che non bastano a spegnere la sete
albe che non si possono eguagliare.

Cubi di case bianche inchiodate al sole
spacchi spazzature e morte portate dalle ondate
provvidenze secolari pazienze sfiducie millenarie
e dall'imbrunire il prevalere dei maschi
il loro dominare

Dio è carne e latte per alcuni, un viaggio per milioni
è acqua e pane sconosciuti, un giardino di limoni
è frutta e grano, un sonno meridiano
un margine di gioia da traversare, mare sovrano

Cuore mio
c'è qualcosa che mi placa in queste onde
dove senti i gabbiani urlare
dove senti i cani urlare

Cuore mio
c'è qualcosa che mi opprime in queste onde
dove senti le voci urlare
dove senti i cani urlare

Mare nostro e di tutti gli altri il mare
mare nostro e di tutti gli altri il mare

Source by Rockitalia


LSNN is an independent editor which relies on reader support. We disclose the reality of the facts, after careful observations of the contents rigorously taken from direct sources, we work in the direction of freedom of expression and for human rights , in an oppressed society that struggles more and more in differentiating. Collecting contributions allows us to continue giving reliable information that takes many hours of work. LSNN is in continuous development and offers its own platform, to give space to authors, who fully exploit its potential. Your help is also needed now more than ever!

In a world, where disinformation is the main strategy, adopted to be able to act sometimes to the detriment of human rights by increasingly reducing freedom of expression , You can make a difference by helping us to keep disclosure alive. This project was born in June 1999 and has become a real mission, which we carry out with dedication and always independently "this is a fact: we have never made use of funds or contributions of any kind, we have always self-financed every single operation and dissemination project ". Give your hard-earned cash to sites or channels that change flags every time the wind blows , LSNN is proof that you don't change flags you were born for! We have seen the birth of realities that die after a few months at most after two years. Those who continue in the nurturing reality of which there is no history, in some way contribute in taking more and more freedom of expression from people who, like You , have decided and want to live in a more ethical world, in which existing is not a right to be conquered, L or it is because you already exist and were born with these rights! The ability to distinguish and decide intelligently is a fact, which allows us to continue . An important fact is the time that «LSNN takes» and it is remarkable! Countless hours in source research and control, development, security, public relations, is the foundation of our basic and day-to-day tasks. We do not schedule releases and publications, everything happens spontaneously and at all hours of the day or night, in the instant in which the single author or whoever writes or curates the contents makes them public. LSNN has made this popular project pure love, in the direction of the right of expression and always on the side of human rights. Thanks, contribute now click here this is the wallet to contribute


Similar Articles / MASSIMO ... il video
from: rockitalia
by: Rockitalia
from: ladysilvia
by: Governo