Addio Bruno.. “Bruno Lauzi”, ci lascia e si spoglia della vita terrena

Mercoledì
13:16:01
Ottobre
25 2006

Addio Bruno.. “Bruno Lauzi”, ci lascia e si spoglia della vita terrena

1968 : Bruno Lauzi con gli amici Cochi e Renato

View 134.9K

word 1.4K read time 6 minutes, 59 Seconds

Musica in lutto: il cantautore Bruno Lauzi, l’artista genovese, è deceduto questa notte a Milano.

Il cantautore aveva 69 anni simbolo della musica d'autore e riferimento per molti da quando si è scoperto del morbo di Parkinson. Eppure solo pochi giorni fa la notizia, come vincitore del Premio Tenco 2006, sulla "Rassegna della canzone d'autore" 2006 in programma il prossimo 9 fino all’11 novembre al Teatro Ariston di Sanremo.

I funerali di Bruno Lauzi si terranno fra pochissime ore oggi alle 15.30 nella chiesetta di San Bovio, frazione di Peschiera Borromeo (Milano).

Nonostante la malattia da cui era stato colpito da tempo, Lauzi ha continuato a esercitare la sua attività fino all’aggravarsi del male. Una ventina di giorni fa era stato dimesso dalla clinica Humanitas ed era rientrato a casa, dove ieri è morto circondato dai propri familiari. Lascia la moglie e un figlio, Maurizio di 37 anni.

Chi era Bruno Lauzi: (dal suo sito ufficiale)
Bruno Lauzi, nato all’Asmara l’8-8-1937 ma cresciuto a Genova, è ritenuto con Umberto Bindi, Gino Paoli e Luigi Tenco uno dei fondatori della cosiddetta "scuola genovese" da cui nacque la canzone moderna italiana ed il cantautorato. Ha conosciuto e condiviso insieme al suo amico e compagno di banco Luigi Tenco al Ginnasio "Andrea Doria" la passione per i films musicali e per il jazz: con Luigi - siamo all’incirca nel '53 - faceva parte della stessa "band", la "Jelly Roll Morton Boys Jazz Band ". Nello stesso periodo i due iniziano a scrivere canzoni sotto la guida di Gianfranco Reverberi e di Giorgio Calabrese. Dopo il '56, trasferitosi a Varese, conosce e collabora con Piero Chiara (di cui corregge le bozze dei primi libri) alla nascita del quindicinale politico liberale "l’Altolombardo"; scopre la canzone francese di Brassens, Brel, Aznavour ed inizia il suo percorso (mentre ancora studia Legge alla Statale di Milano ) componendo il brano che darà l’impronta a tutta la sua produzione artistica futura: "Il poeta". Si diploma in inglese alla Scuola Interpreti di Milano che raggiunge quotidianamente viaggiando sul treno che da Varese porta a Milano assieme a studenti ed operai ( non prenderà mai la patente...!). Sono gli anni del boom economico e contemporaneamente del fenomeno dell’emigrazione; da questi treni Bruno vede con i propri occhi scendere famiglie di emigranti arrivate al Nord col miraggio del lavoro: compone così "La donna del Sud". Vince nel frattempo due concorsi nazionali di traduzione, ma abbandona coraggiosamente a due esami dalla laurea la Facoltà di Legge, decidendo di dare allasua vita una ormai irrinunciabile svolta artistica. In quel periodo compone "Ritornerai"e con questo brano cominciano ad arrivare i primi riconoscimenti.

A Milano inizia a frequentare e conoscere l’ambiente artistico di quegli anni, dai "Gufi" ad Enzo Jannacci e a lavorare al mitico "Derby" di Milano, il locale del cabaret degli anni sessanta assieme a Cochi e Renato, Felice Andreasi e Lino Toffolo: il suo successo come autore, cantante ed interprete comincia a diventare sempre più importante; inizia così la sua vera attività artistica che comincia ad impegnarlo in concerti e tournee internazionali fra le quali anche una insieme con Mina.

Alla fine degli anni Sessanta Bruno Lauzi conosce e diventa amico di Lucio Battisti che gli propone di entrare nella sua casa discografica, la "Numero Uno": inizia una proficua collaborazione col duo Battisti-Mogol che Bruno suggellerà portando al
successo, come interprete, brani storici quali "E penso a te", "l’aquila" e "Amore caro, amore bello", con il quale raggiunge il primo posto in hit parade: vince varipremi della critica discografica con canzoni cantate da lui o scritte per altri quali "Lo straniero" per George Moustaki, "Quanto t'amo" per Johnnny Holliday, "l’appuntamento" per Ornella Vanoni, "Piccolo uomo" per Mia Martini incontrando artisti internazionali come Vinicius De Moraes , Toquinho, Petula Clark, Dionne Warwick,Tony Bennet, Peter Ustinov, Gabriel Garcia Marquez ,Serge Reggiani, scrive canzoni per bambini tra le quali"La tartaruga", e "Johnny Bassotto" ed inizia a collaborare praticamente con tutti gli artisti nazionali, tenendo, tra gli altri, a battesimo "sconosciuti" come Edoardo Bennato, Roberto Vecchioni ( che gliene saranno sempre grati ) , i Gatti di Vicolo Miracoli.

Collabora con i fratelli La Bionda (per un periodo suoi chitarristi nei concerti dal vivo) ed è il primo tra i colleghi ad ospitare in televisione Baglioni e, forse, l’unico con Mina ad avere Battisti in un suo "speciale"televisivo. Sempre in quel periodo nasce una sincera simpatia personale con il suo avvocato di allora, un certo Paolo Conte, che gli fa ascoltare su un vecchio "mangia-cassette"un brano ("Onda su onda") di cui subito Bruno s'innamora portandolo al successo. Sarà poi la volta di brani come"Genova per noi" e"Bartali" tanto che lo stesso Conte ebbe a definirlo "grande ambasciatore della mia musica"... Incide "Angeli" con Lucio Dalla, "Naviganti" con Ivano Fossati, "Maria dei parafulmini" con Ron ed il figlio Maurizio fino ad ospitare Paolo Conte al vibrafono nel proprio disco "Back to jazz".Vince il premio della critica nel 1989 al Festival di Sanremo con il brano "Almeno tu nell’universo" scritto con Maurizio Fabrizio. Alla tenera età di 63 anni Bruno Lauzi è un cantante, compositore, autore di testi, cabarettista e poeta (ha pubblicato due titoli: "I mari interni" edito da Crocetti Editore e "Riapprodi" edito da Rangoni Editore, riuniti ora con il titolo "Versi facili" per le Edizioni Marittime dello stesso Lauzi. Nel tempo libero si occupa di politica (sua antica passione), giornalismo, gastronomia ed è, sissignori, un gran cercatore di funghi. Dice: ”Programmi? Diventare un bel vecchio. Nei prossimi vent'anni, dai 63 attuali agli 83”.

Con la sorpresa di ritrovarsi malato, fortunatamente per il momento in forma non grave, del morbo di Parkinson, la sua vita subisce un’imrovvisa acelerazione: si rende conto che il tempo potrebbe cominciare a scarseggiare da domani mattina, quindi moltiplica le iniziative in tutte le direzioni.
Decide di diventare discografico ed editore di se stesso: fonda una propria casa editrice che chiama significativamente ” Pincopallo” ed insieme a Maurizio Fabrizio pubblica per questa uno degli album più significativi della sua significativi della sua carriera "Il dorso della balena”.
Seguiranno una nuova serie di album che ne testimoniano la vitalità dirompente: ”Una vita in musica”, ”Omaggio alla città di Genova”, “Omaggio al Piemonte”,“Tra cielo e mare: la Liguria dei poeti”, e per altre case discografiche escono “Il manuale del piccolo esploratore”e “Nostaljazz”. Nel frattempo pubblica il secondo volume di poesie “Esercizi di sguardo” edito dalle Ed.Marittime di Milano (cioè da Pincopallo), libro che si impone all’attenzione di alcuni critici e di qualche poeta (Nico Orengo, Giuseppe Conte, Elena Bono) ma soprattutto commuove il grosso pubblico. Una delle liriche ivi contenute, dedicata allo sfarfallìo della mano colpita dal morbo “ La Mano”), diventa un gadget per la raccolta di fondi a favore della ricerca scientifica sul morbo di Parkinson.

Pubblica come gadget natalizio per un’importante azienda italiana il volumetto ”Poesie contromano”sempre edito dalle Ed.Marittime, un omaggio alla sua calligrafia scomparsa”¦
Gira il cortometraggio “Ora dicono fosse un poeta” sulle sue poesie presentato da Felice Andreasi che vince alcuni premi della critica.
Scrive un musical con Gianfranco Reverberi “Una volta nella vita” che diventerà “testo scolastico per le scuole di musical. Rinfrancato dal giudizio positivo di esperti del settore (Garinei si complimenta con Bruno dicendogli che nella sua lunga carriera non ha mai letto testi di maggior valore), scrive una nuova commedia musical con Pippo Caruso “Donna Flor”, rinnovando fra i due le sintonie che fecero scrivere di tartarughe e di bassotti poliziotti”¦
Diventa testimonial dell’AIP (Associazione Italiana Parkinson) contribuendo con diverse iniziative alla raccolta fondi per la ricerca.

Come massimo segno di fortuna il suo “non-romanzo”dal curioso titolo de “Il caso del pompelmo levigato” è pubblicato nel corso del 2005 nei Tascabili Bompiani. Dopo non poche vicissitudini, attraverso i buoni uffici di Franco Battiato, ed un attento lavoro di rilettura e di messa a punto del lavoro (ringraziamo Elisabetta Sgarbi, Cristina Poma e Daniela Padoan) e, dopo venti anni dalla prima stesura, vede la luce questo piccolo trattato umoristico sul libero arbitrio ed altre arbitrarietà ”¦

Al momento restano in attesa del loro turno oltre alla biografia, due storie altrettanto improbabili alle quali Bruno alacremente ha lavorato negli ultimi tempi e l’uscita di un nuovo album intitolato "Ciocco Latino"e che conterrà , tra le altre cose alcuni brani inediti.

Source by Rockitalia


LSNN is an independent editor which relies on reader support. We disclose the reality of the facts, after careful observations of the contents rigorously taken from direct sources, we work in the direction of freedom of expression and for human rights , in an oppressed society that struggles more and more in differentiating. Collecting contributions allows us to continue giving reliable information that takes many hours of work. LSNN is in continuous development and offers its own platform, to give space to authors, who fully exploit its potential. Your help is also needed now more than ever!

In a world, where disinformation is the main strategy, adopted to be able to act sometimes to the detriment of human rights by increasingly reducing freedom of expression , You can make a difference by helping us to keep disclosure alive. This project was born in June 1999 and has become a real mission, which we carry out with dedication and always independently "this is a fact: we have never made use of funds or contributions of any kind, we have always self-financed every single operation and dissemination project ". Give your hard-earned cash to sites or channels that change flags every time the wind blows , LSNN is proof that you don't change flags you were born for! We have seen the birth of realities that die after a few months at most after two years. Those who continue in the nurturing reality of which there is no history, in some way contribute in taking more and more freedom of expression from people who, like You , have decided and want to live in a more ethical world, in which existing is not a right to be conquered, L or it is because you already exist and were born with these rights! The ability to distinguish and decide intelligently is a fact, which allows us to continue . An important fact is the time that «LSNN takes» and it is remarkable! Countless hours in source research and control, development, security, public relations, is the foundation of our basic and day-to-day tasks. We do not schedule releases and publications, everything happens spontaneously and at all hours of the day or night, in the instant in which the single author or whoever writes or curates the contents makes them public. LSNN has made this popular project pure love, in the direction of the right of expression and always on the side of human rights. Thanks, contribute now click here this is the wallet to contribute


Similar Articles / Addio Br...a terrena