Il Telescopio remoto dell’Unione Astrofili Italiani ”¦ un nuovo modo per osservare il cielo!

Mercoledì
00:29:52
Luglio
02 2008

Il Telescopio remoto dell’Unione Astrofili Italiani ”¦ un nuovo modo per osservare il cielo!

View 130.7K

word 493 read time 2 minutes, 27 Seconds

Roma: Osservare dal giardino di casa è sicuramente una grande comodità ma gli astrofili sanno che, in certi casi, la comodità non è una strategia che premia. I cieli delle nostre città permettono ormai di dedicarsi solo, e parzialmente, alle osservazioni planetarie e lunari. Per gli appassionati del profondo cielo l’unica soluzione è la ricerca di luoghi lontani dalle fonti di luce artificiale. Una soluzione possibile per evitare di percorrere chilometri e chilometri ogni volta che si vuole osservare è quella di utilizzare dei telescopi a controllo remoto.

In quest’ottica l’Unione Astrofili Italiani, in accordo con l’Associazione Skylive, ha posto nella località di Pedara (Catania), sulle pendici dell’ Etna, un telescopio Schmidt-Cassegrain da 12” di specchio e risoluzione 1,5 secondi d’arco, comandabile in remoto da ogni parte del mondo! Con un semplice collegamento Internet, anche a bassa velocità , qualunque utente ha la possibilità di collegarsi al telescopio, muoverlo, puntare l’ oggetto che ha scelto e dedicarsi all’osservazione e alla fotografia a lunga posa. Oltre al telescopio UAI, a Pedara sono stati posti anche altri 3 telescopi, sempre a disposizione degli astrofili.

Progetto unico al mondo, il collegamento ai telescopi è gratuito, e così lo è anche il download delle immagini. Grazie ad un sistema condiviso, utilizzare questi strumenti in completa autonomia comporta poi solamente il pagamento di una piccola quota annuale o di una piccolissima rata mensile. L’utente, collegandosi con gli altri utilizzatori tramite una chat annessa, stabilisce insieme con loro l’utilizzo degli strumenti. In caso di ricerche particolarmente impegnative, o per serate dedicate, è possibile anche prenotare uno degli strumenti in modo esclusivo. Questo comporta il pagamento di una quota oraria che è però comunque molto inferiore allo standard. Per i soci UAI, inoltre, il prezzo per l’accesso riservato a tutti i telescopi di Pedara è ulteriormente scontato.

In quest’ultimo periodo il Progetto Skylive, in collaborazione con il Grove Creek Observatory, ha posizionato due nuovi telescopi remoti in Australia nella regione di Sydney. Questi nuovi strumenti permettono all’astrofilo italiano la scoperta del cielo australe: le Nubi di Magellano, Omega Centauri, la misteriosa Eta Carinae e l’immensa nebulosa che la avvolge. L’UAI dedica anche in questo caso delle tariffe particolarmente vantaggiose per i suoi soci, fermo restando che il collegamento a questi telescopi d’oltreoceano ed il download delle loro immagini rimane comunque gratuito per tutti (in orari diurni, essendo notte in Australia quando da noi è giorno!).

Questi telescopi remoti sono sicuramente un modo per scoprire nuove meraviglie del cielo semplicemente dal divano di casa! Non è da sottovalutare neanche il ruolo fondamentale che questi strumenti possono avere per la divulgazione, la ricerca e, in particolare, la didattica nelle Scuole.

Per collegarsi e connettersi al telescopio remoto UAI basta visitare il Sito Internet http://telescopioremoto.uai.it , o il sito di tutti i telescopi italo-australiani , www.skylive.it , e richiedere la propria password gratuita. Vi aspettiamo per questo viaggio!

Source by UAI


LSNN is an independent editor which relies on reader support. We disclose the reality of the facts, after careful observations of the contents rigorously taken from direct sources, we work in the direction of freedom of expression and for human rights , in an oppressed society that struggles more and more in differentiating. Collecting contributions allows us to continue giving reliable information that takes many hours of work. LSNN is in continuous development and offers its own platform, to give space to authors, who fully exploit its potential. Your help is also needed now more than ever!

In a world, where disinformation is the main strategy, adopted to be able to act sometimes to the detriment of human rights by increasingly reducing freedom of expression , You can make a difference by helping us to keep disclosure alive. This project was born in June 1999 and has become a real mission, which we carry out with dedication and always independently "this is a fact: we have never made use of funds or contributions of any kind, we have always self-financed every single operation and dissemination project ". Give your hard-earned cash to sites or channels that change flags every time the wind blows , LSNN is proof that you don't change flags you were born for! We have seen the birth of realities that die after a few months at most after two years. Those who continue in the nurturing reality of which there is no history, in some way contribute in taking more and more freedom of expression from people who, like You , have decided and want to live in a more ethical world, in which existing is not a right to be conquered, L or it is because you already exist and were born with these rights! The ability to distinguish and decide intelligently is a fact, which allows us to continue . An important fact is the time that «LSNN takes» and it is remarkable! Countless hours in source research and control, development, security, public relations, is the foundation of our basic and day-to-day tasks. We do not schedule releases and publications, everything happens spontaneously and at all hours of the day or night, in the instant in which the single author or whoever writes or curates the contents makes them public. LSNN has made this popular project pure love, in the direction of the right of expression and always on the side of human rights. Thanks, contribute now click here this is the wallet to contribute


Similar Articles / Il Teles...il cielo!
from: ladysilvia
by: UNIPR