MATRIMONIO GAY: PRESENTATO RICORSO AL TRIBUNALE CONTRO LA DECISIONE DEL COMUNE DI NEGARE LE PUBBLICAZIONI

Giovedì
19:43:27
Giugno
14 2007

MATRIMONIO GAY: PRESENTATO RICORSO AL TRIBUNALE CONTRO LA DECISIONE DEL COMUNE DI NEGARE LE PUBBLICAZIONI

L’interpretazione letterale delle norme codicistiche che supporta l’atto di diniego alle pubblicazioni di matrimonio del Comune di Firenze è contrario alla Costituzione italiana

View 164.8K

word 741 read time 3 minutes, 42 Seconds

Firenze: Diritti e valori umani su Ladysilvia. Francesco Piomboni e il compagno Matteo Pegoraro nella foto, dopo che l’Ufficio di Stato Civile del Comune di Firenze aveva respinto in via ufficiale la loro richiesta di pubblicazioni di matrimonio, hanno presentato, nella mattinata di martedì 12 giugno, ricorso alla Volontaria Giurisdizione, assistiti da due legali. E’ la prima volta che accade in Italia.

In Italia non c’è un precedente di questo tipo; è infatti la prima volta che nel nostro Paese due omosessuali conviventi, entrambi cittadini italiani, hanno presentato ricorso al diniego del Comune di Firenze di affiggere le pubblicazioni di matrimonio civile alla porta comunale. I due ricorrenti, Francesco Piomboni, 33 anni, e Matteo Pegoraro, 21, sono conviventi da quasi due anni e insieme guidano, da presidente e segretario, la sezione provinciale fiorentina Arcigay.

Il 29 marzo scorso avevano tenuto, all’uscita di Palazzo Vecchio, una conferenza stampa dove annunciavano la decisione dell’Ufficiale di stato civile e garantivano che sarebbero ricorsi al Tribunale per iniziare una battaglia per il riconoscimento giuridico della loro unione. In quell’occasione, l’assessore ai servizi demografici del Comune, Lucia De Siervo, aveva consigliato alla coppia di iscriversi al registro delle unioni civili della città , regolamentato nel 2001 dopo la delibera del ’98. “L’assessore De Siervo probabilmente non ha capito che la nostra è una volontà ferma di essere riconosciuti a livello giuridico, con pari diritti e pari doveri dei cittadini eterosessuali che contraggono matrimonio. Il registro delle unioni civili non permette alcun tipo di beneficio, se non che quello di essere riconosciuti simbolicamente come coppia dal comune di residenza” dichiarano i due.

Ma due sono le motivazioni che sostengono l’atto di diniego del comune di Firenze, che nel ricorso redatto dagli avvocati della coppia " Francesco Bilotta del foro di Trieste e Paola Pasquinuzzi del foro di Firenze " vengono contestate perché “illegittime e gravemente lesive del diritto all’autodeterminazione dei ricorrenti, nonchè gravemente discriminatorie in quanto fondate sull’orientamento sessuale degli stessi”.

Le motivazioni che l’ufficiale di Firenze aveva addotte per negare la richiesta di matrimonio a Piomboni e Pegoraro erano che ancor oggi, nell’ordinamento italiano, il rapporto di coniugio è inteso solo tra soggetti di sesso diverso, come " sempre secondo l’Ufficiale dello stato civile " si evincerebbe da una serie di norme presenti nel codice civile; infine, che, in base alla circolare n. 2/2001 del Ministero degli interni, riguardante la diversa fattispecie dei matrimoni omosessuali celebrati all’estero, la trascrizione degli stessi è impedita dalla loro contrarietà all’ordine pubblico.

Tuttavia, tengono a specificare Piomboni e Pegoraro, affiancati dai loro legali, “non esiste nel nostro ordinamento una nozione di matrimonio, come non esiste un divieto espresso di matrimonio omosessuale. Inoltre " proseguono " la circolare del Ministero degli interni, citata nel provvedimento, si riferisce all’ordine pubblico internazionale e non all’ordine pubblico interno, che dovrebbe comunque essere specificatamente indicato; e il diniego è comunque contrario allo spirito della nostra Costituzione, nonchè della Carta di Nizza”.

Escludere le persone omosessuali dalla possibilità di accedere al matrimonio significa dunque impedire loro di sviluppare appieno la loro personalità in un progetto di vita familiare, e ciò è in patente contrasto con gli articoli 2 e 3 della nostra Costituzione. Paradossalmente è proprio il non consentire l’atto matrimoniale a minare uno dei principi cardine del sistema, ossia il rispetto della dignità della persona e del suo progetto (e scelte) di vita, principi che, a parte nella Carta costituzionale italiana, si ritrovano proclamati nella Convenzione europea dei diritti dell’uomo e nella Carta di Nizza.
Francesco Piomboni e Matteo Pegoraro chiedono dunque che venga sollevata dal Tribunale di Firenze l’illegittimità costituzionale di tale diniego e sperano in un rimando del Giudice alla Corte Costituzionale.

La coppia invita inoltre tutta al cittadinanza a partecipare al Gay Pride di sabato 16 giugno: “Anche noi saremo parte del corteo, in rappresentanza di tutte le coppie omosessuali che vorrebbero accedere all’istituto matrimoniale o avere parità di diritti e doveri alle coppie sposate attraverso il riconoscimento della loro convivenza. Vogliamo sperare che altre coppie, in diverse parti d’Italia, vogliano intraprendere il nostro stesso cammino; anche per questo abbiamo creato il sito www.lastranafamiglia.it , che vuole raccontare la nostra storia e permettere a tutti coloro che lo vogliono di seguirci da vicino in questa vicenda.”

Source by Arcigay


LSNN is an independent publisher that relies on reader support. We disclose the reality of the facts, after careful observations of the contents rigorously taken from direct sources. LSNN is the longest-lived portal in the world, thanks to the commitment we dedicate to the promotion of authors and the value given to important topics such as ideas, human rights, art, creativity, the environment, entertainment, Welfare, Minori, on the side of freedom of expression in the world «make us a team» and we want you to know that you are precious!

Dissemination* is the key to our success, and we've been doing it well since 1999. Transparent communication and targeted action have been the pillars of our success. Effective communication, action aimed at exclusive promotion, has made artists, ideas and important projects take off. Our commitment to maintain LSNN is enormous and your contribution is crucial, to continue growing together as a true team. Exclusive and valuable contents are our daily bread. Let us know you are with us! This is the wallet to contribute.

*Dissemination is the process of making scientific and technical information accessible to a non-specialist public. This can come through various forms, such as books, articles, lectures, television programs and science shows.


Similar Articles / MATRIMON...LICAZIONI