Pressioni e Intimidazioni

Giovedì
12:22:20
Ottobre
18 2007

Pressioni e Intimidazioni

Milano come Catanzaro, ma anche a Foggia la casta risponde attaccando, e i poteri forti, promuovono citazioni in tribunale avverso quei cittadini che osano alzare la testa e dire la verità .

View 164.9K

word 867 read time 4 minutes, 20 Seconds

La casta reagisce, ed è caccia alle streghe

Giovedì, 18 Ottobre 2007, Minacce, pressioni, intimidazioni: aperta la caccia alle streghe Minacce De Magistris e Forleo. Anm contro poteri ministro mercoledì, 17 ottobre 2007 8.03

ROMA (Reuters) - Il sostituto procuratore di Catanzaro Luigi De Magistris, titolare di una controversa inchiesta che attraverso intercettazioni ha lambito personaggi di primo piano del mondo politico, e la giudice per le indagini preliminari di Milano, Clementina Forleo, hanno ricevuto a poche ore di distanza oggi una busta con un proiettile, accompagnato dagli stessi messaggi intimidatori. Lo riferiscono fonti giudiziarie.

Secondo gli investigatori, infatti, entrambe le buste contegono frasi come “Voi nemici della libertà ” oltre a un simbolo definito dagli investigatori di Milano “un’imitazione pacchiana del simbolo delle Br”, ovvero della stella a cinque punte. All’interno della busta indirizzata al gip Forleo c’era anche un proiettile bucato. In precedenza fonti giudiziarie avevano detto che nel messaggio indirizzato a Forleo c’era anche la frase “La prossima sarà reale”.

La gip ha ricevuto e aperto nel proprio ufficio la busta, proveniente da Bologna.

DE MAGISTRIS E FORLEO AD “ANNOZERO”
Forleo era intervenuta nella puntata del programma “Annozero” sulla Rai in difesa dell’operato del collega De Magistris, anche lui intervistato da Michele Santoro il 4 ottobre scorso.

La puntata ha suscitato l’indignazione del Guardasigilli Clemente Mastella, al centro di una polemica politico-giudiziaria per aver invocato la rimozione di De Magistris dopo presunte irregolarità riscontrate a Catanzaro dai suoi ispettori.

Mastella ha inviato ai due magistrati un messaggio di solidarietà , condannando il gesto intimidatorio.

“So che cosa significa ricevere minacce e proprio per questo, come ho sempre fatto nei confronti di chiunque sia stato vittima di episodi del genere, non posso che esprimere la mia solidarietà al sostituto procuratore e manifestare il mio sdegno per chi, con qualunque motivazione, cerca di intimorire gli altri”, ha detto Mastella nel primo comunicato.

“Ribadisco la mia condanna ferma verso tutti quei comportamenti che cercano di attentare alla serenità e alla sicurezza delle persone”, ha poi scritto il ministro sul caso Forleo.

ANM CONTRO POTERE MINISTRO DI CHIEDERE TRASFERIMENTO MAGISTRATI
Intanto, sempre oggi, l’Associazione nazionale magistrati è intervenuta con una nota sulla polemica che ha coinvolto De Magistris e sui provvedimenti invocati, chiedendo una modifica della normativa.

“La Giunta (Anm) ribadisce qui le critiche già mosse alle norme dei decreti (del ministro Roberto) Castelli che da un lato hanno posto nel nulla il potere del Consiglio superiore della Magistratura di intervenire in situazioni critiche di incompatibilità ambientale con lo strumento del trasferimento di ufficio (previsto dall’art. 2 della legge sulle guarentigie) e dall’altro hanno attribuito al Ministro
Fonte: REUTERS

della Giustizia il potere di richiedere l’adozione della misura cautelare del trasferimento”.

Si può constatare che “sin dalle sue prime applicazioni questo potere è suscettibile di determinare polemiche ed allarme nell’opinione pubblica”, osserva l’Anm. “I cittadini avvertono infatti tutto il
rilievo e la estrema gravità di procedure di trasferimento, promosse direttamente dal Ministro, che investono magistrati impegnati in delicati procedimenti”.
Per questo, la giunta dell’associazione auspica dunque “che siano modificate le norme che attribuiscono al Ministro il potere di richiesta del trasferimento di ufficio e che l’attenzione del Ministero per gli uffici giudiziari calabresi non si limiti ai casi individuali o alle emergenze ma si
concentri sui problemi organizzativi e funzionali della giurisdizione in Calabria”.
Il tentativo di restaurazione del (pre)potere da parte della casta, mascherato da recupero dell’autorità e tutela di alcune istituzioni (esempio: ministro della giustizia), ha aperto la strada ad un attacco diretto a qulle istituzioni di base, come i magistrati De magistris e Forleo, che non temono di indagare la casta stessa, al fine di assicurare la giustizia in questo paese.

Il pericolo è notevole, e se ne è accorto anche Mastella, il quale arriva ad inviare la propria solidarietà ai due giudici fatti oggetto di minacce.

Dimentica Mastella, che il fumo persecutorio nei confronti di questi due magistrati italiani, lo ha sollevato proprio lui, con l’avvio di ispezioni e l’adozione di provvedimenti limitativi della libertà e della autonomia della magistratura.

Il pericolo che minacce, pressioni e intimidazioni, a tutti i livelli e di tutti i tipi, freni questa nuova primavera delle libertà e dei diritti fortemente voluta e desiderata dai cittadini italiani, è un pericolo reale e serio.

A Foggia infatti, la stessa modalità repressiva, si replica in altro modo, con altri mezzi.

Piovono citazioni in tribunale per quei cittadini che si permettono di scrivere la verità sui poteri forti, sulle lobbies, e su quei poteri chiaro-scuri da sempre alimentati dalla casta della mala-politica, e fatti oggetto di aspre critiche per i metodi adottati, non sempre rispondenti a valori quali etica e morale, correttezza e lealtà .

Ma questa è un’altra storia, una storia che si scriverà col fuoco del risveglio della coscienza civile della comunità foggiana (e meridionale tutta) e della riproposizione di due questioni, antiche e vitali:
la questione morale;
la questione meridionale.
Alla prossima puntata.

Il Cittadino X
Gustavo Gesualdo
http://xcitizen.blog.kataweb.it

Source by Reuters


LSNN is an independent publisher that relies on reader support. We disclose the reality of the facts, after careful observations of the contents rigorously taken from direct sources. LSNN is the longest-lived portal in the world, thanks to the commitment we dedicate to the promotion of authors and the value given to important topics such as ideas, human rights, art, creativity, the environment, entertainment, Welfare, Minori, on the side of freedom of expression in the world «make us a team» and we want you to know that you are precious!

Dissemination* is the key to our success, and we've been doing it well since 1999. Transparent communication and targeted action have been the pillars of our success. Effective communication, action aimed at exclusive promotion, has made artists, ideas and important projects take off. Our commitment to maintain LSNN is enormous and your contribution is crucial, to continue growing together as a true team. Exclusive and valuable contents are our daily bread. Let us know you are with us! This is the wallet to contribute.

*Dissemination is the process of making scientific and technical information accessible to a non-specialist public. This can come through various forms, such as books, articles, lectures, television programs and science shows.


Similar Articles / Pression...midazioni
from: ladysilvia
by: Reuters