Prima medaglia d’oro per l’Italia ad Hyderabad (India) nella seconda giornatata di gara

Giovedì
16:54:02
Ottobre
18 2007

Prima medaglia d’oro per l’Italia ad Hyderabad (India) nella seconda giornatata di gara

View 136.4K

word 864 read time 4 minutes, 19 Seconds

DIFESA: Arriva dal nuoto il primo titolo mondiale con le stellette ed il primo oro per l’Italia ai 4' Giochi Mondiali Militari di Hyderabad. A laurearsi campionessa del mondo militare è stata la nuotatrice delle Fiamme Gialle Francesca Segat che ha vinto i 200 farfalla con il tempo di 2'18"22 .

l’atleta veneta ha battuto nell’ordine la tedesca Jaana Ehmke e la greca Vasiliki Angelopoulou che ha nuotato in 2'24"16.

Ancora un bronzo invece per Paolo Villa dopo quello di ieri nei 100 farfalla: il nuotatore del Centro Sportivo Esercito si è classificato al terzo posto nella doppia distanza con il tempo di 2'02"64. Oro al russo Nikolai Skvortsov con 1'57"43 e argento all’ucraino Serghey Advena, 2'00"62.
Al quinto posto, con il tempo di 2'04"14 si è classificato il Carabiniere Francesco Vespe.

Fuori dal podio di un soffio la staffetta 4x200 stile libero composta dai Carabinieri Pizzetti e Vespe, dal finanziere Busato e dal nuotatore dell’Esercito Turbini. Il quartetto azzurro si è dovuto accontentare del quarto posto nella gara vinta dalla Russia che ha battuto il record del mondo militare detenuto proprio dagli azzurri.

Niente medaglie anche per Samuel Pizzetti del Centro Sportivo Carabinieri e Andrea Busato delle Fiamme Gialle, che si sono classificati rispettivamente al 5° e 7° posto nei 400 m s.l. con 3'58"72 e 3'59"03, gara vinta dal russo Prilukov in 3'50"96.

Finale opaca anche per Laura Vetrari del Centro Sportivo Esercito che ha chiuso al 7 ° posto la finale dei 100 dorso con il tempo di 1'06"62.

Oro e argento rispettivamente alle cinesi Li Yang, 1'01"34 e Tianlongzi Xu staccata di due decimi; bronzo per completare il podio alla Russia con Anastasia Zueva, che ha coperto la distanza in 1'02"04.

Sempre in piscina si è svolta la gara di tuffi con il trampolino femminile da 3 metri: l’unica azzurra in gara, Maria Marconi delle Fiamme Gialle, non è andata oltre il quinto posto.

Anche il judo festeggia la sua prima medaglia grazie all’argento della squadra femminile: Flavia Paganessi,Francesca Congia del Centro Sportivo dell’Esercito; Erica Barbieri, Rosalba Forciniti,Gilda Rovere, tutte e tre del Centro Sportivo Carabinieri, insieme a Camilla Magnolfi e Michela Torrenti della Guardia di Finanza, dopo aver sconfitto l’Austria per 3 a 2 nei quarti e la Polonia in semifinale con lo stesso punteggio, hanno ceduto solo alla Cina nella finalissima per il titolo mondiale. Argento comunque importante che riscattare ampiamente il quinto posto di ieri della squadra maschile.

Medaglie anche dall’atletica leggera con l’ottimo secondo posto di Simone Collio nei 100 piani; per il velocista della Guardia di Finanza un crono da 10"29 dietro all’atleta del Qatar Samuel Francis che con 10"10 ha stabilito il nuovo primato dei Giochi. In gara anche il Carabiniere Rosario La Mastra, quinto classificato con 10"45.

Dal salto con l’asta invece arriva un bronzo grazie alla bella prestazione dell’aviere scelto Matteo Rubbiani: 5 metri per lui, una misura che vale il terzo posto dietro al tedesco Suerth, oro con 5,20 metri e allo statunitense Gensic fermo a quota 5,10 metri.

Ai piedi del podio purtroppo il Carabiniere Hannes Kirkler che ottiene tuttavia un eccellente quinto posto nel lancio del disco con la misura di 58.61 metri. La vittoria è andata al polacco Piotr Malachowski con 65.87 metri davanti all’ungherese Zoltan Kovago, 64.38 metri e all’atleta del Qatar Rashid Shafi Al-Dossari che ha lanciato a 60,03 metri.

Nel pomeriggio anche la finale degli 800 metri femminili con Sara Palmas del Centro Sportivo dell’Esercito, classificata al sesto posto con il tempo di 2'09"58.

Nella mattinata il programma di gara aveva aperto con il pentathlon militare: oggi all’Artillery Centre 2 le ragazze azzurre dopo le due, la prova di tiro, disputata ieri, affrontavano la corsa ad ostacoli nel campo militare: attualmente la classifica parziale vede al comando la finlandese Forssten con 2274,4 punti seguita dalla cinese Tian staccata di 42 punti pentathlon. Le pentatlete azzurre, tutte del Centro Sportivo dell’Esercito, sono così classificate nell’ordine: Dora Leone dodicesima con 2109,9, Daniela Zagarese, quindicesima con 2100,8, Eleonaora Tagliacozzo ventunesima con 2066,5 e Rossella Marcellino, quarantesima a quota 1896, 4 punti.

Mentre i pentatleti terminavano le loro fatiche, nella pallavolo le azzurre in gara all’ EME Centre di Hyderabad affrontavano la forte compagine cinese. Le asiatiche avevano la meglio battendo nettamente per 3 set a 0 con i seguenti parziali: 25-7, 25-12, 25-14.
La squadra italiana composta dalle giocatrici: Martinese, Fadda e Di Tolla, Esercito; Zonca, Corigliano e Zelletta, della Marina Militare; dalla Beccegato, Arma dei Carabinieri; e da Magistrali, Grassi, Monteleone e Tecchiato, dell’Aeronautica Militare; affronterà domani la Corea del Nord alle 12.30 (16.00 locali), mentre i due restanti match di giovedì 18 e venerdì 19 ottobre saranno disputati di fronte a Canada e Stati Uniti.

Prosegue il torneo di boxe al palazzotto del Gachibowli Sport Complex; oggi per l’Italia sul ring i tre rappresentanti in forza al Centro Sportivo Esercito Alex Ferramosca nella categoria 51 Kg, Alessio Di Savino nella 57 Kg e Walter Melis nella categoria 64 Kg.
Successo solo per Di Savino che avanza e approda ai quarti di finale battendo il tedesco Fuchs ai punti. Sconfitta per K.O. tecnico invece per Ferramosca che affrontava il cinese Liuzhi Gao e per Melis, eliminato ai punti da Ramashkevich.

Stato Maggiore della Difesa

Source by Difesa.it


LSNN is an independent editor which relies on reader support. We disclose the reality of the facts, after careful observations of the contents rigorously taken from direct sources, we work in the direction of freedom of expression and for human rights , in an oppressed society that struggles more and more in differentiating. Collecting contributions allows us to continue giving reliable information that takes many hours of work. LSNN is in continuous development and offers its own platform, to give space to authors, who fully exploit its potential. Your help is also needed now more than ever!

In a world, where disinformation is the main strategy, adopted to be able to act sometimes to the detriment of human rights by increasingly reducing freedom of expression , You can make a difference by helping us to keep disclosure alive. This project was born in June 1999 and has become a real mission, which we carry out with dedication and always independently "this is a fact: we have never made use of funds or contributions of any kind, we have always self-financed every single operation and dissemination project ". Give your hard-earned cash to sites or channels that change flags every time the wind blows , LSNN is proof that you don't change flags you were born for! We have seen the birth of realities that die after a few months at most after two years. Those who continue in the nurturing reality of which there is no history, in some way contribute in taking more and more freedom of expression from people who, like You , have decided and want to live in a more ethical world, in which existing is not a right to be conquered, L or it is because you already exist and were born with these rights! The ability to distinguish and decide intelligently is a fact, which allows us to continue . An important fact is the time that «LSNN takes» and it is remarkable! Countless hours in source research and control, development, security, public relations, is the foundation of our basic and day-to-day tasks. We do not schedule releases and publications, everything happens spontaneously and at all hours of the day or night, in the instant in which the single author or whoever writes or curates the contents makes them public. LSNN has made this popular project pure love, in the direction of the right of expression and always on the side of human rights. Thanks, contribute now click here this is the wallet to contribute


Similar Articles / Prima me...a di gara
from: ladysilvia
by: Greenpeace