Piano italiano di azione sulle droghe

Venerdì
22:04:11
Novembre
30 2007

Piano italiano di azione sulle droghe

Il Ministro della solidarietà sociale, Paolo Ferrero, ha illustrato al Consiglio dei Ministri del 29 novembre le linee portanti del Piano italiano di azione sulle droghe.

View 165.2K

word 544 read time 2 minutes, 43 Seconds

Il Ministro della solidarietà sociale, Paolo Ferrero, ha illustrato, il 29 novembre, al Consiglio dei Ministri le linee portanti del Piano italiano di azione sulle droghe.

Il Ministro della solidarietà sociale, considerando che fin dal 1998 l’Unione Europea ha adottato piani di azione sulle droghe e che tutti gli Stati membri hanno anch’essi piani di azione, o documenti analoghi, rinnovati alla loro scadenza, ha definito le seguenti opzioni prioritarie per la elaborazione del documento finale:
La durata del piano: la scelta si è orientata su un piano di durata annuale (2008), al fine di giungere al termine dell’anno e di riagganciare la cadenza quadriennale (2009 " 2012) del piano di azione dell’Unione Europea. Con questa scelta i piani di azione italiani si armonizzano con quelli europei; il processo di costruzione del piano annuale potrà servire di suggerimento per la successiva stesura del piano quadriennale; la conclusione del percorso e l’adozione del piano di azione, creerà un “precedente” dal quale non sarà più possibile prescindere.

Un Piano pragmatico, da elaborare e costruire in base a proposte programmatiche e di interventi, escludendo ogni opzione ideologica.

Un Piano definito e attualizzato: la scelta di adottare lo stesso schema utilizzato dal Piano europeo vincola alla esigenza di identificare azioni chiare, adottate con piena consapevolezza (per quanto riguarda la copertura finanziaria, la coerenza e la plausibilità con le altre politiche di settore).

Un Piano partecipato con la massima concertazione possibile in quanto solo una costruzione partecipata può dare al piano le maggiori chanches possibili di credibilità e fattibilità .

Un Piano valutabile, in quanto solo un approccio valutativo serio “ex ante”"“ex post” consente l’identificazione di eventuali modifiche da apportare ai successivi interventi.

Al fine di procedere all’elaborazione del piano, è stato composto un apposito Tavolo di lavoro al quale sono stati chiamati rappresentanti delle istituzioni impegnate nelle azioni; vale a dire:
- Ministero della Solidarietà sociale;
- Ministero della Salute;
- Ministero dell’Interno;
- Ministero della Pubblica istruzione;
- Ministero degli Affari esteri;
- Ministero della Giustizia;
- Dipartimento per le Politiche giovanili e le attività sportive;
- Dipartimento per le Politiche della famiglia;
- 3 rappresentanti regionali per l’area della salute (identificati dal coordinamento tematico delle Regioni)
- 3 rappresentanti regionali per l’area delle politiche sociali ANCI (Associazione Nazionale Comuni Italiani)
UPI (Unione delle Province d’Italia)

È stato inoltre chiesto il contributo di rappresentanti dell’ OEDT (Osservatorio europeo sulle droghe e le tossicodipendenze), EMCDDA (European Monitoring Centre for Drugs and Drug Addiction), per utilizzare l’esperienza accumulata nel processo di revisione dello stesso piano di azione europeo e del monitoraggio di diversi piani nazionali.

Il Tavolo di lavoro si è costituito il 17 aprile 2007; da allora si sono susseguiti incontri e riunioni per:
- incontri plenari;
- incontri di gruppo;
- incontri per sottogruppi;
- incontri su tematiche specifiche;
- incontri “bilaterali” tra istituzioni differenti.

Tale attività è stata accompagnata dalla produzione di documenti “in progress”, aperti al contributo di tutti.
La prima fase del lavoro è stata concentrata in soli tre mesi (17 aprile - 17 luglio) grazie alla collaborazione continua di tutti i componenti del Tavolo.

Fonte: Ministero della Solidarietà sociale

Source by Governo


LSNN is an independent publisher that relies on reader support. We disclose the reality of the facts, after careful observations of the contents rigorously taken from direct sources. LSNN is the longest-lived portal in the world, thanks to the commitment we dedicate to the promotion of authors and the value given to important topics such as ideas, human rights, art, creativity, the environment, entertainment, Welfare, Minori, on the side of freedom of expression in the world «make us a team» and we want you to know that you are precious!

Dissemination* is the key to our success, and we've been doing it well since 1999. Transparent communication and targeted action have been the pillars of our success. Effective communication, action aimed at exclusive promotion, has made artists, ideas and important projects take off. Our commitment to maintain LSNN is enormous and your contribution is crucial, to continue growing together as a true team. Exclusive and valuable contents are our daily bread. Let us know you are with us! This is the wallet to contribute.

*Dissemination is the process of making scientific and technical information accessible to a non-specialist public. This can come through various forms, such as books, articles, lectures, television programs and science shows.


Similar Articles / Piano it...le droghe