Prostituzione, la pineta di Ostia è un bordello a cielo aperto

Domenica
14:10:35
Luglio
20 2008

Prostituzione, la pineta di Ostia è un bordello a cielo aperto

Antonello De Pierro presenta i risultati sconcertanti di un’inchiesta dell’Italia dei Diritti

View 135.3K

word 524 read time 2 minutes, 37 Seconds

20/07/2008 - Roma - Appare lento ma inesorabile il declino della pineta di Ostia. La riserva naturale continua a far parlare di sè per il degrado e il decadimento in cui è caduta da anni, invasa com’è di prostitute e transessuali, sporcizia e rifiuti organici d’ogni genere. Per i residenti del XIII Municipio e per tutti i cittadini della capitale, proverbiali sono divenuti l’indifferenza e l’immobilismo delle amministrazioni che si sono succedute e che troppo poco hanno fatto fin’ora. A nulla è valsa la recente e propagandistica iniziativa del presidente del Municipio Giacomo Vizzani che, coadiuvato dalle forze dell’ordine, ha tentato tardivamente di reprimere il grave problema che purtroppo oggi, dopo anni di indifferenza delle istituzioni, è divenuto pura e semplice consuetudine.
Il Movimento dell’Italia dei Diritti sta da tempo denunciando uno scempio che è sotto gli occhi di tutti, residenti e visitatori: la pineta di Ostia è divenuta una vera e propria alcova all’aperto, una casa per appuntamenti alla luce del sole. Sulle strade, con cadenza regolare, si incontrano prostitute e trans di ogni età e nazione, mentre all’interno è possibile trovare profilattici e fazzoletti a iosa, siringhe usate, reti e materassi marcescenti, per non parlare dei rifiuti organici causati dalle assidue frequentazioni dell’area. C’è anche chi, tra gli ’operatori del sesso’ o gli avventori più assidui ed attenti, improvvisa rifugi accoglienti, con sedie e poltroncine ben tenute, pareti ricavate tra i rovi e pattumiere arrangiate. E non c’è pace neppure la domenica, giorno in cui l’area verde si trasforma in oasi per centinaia di famiglie romane, da sempre abituate alla passeggiata o al pic-nic tra i pini. I bambini sono costretti a giocare tra il sudiciume e il mercanteggiamento sessuale, che non si placa neppure nelle ore diurne.
Di controlli neanche a parlarne: per ore rappresentanti dell’Italia dei Diritti sono stati all’interno della pineta e sulle strade adiacenti senza imbattersi in alcun controllo o posto di blocco delle forze dell’ordine, che latitano in quest’area tanto quanto le istituzioni di ieri e di oggi.
Il paradosso è che il problema non riguarda una fetta irrilevante della cittadinanza romana: da un’indagine condotta dal Movimento, presieduto da Antonello De Pierro, a Roma il 50% dei cittadini possono considerarsi clienti abituali di transessuali e prostitute, e non mancano particolari raccapriccianti: “Il problema è grave e preoccupante " sostiene De Pierro " e coinvolge personalità insospettabili, anche coniugate, molto in vista nella capitale. Non bisogna sottovalutare la questione: questo stato di cose è causa di un’emergenza sanitaria oltre che di gravi problemi di sicurezza stradale per tutti i cittadini. Inoltre " continua il presidente del Movimento " spesso si tende a sottovalutare la questione, pensando che la cosa riguardi solo il marito della vicina, ma non è così. L’Italia dei Diritti non smetterà di lottare contro il degrado che continua nella pineta di Ostia e a breve, dato l’immobilismo delle istituzioni, aprirà un sito in cui verranno pubblicate targhe ed eventualmente le foto degli insospettabili frequentatori più in vista della città ”.


Source by italymedia.it


LSNN is an independent editor which relies on reader support. We disclose the reality of the facts, after careful observations of the contents rigorously taken from direct sources, we work in the direction of freedom of expression and for human rights , in an oppressed society that struggles more and more in differentiating. Collecting contributions allows us to continue giving reliable information that takes many hours of work. LSNN is in continuous development and offers its own platform, to give space to authors, who fully exploit its potential. Your help is also needed now more than ever!

In a world, where disinformation is the main strategy, adopted to be able to act sometimes to the detriment of human rights by increasingly reducing freedom of expression , You can make a difference by helping us to keep disclosure alive. This project was born in June 1999 and has become a real mission, which we carry out with dedication and always independently "this is a fact: we have never made use of funds or contributions of any kind, we have always self-financed every single operation and dissemination project ". Give your hard-earned cash to sites or channels that change flags every time the wind blows , LSNN is proof that you don't change flags you were born for! We have seen the birth of realities that die after a few months at most after two years. Those who continue in the nurturing reality of which there is no history, in some way contribute in taking more and more freedom of expression from people who, like You , have decided and want to live in a more ethical world, in which existing is not a right to be conquered, L or it is because you already exist and were born with these rights! The ability to distinguish and decide intelligently is a fact, which allows us to continue . An important fact is the time that «LSNN takes» and it is remarkable! Countless hours in source research and control, development, security, public relations, is the foundation of our basic and day-to-day tasks. We do not schedule releases and publications, everything happens spontaneously and at all hours of the day or night, in the instant in which the single author or whoever writes or curates the contents makes them public. LSNN has made this popular project pure love, in the direction of the right of expression and always on the side of human rights. Thanks, contribute now click here this is the wallet to contribute


Similar Articles / Prostitu...o aperto