PIU’ DI DUEMILA IN PIAZZA CONTRO LA MAFIA

Lunedì
09:44:09
Settembre
08 2008

PIU’ DI DUEMILA IN PIAZZA CONTRO LA MAFIA

UN SUCCESSO IL DANCE ATTACK DI CATANIA

View 135.1K

word 964 read time 4 minutes, 49 Seconds

Catania " Sono più di 2000 tra giovani ballerini e cittadini catanesi che stanno occupando pacificamente in queste ore piazza Palestro a Catania. Ha colpito nel segno l’appello antimafia di Antonio Fiumefreddo, Sovrintendente del Teatro Massimo Bellini, che aveva chiamato a raccolta centinaia di giovani catanesi, ballerini, artisti, ma anche tanta gente comune che si è data appuntamento in piazza alle 17.00, radunandosi in strada con un tam tam di sms, mail, contatti messenger, telefonate che da giorni si susseguivano dopo l’invito lanciato dal teatro “Bellini”.

Per più di tre ore piazza off limits, protagonista solo la danza e i giovani.
Per l’occasione, il “Bellini” lancia un marchio antimafia, “Arte Nostra”, ovvero arte, musica e spettacolo da contrapporre a Cosa Nostra, per favorire e alimentare la cultura della legalità . Il marchio “Arte Nostra” (ideato da Lorenzo Guarnera) sarà il filo conduttore di una serie di iniziative antimafia che l’importante teatro lirico catanese presenterà quest’inverno.
Madrina di questo primo appuntamento l’attrice Martina Colombari, che ha ballato in piazza con i ragazzi per più di tre ore.

“Quello della danza è un linguaggio universale ”€œha detto il sovrintendente del Bellini Antonio Fiumefreddo- Oggi, in questa piazza, è la dimostrazione di come l’arte possa essere anche un messaggio contro le mafie, contro tutte le mafie. Per tre ragioni: perché è un messaggio di liberazione laddove c’era occupazione, perché è un momento di festa in un luogo in cui si è pianto, perché c’è movimento dove c’era costrizione.
Grande è la mia sorpresa e enorme la mia soddisfazione per la straordinaria adesione a questa ’chiamatà del Teatro Bellini, perché è la dimostrazione che c’è una parte viva e vitale della città che è ancora maggioranza e che non si rassegna”.

Al progetto Dance Attack hanno aderito 24 scuole di danza e diverse associazioni di Catania e provincia: Arte balletto, Accademia di danza, Accademia del musical, Arte e movimento, Ballet studio, Caminito tango, Compagnia di Piero, Csd kladeios, Cus Catania, Danza amica, Danzamente, Dietro le quinte, Expression dance, Ilenia dance, La scuola dei giovani talenti, Nuova accademia arte danza, Primo atto, Prospettiva danza, Punto danza, Sport free style, Scuola di danza Tersicore, Teatroclub Nando Greco, Ten dance, Tropica style.
Le scuole sono state coordinate dalla danzatrice Giusi Vittorino.

Dopo la defezione degli allievi di una delle scuole di danza, molte le presenze istituzionali questo pomeriggio in piazza Palestro: il Questore Michele Capomacchia, il Presidente della Corte d’Appello Guido Marletta, Andrea Vecchio Presidente Associazione Nazionale Costruttori Edili e i rappresentati delle istituzioni locali. Alla manifestazione hanno aderito: l’Associazione Antiracket e Antiusura Etnea, l’Associazione Antiestorsione Catanese Libero Grassi, l’Associazione Siciliana Antiracket, Addio Pizzo, , Grazia e Giusi Lizzio, figlie di Giovanni Lizzio ispettore capo della questura di Catania, ucciso in un agguato di stampo mafioso.

L’invito al Dance Attack era stato lanciato dal Sovrintendente Fiumefreddo a chiusura della quinta edizione del Festival di danza contemporanea “Uva grapes”, realizzato dal Teatro Massimo Bellini di Catania, in collaborazione con Scenario Pubblico.
Tre settimane di spettacoli, dal 18 agosto al 7 settembre, 24 perfomances, 21 workshop e 10 cinedance, un lavoro messo su da 18 compagnie, 14 coreografi e 7 docenti. La danza ha occupato per giorni diversi spazi della città : la sala danza del Teatro Massimo Bellini, la sede di Scenario Pubblico, il Teatro Sangiorgi, il Cortile del Convitto Cutelli e piazza Vincenzo Bellini.
Il programma ha previsto un cartellone di livello eccezionale: prime assolute e prime italiane, coproduzioni di lavori coreografici come il “Don Giovanni” prodotto per la Biennale di Venezia (3 settembre, piazza Vincenzo Bellini) o “Spiegel” degli Ultima Vez di Wim Vandekeybus, collaborazioni con I Lautari, il BBT Balletto Teatro di Torino.

Da più di un anno, su iniziativa del sovrintendente Antonio Fiumefreddo, il Teatro Massimo “Vincenzo Bellini” di Catania ha programmato e realizzato una serie progetti che hanno aperto il teatro alla città , che si sono affiancati alle tradizionali attività , le stagioni d’opera e di concerti:

"Piccola Opera", l’opera lirica raccontata ai più piccoli. Il premio Nobel per la letteratura Dario Fo, il prete antipedofilia don Fortunato Di Noto, il regista Carlo Verdone hanno espresso, con un messaggio, la straordinarietà e il pregio di questa iniziativa, sottolineando che la musica è uno dei maggiori veicoli educativi.

“Libero Palco", per dare possibilità a tutti i giovani artisti che desiderano esibirsi ed esprimere il proprio talento nel teatro, nella musica o nella danza, e che possono usufruire liberamente e a titolo gratuito di palcoscenico e platea del Teatro Sangiorgi.

"Teatro delle Diversità ", una rassegna teatrale realizzata da attori disabili e down per sottolineare l’importanza e il messaggio culturale di un linguaggio diverso, mettendo al centro della scena l’infanzia, l’adolescenza e l’handicap. Alcuni personaggi dello spettacolo, Renzo Arbore, Fioretta Mari, Leo Gullotta, che in passato sono stati testimonial di queste delicate tematiche, hanno inviato messaggi di adesione al progetto.

"Il Teatro del disagio", con otto concerti sinfonici dedicati ai luoghi del lavoro e della sofferenza, per portare la musica in quei gruppi sociali che per motivi diversi non riescono ad accedervi: negli ospedali, nel carcere di piazza Lanza, nella case di accoglienza, al palazzo di Giustizia.

“Teatro della memoria” un ciclo di spettacoli di “teatro civile”, realizzati in collaborazione con l’associazione Libera, dedicati al ricordo delle vittime di mafia, andati in scena in tre date-simbolo della storia recente della Sicilia e dell’Italia: il 23 maggio, giorno in cui nel 1992 Cosa Nostra uccise il giudice Giovanni Falcone, la moglie e gli agenti della scorta; il 19 luglio, data in cui si ricorda la strage di via D’Amelio nella quale il giudice Paolo Borsellino fu ucciso assieme alla sua scorta, in quello stesso anno; e, infine, il 28 luglio, giorno in cui si ricorda l’uccisione del commissario della polizia Beppe Montana, avvenuta nel 1985.

Source by TEATRO_MASSIMO_BELLINI


LSNN is an independent editor which relies on reader support. We disclose the reality of the facts, after careful observations of the contents rigorously taken from direct sources, we work in the direction of freedom of expression and for human rights , in an oppressed society that struggles more and more in differentiating. Collecting contributions allows us to continue giving reliable information that takes many hours of work. LSNN is in continuous development and offers its own platform, to give space to authors, who fully exploit its potential. Your help is also needed now more than ever!

In a world, where disinformation is the main strategy, adopted to be able to act sometimes to the detriment of human rights by increasingly reducing freedom of expression , You can make a difference by helping us to keep disclosure alive. This project was born in June 1999 and has become a real mission, which we carry out with dedication and always independently "this is a fact: we have never made use of funds or contributions of any kind, we have always self-financed every single operation and dissemination project ". Give your hard-earned cash to sites or channels that change flags every time the wind blows , LSNN is proof that you don't change flags you were born for! We have seen the birth of realities that die after a few months at most after two years. Those who continue in the nurturing reality of which there is no history, in some way contribute in taking more and more freedom of expression from people who, like You , have decided and want to live in a more ethical world, in which existing is not a right to be conquered, L or it is because you already exist and were born with these rights! The ability to distinguish and decide intelligently is a fact, which allows us to continue . An important fact is the time that «LSNN takes» and it is remarkable! Countless hours in source research and control, development, security, public relations, is the foundation of our basic and day-to-day tasks. We do not schedule releases and publications, everything happens spontaneously and at all hours of the day or night, in the instant in which the single author or whoever writes or curates the contents makes them public. LSNN has made this popular project pure love, in the direction of the right of expression and always on the side of human rights. Thanks, contribute now click here this is the wallet to contribute


Similar Articles / PIU’ D... LA MAFIA