Violenza alle donne. Dal Comune un finanziamento per formare chi può aiutare le vittime

Domenica
01:33:29
Ottobre
26 2008

Violenza alle donne. Dal Comune un finanziamento per formare chi può aiutare le vittime

View 171.9K

word 910 read time 4 minutes, 33 Seconds

Milano: Un contributo di 150.000 euro per potenziare la rete di enti che opera sul territorio cittadino, finanziata e coordinata dallAmministrazione comunale, per prevenire e contrastare la violenza contro le donne. Lobiettivo è formare 50 ufficiali dellArma dei Carabinieri e Polizia di Stato e 222 ufficiali, tra commissari capi e commissari aggiunti della Polizia Locale, per rafforzare la loro sensibilità verso casi di violenza nei confronti di donne e minori. è quanto ha deliberato oggi la Giunta di Palazzo Marino, su proposta dell assessore alla Famiglia, Scuola e Politiche sociali Mariolina Moioli. "Da un anno il Comune di Milano ha costituito e coordina la rete di associazioni che si prendono cura delle donne che hanno subito violenza, cercando di prevenire il verificarsi di altri episodi – ha spiegato lassessore Moioli –. Con il progetto approvato oggi in Giunta vogliamo offrire uno strumento in più a coloro che, come le Forze dellordine, si trovano spesso a contatto con storie di sofferenza che bisogna saper interpretare”. Tra gli obiettivi, anche quello di far cambiare, nella vittima e nelloperatore di polizia, la percezione del reato di violenza cosiddetta intrafamiliare: non più un fatto privato, ma un grave reato contro la persona. "I corsi di formazione agli ufficiali dellArma dei Carabinieri, Polizia di Stato e Polizia Locale, che a loro volta saranno chiamati a formare altri 500 operatori della ‘polizia di prossimità - ha aggiunto lassessore –, rientrano tra le azioni di sostegno sociale e recupero contenute nelle ordinanze comunali di prossima emanazione. Abbiamo infatti predisposto una serie di interventi che da un lato individuano i bisogni e dallaltro sostengono le persone in condizione di disagio, tramite percorsi di reinserimento sociale e lavorativo”. Il progetto approvato dalla Giunta comunale prevede anche la costituzione di un coordinamento che effettuerà verifiche sullefficacia dellattività di formazione alla fine di ogni corso, con relazioni e questionari compilati dai partecipanti.

La rete delle associazioni contro la violenza alle donne
A Milano, dall’ottobre 2007 è operativo il progetto messo a punto per prevenire e contrastare la violenza e il maltrattamento delle donne.

Tramite un investimento di 450.000 euro da parte del Comune di Milano, sono stati potenziati e messi in rete una serie di servizi coordinati dall’Ufficio Vittime della Violenza, che collabora assieme alla Casa di accoglienza donne maltrattate, la Caritas Ambrosiana, la Cooperativa sociale "Cerchi d'acqua", il Soccorso Violenza Sessuale della Clinica Mangiagalli e "Telefono Donna" Onlus.

Presso il Pronto Soccorso della Clinica Mangiagalli, è stato inaugurato il primo sportello telefonico e postazione di accoglienza.

Lo sportello è un servizio di ascolto telefonico, anche notturno e festivo, che offre alle donne indicazioni sui servizi disponibili per le coloro che hanno subito maltrattamenti; la postazione di accoglienza fornisce consulenza diretta sia alle donne vittime di abusi, sia agli operatori sanitari del policlinico, formati per riconoscere casi di maltrattamenti anche quando non sono le donne a denunciarli.

Altra attività previste dal progetto sono: la consulenza, l’accompagnamento sociale, i percorsi psicologici di elaborazione del trauma, il sostegno delle iniziative di accoglienza in strutture protette per un tempo minimo che va da sei a dodici mesi. è inoltre prevista la consulenza e l’assistenza legale gratuita per le vittime di violenza sessuale e il potenziamento degli Sportelli Rosa, che operano prevalentemente su percorsi di formazione professionale e di sostegno all’occupazione femminile.

Violenza alle donne, un progetto finanziato dal Comune

Moioli: "Centocinquantamila euro per formare ufficiali dei Carabinieri, Polizia di Stato e Polizia Locale per fornire loro uno strumento in più interpretare e rafforzare la loro sensibilità e prevenire i casi"
Milano, 23 ottobre 2008 - Un contributo di 150mila euro per potenziare la rete di enti che opera sul territorio cittadino, finanziata e coordinata dall’Amministrazione comunale, per prevenire e contrastare la violenza contro le donne. Tra gli obiettivi, anche quello di far cambiare, nella vittima e nell’operatore di polizia, la percezione del reato di violenza cosiddetta intrafamiliare: non più un fatto privato, ma un grave reato contro la persona.
è quanto ha deliberato la Giunta di Palazzo Marino, su proposta dell’assessore alla Famiglia, Scuola e Politiche sociali Mariolina Moioli.
l’obiettivo è formare 50 ufficiali dell’Arma dei Carabinieri e Polizia di Stato e 222 ufficiali, tra commissari capi e commissari aggiunti della Polizia Locale, per rafforzare la loro sensibilità verso casi di violenza nei confronti di donne e minori.

"Da un anno il Comune di Milano ha costituito e coordina la rete di associazioni che si prendono cura delle donne che hanno subito violenza, cercando di prevenire il verificarsi di altri episodi - ha spiegato l’assessore Moioli -. Con il progetto approvato oggi in Giunta vogliamo offrire uno strumento in più a coloro che, come le Forze dell’ordine, si trovano spesso a contatto con storie di sofferenza che bisogna saper interpretare".

"I corsi di formazione agli ufficiali dell’Arma dei Carabinieri, Polizia di Stato e Polizia Locale, che a loro volta saranno chiamati a formare altri 500 operatori della ‘polizia di prossimità - ha aggiunto l’assessore -, rientrano tra le azioni di sostegno sociale e recupero contenute nelle ordinanze comunali di prossima emanazione. Abbiamo infatti predisposto una serie di interventi che da un lato individuano i bisogni e dall’altro sostengono le persone in condizione di disagio, tramite percorsi di reinserimento sociale e lavorativo".

Il progetto approvato dalla Giunta comunale prevede anche la costituzione di un coordinamento che effettuerà verifiche sull’efficacia dell’attività di formazione alla fine di ogni corso, con relazioni e questionari compilati dai partecipanti.

Source by Comune_di_Milano


LSNN is an independent publisher that relies on reader support. We disclose the reality of the facts, after careful observations of the contents rigorously taken from direct sources. LSNN is the longest-lived portal in the world, thanks to the commitment we dedicate to the promotion of authors and the value given to important topics such as ideas, human rights, art, creativity, the environment, entertainment, Welfare, Minori, on the side of freedom of expression in the world «make us a team» and we want you to know that you are precious!

Dissemination* is the key to our success, and we've been doing it well since 1999. Transparent communication and targeted action have been the pillars of our success. Effective communication, action aimed at exclusive promotion, has made artists, ideas and important projects take off. Our commitment to maintain LSNN is enormous and your contribution is crucial, to continue growing together as a true team. Exclusive and valuable contents are our daily bread. Let us know you are with us! This is the wallet to contribute.

*Dissemination is the process of making scientific and technical information accessible to a non-specialist public. This can come through various forms, such as books, articles, lectures, television programs and science shows.


Similar Articles / Violenza...e vittime
from: ladysilvia
by: Bocconi