“Porta a porta” su terremoto Abruzzo, De Pierro attacca Vespa

Venerdì
11:32:34
Aprile
10 2009

“Porta a porta” su terremoto Abruzzo, De Pierro attacca Vespa

Il presidente dell’Italia dei Diritti: “Dopo l’ultima puntata della trasmissione abbiamo raggiunto il limite. Sarebbe il caso che Vespa si dimettesse”

View 135.8K

word 641 read time 3 minutes, 12 Seconds

Roma - "Lincapacità con la quale è stata condotta la trasmissione laltra sera è incredibile. Chiedere a un padre, che ha appena perso sua figlia, di dare una parola di speranza ai telespettatori è un fatto che rasenta lassurdità”.


Questa la dura reazione di Antonello De Pierro, presidente del movimento Italia dei Diritti, in seguito alla messa in onda dello speciale "Porta a porta” sul terremoto che, nella notte tra domenica e lunedì, ha sconvolto letteralmente gli abitanti dellAquila e provincia. 260 le vittime, circa 70mila sfollati e ancora molti dispersi tra le macerie di una cittadina che non esiste più. "Dopo tanti anni in cui ci siamo abituati ad avere lonnipresenza di Vespa in tv, ora siamo giunti al culmine dellantitesi del giornalismo – dice De Pierro – il giornalismo è informazione vera, racconto della verità storica e non di certo mistificazione della realtà. Sono quasi imbarazzato a dover muovere critiche a un giornalista professionista che sulla carta fa questo mestiere da decenni, ma dopo latteggiamento tenuto lunedì sera farebbe bene, a questo punto, a dimettersi. La spettacolarizzazione di una tragedia, come quella accaduta nellaquilano, è qualcosa di inaccettabile e che poco si sposa con la deontologia professionale del giornalista”.


Tra i punti caldi del dissenso del presidente dellItalia dei Diritti, lomissione delle vittime lucane del terremoto del 1980. "Vorrei far notare al signor Vespa, il quale nella sua storia professionale è stato sempre prodigo di riferimento dei potenti di turno fino a dichiarare, in una occasione, che il suo editore di fiducia era la Democrazia Cristiana, mentre, contrariamente a quanto pensasse, era pagato, così come adesso, dai cittadini attraverso il canone RAI – afferma De Pierro - che il terremoto del 23 novembre del 1980, che tra laltro ho vissuto personalmente data lorigine lucana dei miei genitori, ha colpito lIrpinia come giustamente è stato ricordato dal servizio televisivo, ma anche una regione di nome Basilicata che forse è stata cancellata dalla mappa geografica di "Porta a porta”. "Tuttavia – aggiunge – non è la prima volta che nel percorso lavorativo del giornalista aquilano si assiste a omissioni clamorose. Nelle magnificazioni avvenute in tutte le salse del suo primo direttore di giornale, un certo Gianni Letta, non si è mai accennato minimamente ai fondi neri dellIri che sembra siano finiti nelle tasche del quotidiano "Il Tempo”, proprio di Gianni Letta.


E questo scandalo per Vespa è come se non fosse mai esistito.


Unaltra omissione clamorosa cè stata dopo la strage nel 1968 alla Banca Nazionale dellAgricoltura a Milano, quando fu arrestato Pietro Valpreda che, come pochi sanno, era un ballerino che aveva lavorato in RAI negli anni in cui Bruno Vespa svolgeva la professione di inviato. E in virtù della sua investitura professionale, puntò sul fatto che Valpreda fosse un anarchico e quindi vero colpevole dellattentato di piazza Fontana. Una cosa un po insolita per una persona come Vespa che, dal 1994 in poi, dopo la guerra dichiarata da Silvio Berlusconi ai magistrati di Milano, è stato uno strenuo sostenitore dellinnocenza fino allultimo grado di giudizio e fiero oppositore dei provvedimenti di custodia cautelare. Peccato che questa sua convinzione, nel caso del povero Valpreda, non abbia fatto parte della sua logica professionale, condannandolo davanti a tutti gli italiani salvo poi risultare completamente estraneo ai fatti”.


Poi, riferendosi di nuovo alla strumentalizzazione del dramma abruzzese operata dai media, conclude: "Altro aspetto sconvolgente dellinformazione RAI di questi giorni è stata la lunga esposizione snocciolata da una giornalista del palinsesto di tutte le edizioni del TG1 che si erano occupate del terremoto con relativi dati di ascolto e di share. Una cosa stomachevole a fronte delle vere cifre tragiche che sicuramente facevano parte di una giusta informazione, ovvero dei numeri esorbitanti di vittime, feriti e sfollati”.

Source by italymedia.it


LSNN is an independent editor which relies on reader support. We disclose the reality of the facts, after careful observations of the contents rigorously taken from direct sources, we work in the direction of freedom of expression and for human rights , in an oppressed society that struggles more and more in differentiating. Collecting contributions allows us to continue giving reliable information that takes many hours of work. LSNN is in continuous development and offers its own platform, to give space to authors, who fully exploit its potential. Your help is also needed now more than ever!

In a world, where disinformation is the main strategy, adopted to be able to act sometimes to the detriment of human rights by increasingly reducing freedom of expression , You can make a difference by helping us to keep disclosure alive. This project was born in June 1999 and has become a real mission, which we carry out with dedication and always independently "this is a fact: we have never made use of funds or contributions of any kind, we have always self-financed every single operation and dissemination project ". Give your hard-earned cash to sites or channels that change flags every time the wind blows , LSNN is proof that you don't change flags you were born for! We have seen the birth of realities that die after a few months at most after two years. Those who continue in the nurturing reality of which there is no history, in some way contribute in taking more and more freedom of expression from people who, like You , have decided and want to live in a more ethical world, in which existing is not a right to be conquered, L or it is because you already exist and were born with these rights! The ability to distinguish and decide intelligently is a fact, which allows us to continue . An important fact is the time that «LSNN takes» and it is remarkable! Countless hours in source research and control, development, security, public relations, is the foundation of our basic and day-to-day tasks. We do not schedule releases and publications, everything happens spontaneously and at all hours of the day or night, in the instant in which the single author or whoever writes or curates the contents makes them public. LSNN has made this popular project pure love, in the direction of the right of expression and always on the side of human rights. Thanks, contribute now click here this is the wallet to contribute


Similar Articles / “Porta...ca Vespa