Violenza alle donne. Da Milano un nuovo approccio per affrontare il problema

Giovedì
13:00:26
Maggio
07 2009

Violenza alle donne. Da Milano un nuovo approccio per affrontare il problema

Da Milano un nuovo approccio per affrontare il problema. l’assessore Moioli: "Abbiamo creato una rete di sostegno per le vittime e le famiglie". Dopo gli ufficiali, la formazione coinvolgerà anche 500 operatori della "polizia di prossimità "

View 134.5K

word 609 read time 3 minutes, 2 Seconds

Milano: Sono più di 300 gli uomini e le donne appartenenti alle Forze dell’Ordine che, a partire da oggi, parteciperanno al corso organizzato dal Comune di Milano, per ampliare le conoscenze e approfondire le tecniche per la gestione dei casi di violenza contro le donne e i minori.

“Un progetto innovativo, primo in Italia " ha spiegato l’assessore alla Famiglia, Scuola e Politiche sociali Mariolina Moioli " che vede le Forze dell’Ordine lavorare al fianco degli operatori sociali. Da oltre un anno e mezzo, il Comune ha costituito e coordina la rete di associazioni che si prendono cura delle donne che hanno subito violenza. Con il percorso che prende il via oggi vogliamo offrire uno strumento in più a coloro che, come le Forze dell’ordine, si trovano spesso a contatto con storie di sofferenza che bisogna saper interpretare”.

Tra gli obiettivi del corso vi è anche quello di far cambiare, nella vittima e nell’operatore di polizia, l’idea che il reato di violenza cosiddetta intrafamiliare non è un fatto privato, ma un grave reato contro la persona.

“I corsi di formazione agli ufficiali dell’Arma dei Carabinieri, Polizia di Stato Guardia di Finanza e Polizia Locale, che a loro volta saranno chiamati a formare altri 500 operatori della ’polizia di prossimità ’ - ha aggiunto l’assessore ", rientrano tra le azioni di sostegno sociale e recupero contenute nelle ordinanze comunali emanate dal Sindaco Moratti. Abbiamo infatti predisposto una serie di interventi che da un lato individuano i bisogni e dall’altro sostengono le persone in condizione di disagio, tramite percorsi di reinserimento sociale e lavorativo”.

“Quello che avviamo oggi è un importante percorso formativo " ha dichiarato don Virginio Colmegna, coordinatore dei corsi " che vede confrontarsi professionalità diverse su un tema particolarmente delicato quale quello della violenza sulle donne e sui bambini che vi assistono. Forze dell’Ordine e operatori sociali si confrontano " ha concluso don Colmegna - e mettono a disposizione della città un’esperienza che contribuirà a rendere la nostra città sempre più accogliente e sicura”.

“Per contrastare la violenza è estremamente importante un cambiamento culturale e sociale che preveda sensibilizzazione e informazione, attività di educazione di prevenzione e di cura, e un potenziamento della collaborazione tra strutture territoriali, associazioni, Forze dell’Ordine e magistratura " ha detto Alessandra Kustermann, responsabile del Soccorso Violenza Sessuale e Domestica del Policlinico, Mangiagalli -. Il corso che inizia oggi, si propone di offrire strumenti che consentano di aiutare le persone vittime di violenza sin dal primo contatto con le FFO e la Polizia locale. Il Comune di Milano, nel dicembre 1987, ha aperto uno sportello contro la violenza domestica all’interno del Pronto soccorso della Fondazione IRCCS Ospedale Maggiore Policlinico, Mangiagalli e Regina Elena, che ancora oggi aiuta ad ascoltare, fin dai primi momenti, i problemi delle persone che hanno subito violenza sessuale e maltrattamenti da parte di operatori psicosociali e sanitari esperti. La rete che il Comune di Milano coordina " ha concluso - e che comprende l’Associazione ’Casa delle Donne maltrattate di Milano’, la fondazione Caritas Ambrosiana, l’associazione ’Telefono Donna’, la Cooperativa ’Cerchi d’acqua’, l’associazione SVS DonnAiutaDonna’, il Ce.A.S Centro Ambrosiano di Solidarietà , ha dimostrato negli anni di essere un punto di forza della città nella prevenzione e nel contrasto alla violenza e al maltrattamento contro le donne. Basti pensare che lo scorso anno gli operatori sono entrati in contatto con 762 donne”.

Source by Redazione


LSNN is an independent editor which relies on reader support. We disclose the reality of the facts, after careful observations of the contents rigorously taken from direct sources, we work in the direction of freedom of expression and for human rights , in an oppressed society that struggles more and more in differentiating. Collecting contributions allows us to continue giving reliable information that takes many hours of work. LSNN is in continuous development and offers its own platform, to give space to authors, who fully exploit its potential. Your help is also needed now more than ever!

In a world, where disinformation is the main strategy, adopted to be able to act sometimes to the detriment of human rights by increasingly reducing freedom of expression , You can make a difference by helping us to keep disclosure alive. This project was born in June 1999 and has become a real mission, which we carry out with dedication and always independently "this is a fact: we have never made use of funds or contributions of any kind, we have always self-financed every single operation and dissemination project ". Give your hard-earned cash to sites or channels that change flags every time the wind blows , LSNN is proof that you don't change flags you were born for! We have seen the birth of realities that die after a few months at most after two years. Those who continue in the nurturing reality of which there is no history, in some way contribute in taking more and more freedom of expression from people who, like You , have decided and want to live in a more ethical world, in which existing is not a right to be conquered, L or it is because you already exist and were born with these rights! The ability to distinguish and decide intelligently is a fact, which allows us to continue . An important fact is the time that «LSNN takes» and it is remarkable! Countless hours in source research and control, development, security, public relations, is the foundation of our basic and day-to-day tasks. We do not schedule releases and publications, everything happens spontaneously and at all hours of the day or night, in the instant in which the single author or whoever writes or curates the contents makes them public. LSNN has made this popular project pure love, in the direction of the right of expression and always on the side of human rights. Thanks, contribute now click here this is the wallet to contribute


Similar Articles / Violenza... problema
from: ladysilvia
by: MilanoFoodLab