l’orso, l’aquila e l’animale Europa

Venerdì
04:40:05
Settembre
18 2009

l’orso, l’aquila e l’animale Europa

La Russia cresce grazie a gas e petrolio e rivendica il proprio ruolo nello scacchiere, allarmando Usa ed Europa. Le quali ragionano però secondo vecchi schemi, spiega Sandro Sideri ne ''La Russia e gli altri'

View 131.2K

word 806 read time 4 minutes, 1 Seconds

Milano: Lorso-Russia si è svegliato dal letargo, è attivo e cresce in fretta, ma è incerto su quale possa essere il suo spazio nellhabitat della nuova geopolitica, stretto comè tra gli artigli dellaquila americana e i tentacoli di quellanimale ancora sconosciuto che è lUnione europea. Un orso dallorgoglio ferito, a volte aggressivo con i suoi ex cuccioli ormai indipendenti (vedi la Georgia), ma che allo stesso tempo ha cambiato pelliccia rispetto al passato e col quale Usa e Europa devono imparare a convivere abbandonando gli schemi vetusti della guerra fredda. Ne ha bisogno la Russia in primis, ma ne hanno bisogno tanto gli Stati Uniti che lUnione europea, come spiega con dovizia di particolari Sandro Sideri ne La Russia e gli altri. Nuovi equilibri della geopolitica (Università Bocconi editore, 2009, 262 pagine, 16 euro, con prefazione di Boris Biancheri! ).

"Dal 2000 in avanti, se si esclude larrivo della crisi economica globale”, scrive Sideri, "il tasso di crescita russo è stato superiore al 6% rispetto al 2% del G7”. Il pil è sestuplicato, il debito pubblico è rimborsato e nel 2007 rappresentava solo l8% del pil, mentre il debito estero rispetto al pil si è ridotto dal 50% al 30%. Le riserve, grazie allenorme dotazione di gas e petrolio (il prezzo del quale tra il 98 e il 2008 è decuplicato), aumentano e sono in parte utilizzate per un fondo di accantonamento. Tra il 2000 e il 2007, inoltre, la povertà si è dimezzata nel paese, passando dal 29% al 13,4%.

Allo stesso tempo, però, "la Russia corre il serio rischio di diventare un paese eccessivamente dipendente dalle proprie risorse naturali, che è il tipo di economia compatibile con lautoritarismo politico”, spiega Sideri. La forte crescita economica degli ultimi anni ha fatto dunque della Russia uneconomia emergente, mentre la dipendenza da tali risorse, la burocratizzazione, il sistema politico e le carenze democratiche la relegano essenzialmente tra i paesi in via di sviluppo. "La continuità della crescita ha bisogno di riforme strutturali, praticamente ferme agli ultimi anni della presidenza Putin, e di diversificazione, che a sua volta richiede tecnologia e importazione di capitali”.

Nel suo pamphlet, Sideri descrive a tutto tondo la geopolitica Russia del nuovo millennio: dal rapporto ambiguo e difficile con gli Stati Uniti e con la Nato, a quelli con la Cina, lAfrica e il Sudamerica, ai rapporti, anchessi ambivalenti, con lEuropa, che dipende da Mosca per i propri approvvigionamenti energetici, ma il cui allargamento e la politica di vicinato (Pev) con le ex repubbliche sovietiche disturba il Cremlino. "Le relazioni russe con lUe e gli Usa non possono migliorare se non vengono affrontati tre problemi: la crescente disparità tra le rispettive percezioni della sicurezza in Russia e nellOccidente, in particolare rispetto allallargamento della Nato; le sfide economiche, cioè la complessa interazione tra le tendenze che emergono nellevoluzione interna russa e quelle che prevalgono nellordine economico internazionale; la crescente rivalità tra gli interessi russi e occide! ntali nello spazio dellex Unione Sovietica”.

Se da un lato cè una Russia che sogna ancora i fasti della propria potenza passata, dallaltro cè un Occidente che ha continuato a sottovalutare politicamente un paese che nel 2007 è diventato il primo produttore di greggio (12% della produzione mondiale), e che è il primo produttore di gas (22% della produzione totale). Ciò ha portato a partenariati tra Russia e Occidente "non ben definiti e sub-ottimali, che non ancorano la Russia e regole democratiche ma nemmeno la escludono dalle istituzioni occidentali, in cui però le è permesso di partecipare solo come membro subordinato”. Il risultato di questa ‘integrazione parziale sono state relazioni turbolente nelle quali le tensioni si moltiplicano al rafforzarsi della posizione geopolitica russa.

Per ridefinire lordine mondiale nella direzione della sicurezza e della stabilità, avverte allora Sideri, bisogna ridefinire il ruolo della Nato, trasformandola in unorganizzazione per la sicurezza collettiva dellintero continente. Ma vanno ripensati anche i ruoli dei tre attori primari: "Mosca non ha, almeno per ora, nessuna motivazione ideologica a rimodellare il mondo; è solo un autocrate nazionalista allantica la cui aspirazione è di riacquistare il prestigio di una grande potenza. Sta allUe convincerla che cooperazione e integrazione internazionale offrono maggiori vantaggi della politica di potenza, e contemporaneamente convincere gli Usa a mettere da parte la logica della guerra fredda”.

La Russia va dunque sostenuta e incoraggiata a trovare autonomamente una sua modernità, "anche se questo significa accettarne lalterità rispetto allOccidente, a condizione che non diventi alternatività, evitando quindi di giudicarla con criteri esclusivamente occidentali e di farla sentire sotto assedio”.

Sandro Sideri, già ordinario di economia internazionale allInstitute of social studies dellAja, è stato staff guest al Mit, visiting professor allUniversità Bocconi, alla Luiss e allOrientale di Napoli, e docente allIce e allIspi.

Sandro Sideri
La Russia e gli altri. Nuovi equilibri della geopolitica
Università Bocconi editore, 2009
262 pagine, 16 euro

Source by Bocconi


LSNN is an independent editor which relies on reader support. We disclose the reality of the facts, after careful observations of the contents rigorously taken from direct sources, we work in the direction of freedom of expression and for human rights , in an oppressed society that struggles more and more in differentiating. Collecting contributions allows us to continue giving reliable information that takes many hours of work. LSNN is in continuous development and offers its own platform, to give space to authors, who fully exploit its potential. Your help is also needed now more than ever!

In a world, where disinformation is the main strategy, adopted to be able to act sometimes to the detriment of human rights by increasingly reducing freedom of expression , You can make a difference by helping us to keep disclosure alive. This project was born in June 1999 and has become a real mission, which we carry out with dedication and always independently "this is a fact: we have never made use of funds or contributions of any kind, we have always self-financed every single operation and dissemination project ". Give your hard-earned cash to sites or channels that change flags every time the wind blows , LSNN is proof that you don't change flags you were born for! We have seen the birth of realities that die after a few months at most after two years. Those who continue in the nurturing reality of which there is no history, in some way contribute in taking more and more freedom of expression from people who, like You , have decided and want to live in a more ethical world, in which existing is not a right to be conquered, L or it is because you already exist and were born with these rights! The ability to distinguish and decide intelligently is a fact, which allows us to continue . An important fact is the time that «LSNN takes» and it is remarkable! Countless hours in source research and control, development, security, public relations, is the foundation of our basic and day-to-day tasks. We do not schedule releases and publications, everything happens spontaneously and at all hours of the day or night, in the instant in which the single author or whoever writes or curates the contents makes them public. LSNN has made this popular project pure love, in the direction of the right of expression and always on the side of human rights. Thanks, contribute now click here this is the wallet to contribute


Similar Articles / l’orso...le Europa
from: ladysilvia
by: Redazione
from: ladysilvia
by: Sems
from: rockitalia
by: Rockitalia