Influenza A/H1N1: Il punto della situazione

Mercoledì
05:49:58
Novembre
25 2009

Influenza A/H1N1: Il punto della situazione

Aggiornamento 24 novembre 2009, ore 17.00

View 168.5K

word 374 read time 1 minute, 52 Seconds

Roma: Aggiornamenti: Sono state vaccinate al 20 novembre circa 333.366 persone
Consegnate circa 750.000 dosi di vaccino nellultima settimana. In totale quasi 4 milioni le dosi di vaccino consegnate.
Percentuale di vittime in rapporto al totale dei malati di nuova influenza A: 0,0034 per cento
Totale vittime correlate alla nuova influenza A: 82
Casi che necessitano di assistenza respiratoria: 269
Percentuale dei casi che necessitano di assistenza respiratoria in rapporto al totale dei malati: 0,011
Sorveglianza dellepidemia
Casi e incidenza
In base ai dati Influnet della 46° settimana (9-15 novembre) i casi di influenza settimanali stimati sono circa 752mila, che sommati ai casi registrati settimanalmente dallinizio della sorveglianza (19 ottobre) danno un totale di 2.306.000 casi.
Le Regioni dove si registra la più ampia diffusione del virus sono le Marche con un incidenza del 2,9 per cento seguite da Emilia Romagna (1,8), Lazio (1,7), Abruzzo (1,6) e Campania (1,6).
I più colpiti sono bambini e adolescenti, da zero a 14 anni, con unincidenza pari al 3,6 per cento (2,6 nei più piccoli da zero a 4 anni e 4,2 per cento dai 5 ai 14). Tra i giovani e gli adulti dai 15 ai 64 anni lincidenza dellinfluenza è dello 0,7 per cento mentre tra persone dai 65 anni in su è lo 0,1 per cento.

Casi che necessitano di assistenza respiratoria
Le Regioni hanno segnalato fino ad oggi al Ministero 519 ricoveri in ospedale per complicanze, di cui 269 che richiedono cure di alta specializzazione e assistenza respiratoria: una quota pari allo 0,011 per cento del totale stimato delle persone che hanno contratto la nuova influenza A.

Vittime correlate allinfluenza A
La percentuale delle vittime correlate allinfluenza A è lo 0,0034 per cento dei malati, contro lo 0,2 per cento delle vittime correlate alla normale influenza. Va considerato che essendo la percentuale delle vittime calcolata considerando i casi clinici segnalati al sistema di sorveglianza, poiché questi sono molto probabilmente sottostimati, il valore potrebbe essere addirittura inferiore alla stima sopra riportata.
Alle ore 17,00 del 24 novembre le vittime correlate alla nuova influenza A sono 82. Tale numero comprende i casi per i quali le autorità sanitarie regionali hanno confermato laccertamento dellinfezione da nuovo virus A/H1N1. Tutti i soggetti tranne tre, presentavano gravi patologie pregresse.
Notizie di un numero maggiore di casi si riferiscono a pazienti deceduti per i quali viene posto il sospetto che abbiano avuto tale infezione, ma i risultati delle indagini di laboratorio per la conferma sono ancora in corso.
Situazione in Italia
//
Situazione mondiale (fonte ECDC)
/20 novembre 2009: è stata diffusa alle Regioni e Province Autonome la circolare ministeriale "Sorveglianza delle ospedalizzazioni, delle forme gravi e complicate e dei decessi della Nuova Influenza da virus influenzale A(H1N1) e rilevazione della copertura vaccinale per il vaccino pandemico”, che aggiorna le schede di segnalazione e le modalità per la loro trasmissione.
Il Punto
LOrganizzazione mondiale della sanità l11 giugno 2009 ha dichiarato lo stato di pandemia influenzale con il passaggio alla fase di massima allerta.
Linfezione è causata da un nuovo virus influenzale A/H1N1 che si è diffuso da marzo 2009 a partire dal Messico in tutto il mondo.
Il Governo ha immediatamente assunto tutte le misure per fronteggiare la diffusione della nuova influenza A e tutelare la salute dei cittadini.
Il Ministero ha istituito il 24 aprile unapposita Unità di Crisi presieduta dal Viceministro Ferruccio Fazio. Ecco le principali azioni:
Controlli e contenimento fase iniziale
Nella prima fase della diffusione della malattia sono state applicate tutte le misure di controllo e contenimento dellinfezione atte a limitare il diffondersi del virus. Ciò ha evitato nel nostro Paese una prima ondata epidemica prima dellestate 2009 che invece si è verificata in altri Paesi europei. Tra le misure di prevenzione più efficaci si ricorda la pronta identificazione dei casi nei viaggiatori provenienti da zone affette, la profilassi dei loro contatti stretti, la promozione delle regole di igiene e protezione individuali come il lavaggio delle mani.
Vaccinazione della popolazione
Il Governo ha predisposto una strategia vaccinale per fronteggiare londata epidemica di nuova influenza A (H1N1) in atto nella stagione influenzale 2009-2010 ed eradicare lepidemia da nuovo virus A(H1N1) nel nostro Paese. E prevista a vaccinazione del 40% della popolazione italiana a partire dai lavoratori dei servizi essenziali, come il personale sanitario, e delle categorie a rischio di complicanze (bambini e adulti con malattie croniche nella fascia di età dai 6 mesi ai 64 anni, donne in gravidanza nel secondo e terzo trimestre). E attivo il monitoraggio della campagna vaccinale.
Scorte farmaci antivirali
Il Ministero dispone di quaranta milioni di dosi di farmaci antivirali, tre dei quali sotto forma di principio attivo in polvere che, mano a mano che sono progressivamente incapsulate dallIstituto Chimico Farmaceutico Militare di Firenze, sono distribuite alle Regioni. Il Ministero ha inoltre emanato raccomandazioni puntuali per luso corretto degli antivirali.
Gestione casi gravi
Il Ministero ha fornito un primo orientamento agli operatori nella gestione delle forme gravi e complicate di influenza da nuovo virus A(H1N1) e promosso presso le Regioni e Province autonome lidentificazione dei centri a cui far afferire i pazienti colpiti da insufficienza respiratoria acuta. Vengono inoltre definiti i criteri per la gestione dei pazienti, in particolare riguardo laccesso alla terapia intensiva e il successivo percorso all’interno dei centri di terapia intensiva che compongono le reti regionali.
Sorveglianza dellepidemia
A partire dal 19 ottobre 2009, la sorveglianza dellinfluenza è basata sul sistema Influnet, che raccoglie i casi della rete dei medici sentinella registrati tra i propri assistiti nonché i dati sui virus circolanti dalla rete dei laboratori accreditati. LIss effettua inoltre conferme a campione dei casi clinici e lapprofondimento virologico delle forme gravi per monitorare linsorgere di possibili resistenze ai farmaci antivirali e registrare eventuali mutazioni del virus pandemico.
Il Ministero effettua inoltre il monitoraggio dei casi ospedalizzati, delle forme gravi e dei decessi.
Sorveglianza sentinella degli accessi ai Pronto Soccorso
Il Ministero e lIstituto superiore di sanità hanno avviato in collaborazione con le Regioni una specifica sorveglianza degli accessi ai Pronto Soccorso. I dati saranno trasmessi su base settimanale.
Farmacovigilanza
Nellambito degli interventi coordinati dall’Unità di crisi, lAgenzia Italiana del Farmaco (AIFA) ha predisposto un Piano Nazionale di Farmacovigilanza per il monitoraggio della sicurezza dei vaccini pandemici e degli antivirali. Il sistema è attivo dal mese di ottobre.
Aggiornamenti Epidemiologici Internazionali
l’Organizzazione mondiale della Sanità il 20 novembre ha reso noto che in Norvegia è stata riscontrata una mutazione in alcuni campioni del virus della nuova influenza da virus AH1N1 isolati in tre pazienti, dei quali due sono deceduti. La mutazione non è stata riscontrata in altri soggetti positivi per AH1N1 e non ha alcuna ricaduta sullefficacia del vaccino pandemico.
Per saperne di più
Tutte le informazioni sullazione di governo, le domande e le risposte più frequenti, le norme e i documenti utili per gli operatori su www.ministerosalute.it , giochi e test interattivi per conoscere e combattere meglio il virus A/H1N1 al sito www.fermailvirus.it.
Informazioni anche via telefono chiamando il Call center 1500 del Ministero, attivo tutti i giorni della settimana, dalle ore 8.00 alle 18.00.
Ministero del Lavoro, della Salute e delle Politiche Sociali

Source by Ministero_della_Salute


LSNN is an independent publisher that relies on reader support. We disclose the reality of the facts, after careful observations of the contents rigorously taken from direct sources. LSNN is the longest-lived portal in the world, thanks to the commitment we dedicate to the promotion of authors and the value given to important topics such as ideas, human rights, art, creativity, the environment, entertainment, Welfare, Minori, on the side of freedom of expression in the world «make us a team» and we want you to know that you are precious!

Dissemination* is the key to our success, and we've been doing it well since 1999. Transparent communication and targeted action have been the pillars of our success. Effective communication, action aimed at exclusive promotion, has made artists, ideas and important projects take off. Our commitment to maintain LSNN is enormous and your contribution is crucial, to continue growing together as a true team. Exclusive and valuable contents are our daily bread. Let us know you are with us! This is the wallet to contribute.

*Dissemination is the process of making scientific and technical information accessible to a non-specialist public. This can come through various forms, such as books, articles, lectures, television programs and science shows.


Similar Articles / Influenz...ituazione