Cop15, Vertice internazionale sul clima Copenhagen 7-18 dicembre 2009

Giovedì
22:57:17
Dicembre
10 2009

Cop15, Vertice internazionale sul clima Copenhagen 7-18 dicembre 2009

View 159.5K

word 558 read time 2 minutes, 47 Seconds

Copenaghen: si sta svolgendo a Copenhagen, in Danimarca la quindicesima sessione della ?Conference of the Parties (COP)? dedicata ai mutamenti climatici del nostro Pianeta che terminerà il prossimo 18 Dicembre 2009.

LUnione Europea si è preparata a questo importante appuntamento con una strategia integrata in materia di energia e cambiamenti climatici – adottata nel Consiglio europeo di dicembre 2008 - che prevede lo sviluppo di un'economia a basse emissioni di CO2 improntata all’efficienza energetica.

Questi gli obiettivi ambiziosi per il 2020:
ridurre i gas ad effetto serra del 20% (o del 30%, previo accordo internazionale);
ridurre i consumi energetici del 20% attraverso un aumento dell’efficienza energetica;
soddisfare il 20% del nostro fabbisogno energetico mediante l’utilizzo delle energie rinnovabili.
Anche il G8, che si è svolto a LAquila nel luglio di questanno, ha rappresentato lopportunità di far avanzare i negoziati internazionali sulla riduzione delle emissioni inquinanti alla base dei mutamenti climatici.

Nella dichiarazione sottoscritta nellambito del MEF (Foro delle Maggiori Economie su energia e clima) si legge:

" Riconosciamo lopinione scientifica secondo la quale lincremento della temperatura media globale al di sopra dei livelli pre-industriali non dovrebbe eccedere i 2 gradi C. In questo senso, collaboreremo da adesso a Copenaghen, per identificare un obiettivo globale per una riduzione sostanziale delle emissioni entro il 2050".

Secondo i paesi firmatari della dichiarazione:

"il cambiamento climatico richiede una risposta globale straordinaria, che tale risposta debba rispettare la priorità dello sviluppo economico e sociale dei paesi in via di sviluppo, che muoversi verso uneconomia a basse emissioni di carbonio sia unopportunità per promuovere una crescita economica continua ed uno sviluppo sostenibile, che la necessità e lo sviluppo di tecnologie energetiche pulite al minimo costo possibile sia urgente, e che la risposta debba considerare in modo equilibrato sia la mitigazione che ladattamento.”

I leader dei paesi MEF (Australia, Brasile, Canada, Cina, Unione Europea, Francia, Germania, India, Indonesia, Italia, Giappone, Repubblica Coreana, Messico, Russia, Sudafrica, Regno Unito e Stati Uniti) si dicono dunque "determinati a fare tutti gli sforzi possibili per raggiungere un accordo a Copenaghen” e a promuovere lattuazione della Convenzione quadro sui cambiamenti climatici adottata a New York il 9 maggio 1992 e sottoscritta a Rio de Janeiro nel corso del Vertice della Terra.

La Convenzione (sottoscritta da 154 Paesi, più l’Unione europea) definisce un obiettivo di stabilizzazione delle concentrazioni di gas-serra per la protezione del sistema climatico e promuove interventi a livello nazionale e internazionale per il raggiungimento di questo obiettivo.

Le riunioni della Conferenza delle Parti si svolgono con cadenza annuale. Secondo la prassi delle Nazioni Unite, tutte le decisioni della Conferenza richiedono, per essere adottate, il consenso di tutti i Paesi firmatari.

Nel 1995 si è tenuta la prima Conferenza delle Parti (COP 1) a Berlino. Ma una svolta per la politica dei cambiamenti climatici si è avuta alla COP 3 a Kyoto, nel 1997, con l’adozione del Protocollo di Kyoto.

Il Protocollo - che a differenza della Convenzione è vincolante - prevede che i Paesi industrializzati riducano, entro il periodo 2008-2012, le emissioni dei gas-serra del 5% a livello mondiale rispetto all’anno base 1990. Per conseguire questi obiettivi, il Protocollo permette ai Paesi industrializzati di fare uso degli assorbimenti di CO2 (anidride carbonica) da foreste e terreni agricoli (i cosiddetti carbon sink) e dei meccanismi di cooperazione internazionale per ridurre le emissioni. I dettagli operativi relativi alluso di questi strumenti sono stati definiti dalla COP 7, svoltasi a Marrakech nel novembre 2001.

Source by Governo


LSNN is an independent publisher that relies on reader support. We disclose the reality of the facts, after careful observations of the contents rigorously taken from direct sources. LSNN is the longest-lived portal in the world, thanks to the commitment we dedicate to the promotion of authors and the value given to important topics such as ideas, human rights, art, creativity, the environment, entertainment, Welfare, Minori, on the side of freedom of expression in the world «make us a team» and we want you to know that you are precious!

Dissemination* is the key to our success, and we've been doing it well since 1999. Transparent communication and targeted action have been the pillars of our success. Effective communication, action aimed at exclusive promotion, has made artists, ideas and important projects take off. Our commitment to maintain LSNN is enormous and your contribution is crucial, to continue growing together as a true team. Exclusive and valuable contents are our daily bread. Let us know you are with us! This is the wallet to contribute.

*Dissemination is the process of making scientific and technical information accessible to a non-specialist public. This can come through various forms, such as books, articles, lectures, television programs and science shows.


Similar Articles / Cop15, V...mbre 2009
from: ladysilvia
by: Bocconi