Ordigno Esploso alla Bocconi di Milano

Venerdì
02:38:35
Dicembre
18 2009

Ordigno Esploso alla Bocconi di Milano

Solidarietà Consiglio comunale di Milano a studenti, docenti e personale

View 135.0K

word 481 read time 2 minutes, 24 Seconds

MILANO: ORDIGNO BOCCONI. PRESIDENTE PALMERI IN AULA «SOLIDARIETà CONSIGLIO COMUNALE DI MILANO A STUDENTI, DOCENTI E PERSONALE»

"Desidero esprimere la solidarietà del Consiglio comunale di Milano al Rettore dellUniversità Bocconi Guido Tabellini per lesplosione di un ordigno nella notte fra martedì e mercoledì: fortunatamente oggi questAula non deve commemorare nessuno studente, nessun dipendente e nessun docente di questo nostro grande Ateneo”.

Lo ha detto in apertura dei lavori della seduta odierna il Presidente del Consiglio comunale di Milano Manfredi Palmeri, che ha fatto parte del Cda dellUniversità milanese.

Bocconi, fonte Digos: non escludiamo altre azioni simili

MILANO (Reuters) - All’indomani del ritrovamento di un ordigno parzialmente esploso all’università Bocconi di Milano, rivendicato da un gruppo anarchico, una fonte della Digos non esclude che episodi del genere si possano ripetere.

Il dispositivo, imbottito di 2 kg di dinamite in gelatina e posto in un'intercapedine tra uno sgabuzzino e un corridoio in un settore dell’ateneo che collega due edifici, è esploso intorno alle 3 del mattino di ieri danneggiando un quadro elettrico e un muro interno.

Dagli accertamenti svolti finora, è emerso che è esploso solo l’innesco dell’ordigno a causa di un errore di fabbricazione. "La bomba era potenzialmente pericolosa", ha spiegato la fonte della Digos.

Il gesto è stato rivendicato con un volantino inviato al quotidiano "Libero" dal gruppo anarchico "Sorelle in armi, Nucleo Mauricio Morales, Federazione anarchica informale".

"Non escludiamo altre azioni (del genere)", ha detto la fonte, spiegando che gli inquirenti stanno passando al vaglio la frammentata galassia anarco-insurrezionalista milanese.

In particolare, la Digos ipotizza che il "risveglio" degli anarchici -- che non piazzavano ordigni esplosivi da circa due anni -- si possa ricollegare al 40esimo anniversario della morte di Giuseppe Pinelli, l’anarchico deceduto il 15 dicembre 1969 precipitando da una finestra della Questura di Milano dove si trovava per accertamenti sull’attentato alla Banca Nazionale dell’Agricoltura di piazza Fontana, avvenuto tre giorni prima.

La fonte ha poi spiegato che un riferimento alla presenza dell’ordigno in Bocconi era contenuto nella rivendicazione di un altro pacco bomba recapitato due giorni fa al Cie di Gradisca d'Isonzo, in provincia di Gorizia, che scoppiando non ha provocato feriti.

Le forze dell’ordine milanesi erano quindi in stato di allerta quando si è verificata l’esplosione nell’ateneo.

Milano,ordigno esploso alla Bocconi

Rivendicato da federazione anarchica informale con telefonata
(ANSA) - MILANO, 16 DIC - La scorsa notte attorno alle 3 un ordigno è esploso in parte all’interno dell’Universita' Bocconi di Milano. La bomba è stata rivendicata con una telefonata a un giornale dalla federazione anarchica informale la stessa della bomba al Cie di Gradisca. Non ci sono stati danni a cose o persone e lo scoppio, nel tunnel tra via Sarfatti e via Bocconi che di notte viene chiuso, ha causato la caduta di qualche calcinaccio.

Source by Redazione


LSNN is an independent editor which relies on reader support. We disclose the reality of the facts, after careful observations of the contents rigorously taken from direct sources, we work in the direction of freedom of expression and for human rights , in an oppressed society that struggles more and more in differentiating. Collecting contributions allows us to continue giving reliable information that takes many hours of work. LSNN is in continuous development and offers its own platform, to give space to authors, who fully exploit its potential. Your help is also needed now more than ever!

In a world, where disinformation is the main strategy, adopted to be able to act sometimes to the detriment of human rights by increasingly reducing freedom of expression , You can make a difference by helping us to keep disclosure alive. This project was born in June 1999 and has become a real mission, which we carry out with dedication and always independently "this is a fact: we have never made use of funds or contributions of any kind, we have always self-financed every single operation and dissemination project ". Give your hard-earned cash to sites or channels that change flags every time the wind blows , LSNN is proof that you don't change flags you were born for! We have seen the birth of realities that die after a few months at most after two years. Those who continue in the nurturing reality of which there is no history, in some way contribute in taking more and more freedom of expression from people who, like You , have decided and want to live in a more ethical world, in which existing is not a right to be conquered, L or it is because you already exist and were born with these rights! The ability to distinguish and decide intelligently is a fact, which allows us to continue . An important fact is the time that «LSNN takes» and it is remarkable! Countless hours in source research and control, development, security, public relations, is the foundation of our basic and day-to-day tasks. We do not schedule releases and publications, everything happens spontaneously and at all hours of the day or night, in the instant in which the single author or whoever writes or curates the contents makes them public. LSNN has made this popular project pure love, in the direction of the right of expression and always on the side of human rights. Thanks, contribute now click here this is the wallet to contribute


Similar Articles / Ordigno ...di Milano
from: ladysilvia
by: MilanoFoodLab