Giù le brache

Martedì
07:59:27
Dicembre
29 2009

Giù le brache

Livio Orlandini

View 131.9K

word 561 read time 2 minutes, 48 Seconds

Nel passato l’Italia era nota come terra di Santi, di Poeti e di navigatori. Oggi di Santi non ce ne sono più, siamo tutti peccatori anche i poeti scarseggiano: l’ultima Alda Merini, è purtroppo appena deceduta, e altri non se ne vedono all’orizzonte. Navigatori no, siamo in molti e non rischiamo collisioni o naufragi, perché navighiamo tutti in “internet”, non per scoprire nuovi continenti ma per trovare moglie o marito o un amico o un compagno oppure per vendere la nostra collezione di francobolli.

Però esiste una nuova categoria emergente sono gli stilisti, quelli che una volta si chiamavano sarti. Gli stilisti italiani sono in gamba, onorano il nostro paese, sono i nuovi Leonardo e Raffaello e sono giustamente apprezzati anche all’estero, con enorme beneficio per il bilancio dell’esportazione. Ebbene, nonostante la cosa non sembra sia stata ancora recepita dalle masse gli stilisti hanno unanimemente dichiarato che: “la moda dei calabrache è ormai in declino”.

Di cosa stiamo parlando? Dell’andazzo di moltissimi giovani in genere uomini, di girare tranquillamente per le strade con i pantaloni semi abbassati sul dietro mostrando la parte alta delle natiche, con evidente esibizione delle mutande (perché almeno queste non se le sono ancora tolte).

Come dicevamo, nonostante il giudizio negativo degli stilisti, basta guardarsi in giro è si vedono ancora esibizioni di glutei. C’è da osservare, si fa per dire, che ne consegue che la parte del pantalone che secondo natura dovrebbe contenere il sedere, resta vuota e pencola all’altezza cosce, con un effetto penoso. Ma qual’è la ragione di un tale successo presso i giovani di questa strana moda? Molto probabilmente è un desiderio di sberleffo all’umanità come dire: “Ti蔦” più o meno come fanno i maleducati che in caso di contrasto con qualcuno mostrano il dito medio ritto e spavaldo”¦. Certo però che dietro al desiderio di dimostrare insofferenza per il prossimo abbassando i pantaloni, c’è un disagio psicologico dovuto al profondo vuoto di ideali che alberga, se cosi si può dire, nell’animo di questi ragazzi. Non abbiamo nessuna nostalgia per i tempi in cui il mito di Roma, le legioni o i Sette Colli erano ossessivamente tambureggiati nei cervelli degli italiani, ma l’assoluta ignoranza dei nostri valori e delle nostre glorie nazionali ha prodotto nelle masse molta indifferenza verso la storia, la cultura, il patriottismo e l’arte. Alcuni ministri della Cultura (o Pubblica Istruzione) di questa Repubblica hanno dichiarato guerra al “nozionismo”, cioè all’apprendimento a memoria delle poesie, dei dati statistici insomma delle nozioni precise, relativi a varie materie, privilegiando i commenti e le critiche. Pertanto, per fare un esempio pollice verso per recitare a memoria l’ode di Carducci per la Regina Margherita di Savoia.

Così facendo si è partiti dal presupposto che tutti gli studenti siano in grado di elaborare concetti complessi, mentre in realtà questa possibilità è una priorità appannaggio di pochi privilegiati di doti mentali elevate. L’annullamento delle conoscenze didascaliche delle varie materie nei cervelli dove non vi è possibilità di particolari criteri, ha prodotto solo il vuoto e quindi l’ignoranza.
E da qui, in grande sintesi, è derivata la situazione scolastica e post-scolastica della maggioranza dei giovani poi inseriti nella vita di ogni giorno. E in un vuoto mentale si può inserire qualsiasi idea balzana come, tra l’altro, girare per la città con le brache semi abbassate!

Source by La_Circolare_Spigolosa


LSNN is an independent editor which relies on reader support. We disclose the reality of the facts, after careful observations of the contents rigorously taken from direct sources, we work in the direction of freedom of expression and for human rights , in an oppressed society that struggles more and more in differentiating. Collecting contributions allows us to continue giving reliable information that takes many hours of work. LSNN is in continuous development and offers its own platform, to give space to authors, who fully exploit its potential. Your help is also needed now more than ever!

In a world, where disinformation is the main strategy, adopted to be able to act sometimes to the detriment of human rights by increasingly reducing freedom of expression , You can make a difference by helping us to keep disclosure alive. This project was born in June 1999 and has become a real mission, which we carry out with dedication and always independently "this is a fact: we have never made use of funds or contributions of any kind, we have always self-financed every single operation and dissemination project ". Give your hard-earned cash to sites or channels that change flags every time the wind blows , LSNN is proof that you don't change flags you were born for! We have seen the birth of realities that die after a few months at most after two years. Those who continue in the nurturing reality of which there is no history, in some way contribute in taking more and more freedom of expression from people who, like You , have decided and want to live in a more ethical world, in which existing is not a right to be conquered, L or it is because you already exist and were born with these rights! The ability to distinguish and decide intelligently is a fact, which allows us to continue . An important fact is the time that «LSNN takes» and it is remarkable! Countless hours in source research and control, development, security, public relations, is the foundation of our basic and day-to-day tasks. We do not schedule releases and publications, everything happens spontaneously and at all hours of the day or night, in the instant in which the single author or whoever writes or curates the contents makes them public. LSNN has made this popular project pure love, in the direction of the right of expression and always on the side of human rights. Thanks, contribute now click here this is the wallet to contribute


Similar Articles / Giù le brache