L’esempio di sei nuovi Giusti, fiaccole di luce, in nome della libertà

Venerdì
19:41:13
Gennaio
22 2010

L’esempio di sei nuovi Giusti, fiaccole di luce, in nome della libertà

View 133.2K

word 654 read time 3 minutes, 16 Seconds

GIORNATA DELLA MEMORIA. MORATTI E PALMERI: “L’ESEMPIO DI SEI NUOVI GIUSTI, FIACCOLE DI LUCE, IN NOME DELLA LIBERTÀ”

Milano " “Oggi riprendiamo un percorso di memoria che rappresenta una scelta etica e di responsabilità , per la nostra città . Voglio esprimere la mia profonda riconoscenza per la straordinaria generosità dei Giusti, che con il loro coraggio ispirano le nostre coscienze”. Con queste parole il Sindaco Letizia Moratti, al Teatro Derby, ha aperto il convegno internazionale “Fiaccole di luce. Uomini Giusti in tempi oscuri”.

Il convegno, rivolto principalmente agli studenti delle scuole secondarie di secondo grado e organizzato dall’Associazione per il Giardino dei Giusti, ha ricordato tre figure in particolare, quella di Marek Edelman, di Vasilij Grossman e di Guelfo Zamboni, che si sono contraddistinti per le battaglie che hanno portato avanti nel corso della loro vita.

“Milano onora oggi 6 nuovi ’semi del Bene’ " ha detto il Presidente del Consiglio comunale Manfredi Palmeri " che cresceranno da alberi nel nostro giardino di Monte Stella il prossimo aprile, in una solenne cerimonia pubblica aperta ai milanesi e, in particolare, agli studenti. Il coraggio dei Giusti ha un valore di per sè ma è anche un grande insegnamento, fuori dalla retorica, soprattutto per i giovani, perché testimonia l’importanza delle parole contro il silenzio delle coscienze, la responsabilità dei comportamenti contro l’indifferenza. Ancora una volta la storia di Milano abbraccia ed è abbracciata da altre storie in luoghi e tempi diversi, che non sentiamo lontane e, proprio per questo, vogliamo tra noi perché possano raccontare ed ascoltare”.

L’Associazione per il Giardino dei Giusti (costituita dal Comune di Milano, dal Comitato per la Foresta dei Giusti-Gariwo e dall’Unione delle Comunità ebraiche italiane-Comunità ebraica di Milano) nasce nel 2008 per onorare il ricordo di tutti coloro che hanno lottato contro i crimini verso l’Umanità , che hanno aiutato a salvare altre vite e cercato di difendere la dignità dell’uomo nelle situazioni di Male estremo nel mondo. Ogni anno l’associazione individua le figure di rilievo alle quali dedicare, come riconoscimento, un albero nel Giardino dei Giusti inaugurato nel 2003.

Il Sindaco, oltre a Grossman, Edelman e Zamboni, ha ricordato le altre tre figure che faranno parte del Giardino dei Giusti: Neda Soltani, giovane studentessa iraniana assassinata il 20 giugno dello scorso anno a soli 27 anni mentre manifestava per le vie di Teheran il suo dissenso contro il regime, Giacomo Gorrini, Console di Trebisonda e testimone della deportazione degli armeni e il diplomatico Enrico Calamai, testimone in Argentina delle atrocità seguite al colpo di Stato del generale Jorge Videla.

“Quando, qualche tempo fa " ha ricordato il Sindaco ", mi hanno presentato il progetto del Giardino dei Giusti, ho pensato che Milano avesse il dovere di essere parte attiva nell’impegno di tenere viva la memoria. Ho creduto che Milano avesse il dovere di onorare chi ha saputo difendere con coraggio il valore assoluto della vita, il rispetto dell’identità culturale e religiosa. Testimoni di un impegno che ha saputo superare il limite degli schemi ideologici e sociali per aprirsi ad un valore più grande: quello della persona”. È il caso di Grossman, ha sottolineato il Sindaco, che ha documentato e denunciato per primo il dramma della Shoah in Russia, di Edelman perseguitato per le sue origini e per i suoi ideali e, infine, di Zamboni, Console Generale d’Italia a Salonicco durante la Seconda Guerra Mondiale, che di fronte alla disumanità dell’Olocausto ha iniziato una sua personale battaglia.

“Ricordare " ha concluso Letizia Moratti " significa soprattutto promuovere e tramandare alle future generazioni quel messaggio indispensabile di fratellanza, dialogo e rispetto reciproco. Ecco perché mi auguro che voi, ragazzi, possiate farvi strumento della memoria, magari proponendo, per il prossimo anno, una figura esemplare da celebrare nel Giardino dei Giusti. Perchè il ricordo sia di monito per il presente e di conforto ai tanti Giusti che nel mondo combattono in nome della libertà ”.

Source by Comune_di_Milano


LSNN is an independent editor which relies on reader support. We disclose the reality of the facts, after careful observations of the contents rigorously taken from direct sources, we work in the direction of freedom of expression and for human rights , in an oppressed society that struggles more and more in differentiating. Collecting contributions allows us to continue giving reliable information that takes many hours of work. LSNN is in continuous development and offers its own platform, to give space to authors, who fully exploit its potential. Your help is also needed now more than ever!

In a world, where disinformation is the main strategy, adopted to be able to act sometimes to the detriment of human rights by increasingly reducing freedom of expression , You can make a difference by helping us to keep disclosure alive. This project was born in June 1999 and has become a real mission, which we carry out with dedication and always independently "this is a fact: we have never made use of funds or contributions of any kind, we have always self-financed every single operation and dissemination project ". Give your hard-earned cash to sites or channels that change flags every time the wind blows , LSNN is proof that you don't change flags you were born for! We have seen the birth of realities that die after a few months at most after two years. Those who continue in the nurturing reality of which there is no history, in some way contribute in taking more and more freedom of expression from people who, like You , have decided and want to live in a more ethical world, in which existing is not a right to be conquered, L or it is because you already exist and were born with these rights! The ability to distinguish and decide intelligently is a fact, which allows us to continue . An important fact is the time that «LSNN takes» and it is remarkable! Countless hours in source research and control, development, security, public relations, is the foundation of our basic and day-to-day tasks. We do not schedule releases and publications, everything happens spontaneously and at all hours of the day or night, in the instant in which the single author or whoever writes or curates the contents makes them public. LSNN has made this popular project pure love, in the direction of the right of expression and always on the side of human rights. Thanks, contribute now click here this is the wallet to contribute


Similar Articles / L’esem...libertà