Ma com’è ecologica la città

Venerdì
20:07:50
Maggio
07 2010

Ma com’è ecologica la città

In termini di sostenibilità ambientale, Manhattan è migliore di tanti altri tipi di insediamenti urbani. Con il ricorso a dati ed esempi pratici, David Owen in Green Metropolis illustra questa sua ardita tesi

View 133.2K

word 761 read time 3 minutes, 48 Seconds

Milano: Una bella villetta nel verde, il giardino curato e ampi viali puliti e poco trafficati. Un modello ecologico spesso contrapposto al traffico, al caos e allo smog delle grandi metropoli, dove milioni di persone vivono freneticamente le une accanto alle altre, accusate di dissipare le risorse del pianeta. Eppure”¦ non è così.

Perlomeno secondo quanto sostiene David Owen, giornalista di The New Yorker, che in Green Metropolis (Università Bocconi Editore, 2010, 250 pagine, 24 euro) propone Manhattan, una delle città più densamente popolate del mondo con i suoi 26.000 abitanti per km quadrato, come modello di città sostenibile, tesi sostenuta da molti studiosi delle scienze sociali ma avversata dagli ambientalisti.

“L’82% degli abitanti di Manhattan”, scrive Owen, “che hanno un lavoro dipendente va in ufficio con i mezzi pubblici, in bicicletta o a piedi”, aggiungendo anche che tale percentuale corrisponde a dieci volte la percentuale media degli americani in generale e che Manhattan, nonostante il traffico intenso, ha il rapporto autoesidenti più basso degli Stati Uniti. Ma non solo. New York è infatti accusata di generare quasi l’1% dei gas serra prodotti negli Stati Uniti, ma chi fornisce questo dato si dimentica di aggiungere che “la città ospita il 2,7% della popolazione del paese”, e quindi le emissioni risultano straordinariamente basse. Se poi si prendono altri parametri, si può vedere come nel “bucolico Vermont”, dice l’autore, “gli abitanti consumano più acqua dei newyorkesi”¦ più del triplo della benzina”¦ più del quadruplo dell’el! ettricità ”.

Il segreto di tale risparmiosita dei newyorkesi sta nella densità abitativa e nella prossimità delle abitazioni tra loro e con i luoghi di lavoro e di svago, perché “lo spazio ristretto e congestionato in cui vivono crea efficienze e riduce le possibilità di consumi insensati”, come l’utilizzo indiscriminato dell’auto.
E la famosa villetta con giardino lontana dal caos cittadino? Sarà più grande e quindi necessiterà di maggiori consumi di energia elettrica e di riscaldamento, il giardino dovrà essere bagnato con grande dispendio d’acqua, le distanze, in campagna, sono dilatate e gli abitanti per qualunque necessità , o anche solo per recarsi al lavoro, fanno largo uso dell’automobile, molto più che in città . E poi le enormi strade, centri commerciali e parcheggi che nascono per supportare e collegare questi distretti periferici tra loro e con le città : “Sono le strade e i parcheggi”, scrive Owen, “ad alimentare lo sviluppo urbano incontrollato”.

Ma Owen “smonta”, o almeno minimizza, anche altri miti dell’ecologismo contemporaneo, per esempio l’uso dell’auto elettrica: “Un automobilista che carica le batterie della macchina quando torna a casa dal lavoro non è un problema; un milione di automobilisti che caricano le batterie della macchina”¦.. proprio nel momento di massima domanda energetica della giornata metterebbero a dura prova la rete elettrica; un’intera nazione di utilizzatori di automobili elettriche richiederebbe una totale trasformazione del sistema elettrico americano”, scrive Owen, e la soluzione è ancora “Manhattan”, cioè la necessità di vivere in città strutturate in modo tale che usare l’auto non serva.

Ma anche quello che mangiamo e in genere consumiamo compie lunghi viaggi con enorme dispiego di carburante. Come ovviare? Il locavorismo, cioè la moda sempre più diffusa di consumare prodotti locali, è una delle risposte degli ecologisti, ma al di là di un maggiore apprezzamento per i prodotti acquistati nei mercati agricoli rispetto a quelli del supermercato, la sostenibilità ambientale di tale scelta è piuttosto dubbia: “I lamponi californiani che acquisto al supermercato producono meno emissioni di carbonio dei lamponi locali che ho acquistato recentemente in una fattoria poco lontana da qui”, sostiene Owen, “perché hanno attraversato il paese insieme a un carico di altre merci, e quindi rappresentano un consumo unitario minimo di carburante, mentre quelli locali sono stati acquistati con un viaggio automobilistico di trenta miglia a bordo di un’automobile i cui unici occupanti eravamo io e mia ! moglie”.

Il vero problema, come scrive Guido Martinotti, professore di sociologia urbana all’Università Milano-Bicocca, nel suo intervento introduttivo, è che “oggi chi non abita in città ha esattamente gli stessi consumi di chi ci abita, ma se deve compare le uova”¦. prende l’auto e fa magari 10 chilometri”¦. invece di scendere al negozio dietro l’angolo. E’ questa la differenza che fa sì che la città sia molto meno dissipativa delle regioni periurbane e rurali”.

David Owen
Green Metropolis. La città è più ecologica della campagna?
Università Bocconi editore, 2010, 250 pagg, 24 euro


foto di BCExplorer

Source by Bocconi


LSNN is an independent editor which relies on reader support. We disclose the reality of the facts, after careful observations of the contents rigorously taken from direct sources, we work in the direction of freedom of expression and for human rights , in an oppressed society that struggles more and more in differentiating. Collecting contributions allows us to continue giving reliable information that takes many hours of work. LSNN is in continuous development and offers its own platform, to give space to authors, who fully exploit its potential. Your help is also needed now more than ever!

In a world, where disinformation is the main strategy, adopted to be able to act sometimes to the detriment of human rights by increasingly reducing freedom of expression , You can make a difference by helping us to keep disclosure alive. This project was born in June 1999 and has become a real mission, which we carry out with dedication and always independently "this is a fact: we have never made use of funds or contributions of any kind, we have always self-financed every single operation and dissemination project ". Give your hard-earned cash to sites or channels that change flags every time the wind blows , LSNN is proof that you don't change flags you were born for! We have seen the birth of realities that die after a few months at most after two years. Those who continue in the nurturing reality of which there is no history, in some way contribute in taking more and more freedom of expression from people who, like You , have decided and want to live in a more ethical world, in which existing is not a right to be conquered, L or it is because you already exist and were born with these rights! The ability to distinguish and decide intelligently is a fact, which allows us to continue . An important fact is the time that «LSNN takes» and it is remarkable! Countless hours in source research and control, development, security, public relations, is the foundation of our basic and day-to-day tasks. We do not schedule releases and publications, everything happens spontaneously and at all hours of the day or night, in the instant in which the single author or whoever writes or curates the contents makes them public. LSNN has made this popular project pure love, in the direction of the right of expression and always on the side of human rights. Thanks, contribute now click here this is the wallet to contribute


Similar Articles / Ma com...a città