La mia strada

Lunedì
13:57:08
Maggio
17 2010

La mia strada

View 134.3K

word 493 read time 2 minutes, 27 Seconds

La gente ama le conversazioni leggere.Le domande e le risposte che non dicono niente di noi,che non ci svelano.
Fra le tante mi chiedono spesso come va il lavoro.Io solitamente replico:“Bene“.Poi mi capita di rifletterci:quando si può dire che va bene il proprio lavoro?
E mi rispondo:quando trova la sua giusta collocazione negli equilibrismi di una vita.Una collocazione “mobile“.
Occasionalmente può anche occupare il primo posto...ma quando lo sorprendo in cima ai miei pensieri per lungo tempo vuol dire che sta mettendo radici là...e non va bene!Occorre schiodarlo perché altre realtà reclamano quella posizione.Le proprie passioni,i figli,la famiglia,gli amici rivendicano il proprio spazio e il proprio ruolo fondamentale in una vita e,per ultimo...ma non per questo meno importante,tutto quello che è contenuto nella“scatola nera“ asserragliata nell’angolo più recondito della mia anima.
Si,come quella degli aerei!Un aereo cade...si disintegra...e la scatola nera gli sopravvive...con tutta la sua storia.
Ogni uomo,nel “sancta sanctorum“ della propria interiorità,ne possiede una,anche inconsapevolmente.Da lì partono impulsi che esprimono le nostre più profonde esigenze:quelle del vero Io.Guai a non tenerne conto!Guai a non ascoltare le voci di dentro!Finiremmo per non essere più i conducenti del nostro autobus ma semplici passeggeri,condotti chissà dove,in luoghi stranieri lontani dai nostri sogni.
Quando ho imparato a guidare l’automobile ricordo che le prime volte non riuscivo a farle fare quello che volevo,a condurla dove dicevo io.Sembrava che fossi in balia del “mezzo“.Quando questo accade con la propria vita è allarme rosso.
Tutto passa per il cuore.
Quando non c’è una frazione di cuore,un frammento di anima in un gesto,in un’azione,in una scelta...andrebbe accantonata a priori.Se abbiamo a “cuore“la nostra esistenza vanno accantonati i progetti che non nascono da dentro ma sono frutto di sovrastrutture intellettuali o ideologiche.Se non vogliamo smarrirci serve desistere dal seguire percorsi che hanno fatto la felicità altrui e potrebbero causare la nostra infelicità.Insomma,in una parola,è saggio cercare la propria...unica...originalissima strada.Nessuno può indicarcela.Nessuno.
Dobbiamo scovarla nella più perfetta solitudine con i nostri soli e sgangherati mezzi.E’ la nostra unica missione!
Tutto questo,sovente,accade nel silenzio...esteriore ed interiore.Nel silenzio crescono e maturano le domande e le risposte che ci raccontano il senso delle cose.Oggi c’è troppo rumore,dentro e fuori.Una società fondata sul rumore.
Il rumore inteso come indice di vitalità.Paravento che nasconde non pochi vuoti,non poco nulla.
Faccio sempre più fatica a ritagliarmi i miei silenzi.
Faccio sempre più fatica a seguire le tracce del mio sentiero nel ginepraio dei tanti che si dipanano...nitidi...nella vasta prateria erbosa che si stende davanti a me.



ROSARIO TISO
*I contenuti dell’opera non possono essere riprodotti senza l’autorizzazione dell’autore

Source by rosario_tiso


LSNN is an independent editor which relies on reader support. We disclose the reality of the facts, after careful observations of the contents rigorously taken from direct sources, we work in the direction of freedom of expression and for human rights , in an oppressed society that struggles more and more in differentiating. Collecting contributions allows us to continue giving reliable information that takes many hours of work. LSNN is in continuous development and offers its own platform, to give space to authors, who fully exploit its potential. Your help is also needed now more than ever!

In a world, where disinformation is the main strategy, adopted to be able to act sometimes to the detriment of human rights by increasingly reducing freedom of expression , You can make a difference by helping us to keep disclosure alive. This project was born in June 1999 and has become a real mission, which we carry out with dedication and always independently "this is a fact: we have never made use of funds or contributions of any kind, we have always self-financed every single operation and dissemination project ". Give your hard-earned cash to sites or channels that change flags every time the wind blows , LSNN is proof that you don't change flags you were born for! We have seen the birth of realities that die after a few months at most after two years. Those who continue in the nurturing reality of which there is no history, in some way contribute in taking more and more freedom of expression from people who, like You , have decided and want to live in a more ethical world, in which existing is not a right to be conquered, L or it is because you already exist and were born with these rights! The ability to distinguish and decide intelligently is a fact, which allows us to continue . An important fact is the time that «LSNN takes» and it is remarkable! Countless hours in source research and control, development, security, public relations, is the foundation of our basic and day-to-day tasks. We do not schedule releases and publications, everything happens spontaneously and at all hours of the day or night, in the instant in which the single author or whoever writes or curates the contents makes them public. LSNN has made this popular project pure love, in the direction of the right of expression and always on the side of human rights. Thanks, contribute now click here this is the wallet to contribute


Similar Articles / La mia strada