Strategia nazionale per la biodiversità

Martedì
01:29:57
Maggio
25 2010

Strategia nazionale per la biodiversità

View 161.9K

word 608 read time 3 minutes, 2 Seconds

Dal 20 al 22 maggio 2010 si è svolta a Roma, presso l’Università degli Studi di Roma “La Sapienza“, la Conferenza nazionale per la biodiversità .

Organizzata dal Ministero per l’ambiente e la tutela del territorio e del mare, la conferenza ha lo scopo di fare il punto sulla situazione della diversità biologica in Italia, evidenziare esigenze, indicare proposte.

Preceduta da una ampia consultazione fra i diversi attori istituzionali, sociali ed economici interessati, l’evento rappresenta una tappa fondamentale di un percorso condiviso e partecipato per la definizione della Strategia nazionale per la biodiversità . La necessità di elaborare una strategia nazionale in tema di biodiversità è prevista dalla Convenzione Internazionale sulla Diversità Biologica (art.6) che prevede, per gli Stati contraenti, la messa in atto di strategie, piani o programmi nazionali volti a garantire la conservazione e l’utilizzazione durevole della diversità biologica.

La strategia europea

Nel dicembre 2006, dopo un lungo processo di verifica e revisione che ha coinvolto anche i principali attori interessati, l’Unione Europea ha adottato la sua nuova Strategia per arrestare la perdita di biodiversità , con il titolo: “Arrestare la perdita di biodiversità entro il 2010 e oltre. Sostenere i servizi ecosistemici per il benessere umano”. La nuova Strategia comunitaria è basata su quattro temi principali nell’ambito dei quali sono definiti 10 obiettivi specifici da raggiungere mediante 150 azioni e altri provvedimenti. Tali obiettivi emergono dagli obblighi specifici che incombono sull’Unione Europea e sui singoli Stati membri in virtù della Convenzione. Con questa nuova Strategia il Consiglio europeo sollecitava inoltre gli Stati membri della UE a rafforzare ulteriormente l’integrazione degli obiettivi relativi alla biodiversità ed ai servizi ecosistemici in politiche e programmi di tutti i settori pertinenti.

La Carta di Siracusa

La “Carta di Siracusa per la Biodiversità ”, sottoscritta dai Paesi presenti al G8 Ambiente del 2009, ha riaffermato ”il ruolo chiave della biodiversità e dei servizi ecosistemici per il benessere umano e per il raggiungimento dei Millenium Development Goals ”€œObiettivi di sviluppo del millennio”. La “Carta di Siracusa” fa riferimento ai tre temi oggi all’ordine del giorno nel dibattito internazionale sulla conservazione della biodiversità :

il mantenimento e la valutazione economica dei servizi degli ecosistemi
le relazioni tra cambiamenti climatici e la perdita di biodiversità
il rapporto tra economia " business e conservazione della biodiversità .
Verso la Strategia nazionale

In questo contesto internazionale il Ministero dell’Ambiente ha presentato ufficialmente, il 13 aprile 2010, agli altri Ministeri, alle Regioni e alle Aree Naturali Protette, la bozza della Strategia Nazionale per la Biodiversità , come documento preliminare su cui avviare il processo di condivisione.

fonte: cnbitalia.org

Le tematiche cardine della strategia nazionale

La Strategia, conferma l’impegno nazionale per il raggiungimento dell’obiettivo di fermare la perdita di biodiversità , e si pone come strumento di integrazione della biodiversità nelle politiche nazionali, riconoscendo la necessità di mantenerne e rafforzarne la conservazione e l’uso sostenibile in quanto elemento essenziale per il benessere umano.

Per il suo conseguimento la Strategia nazionale è stata articolata intorno a tre tematiche cardine, che sono state dibattute nel corso della Conferenza:

Biodiversità e servizi ecosistemici
Massimizzare la salvaguardia e il recupero della biodiversità e dei servizi ecosistemici al fine di garantirne il ruolo chiave per la vita sulla Terra e il benessere umano.

Biodiversità e cambiamenti climatici
Favorire l’adattamento delle specie e degli ecosistemi naturali e semi-naturali ai cambiamenti climatici e adottare le opportune misure di mitigazione per ridurre l’impatto dei cambiamenti climatici sulla biodiversità e sul benessere umano.

Biodiversità e politiche economiche
Integrare la conservazione della biodiversità nelle politiche economiche e di settore rafforzando la comprensione dei benefici derivanti dalla biodiversità e dai servizi ecosistemici e la consapevolezza dei costi della loro perdita.

Source by Governo


LSNN is an independent publisher that relies on reader support. We disclose the reality of the facts, after careful observations of the contents rigorously taken from direct sources. LSNN is the longest-lived portal in the world, thanks to the commitment we dedicate to the promotion of authors and the value given to important topics such as ideas, human rights, art, creativity, the environment, entertainment, Welfare, Minori, on the side of freedom of expression in the world «make us a team» and we want you to know that you are precious!

Dissemination* is the key to our success, and we've been doing it well since 1999. Transparent communication and targeted action have been the pillars of our success. Effective communication, action aimed at exclusive promotion, has made artists, ideas and important projects take off. Our commitment to maintain LSNN is enormous and your contribution is crucial, to continue growing together as a true team. Exclusive and valuable contents are our daily bread. Let us know you are with us! This is the wallet to contribute.

*Dissemination is the process of making scientific and technical information accessible to a non-specialist public. This can come through various forms, such as books, articles, lectures, television programs and science shows.


Similar Articles / Strategi...versità