Marea nera, il disastro continua

Lunedì
19:13:51
Giugno
07 2010

Marea nera, il disastro continua

View 164.3K

word 422 read time 2 minutes, 6 Seconds

Negli ultimi giorni è stata segnalata la morte di diversi uccelli segno che il disastro sta arrivando anche in Texas, nel frattempo è stata raggiunta la florida, che si va ad aggiungere alla Louisiana, Alabama e Missisipi. 320 Kilometri è l’area di mare attualmente coperta dal petrolio e continua ad estendersi, mentre quel piccolo quantitativo che la Bp sta recuperando con enfasi è niente rispetto a quello che si perde nel mare, già così è il più grande disastro ambientale mai accaduto nella storia dell’umanità , le conseguenzeper le persone e per le specie animali del Golfo del Messico ma a questo punto si può tranquillamente aggiungere dell’intera area atlantica. Thad Allen, Ammiraglio della guardia costiera che per la sua ingente quantità è difficile riuscire ad arrestare l’avanzata del petrolio: “Avremmo bisogno di certezze - ha spiegato Allen - ma con un danno ambientale del genere è impossibile averne. Questa perdita di petrolio ci sta tenendo tutti in ostaggio“. E riferendosi al recupero da parte della Bp ha aggiunto: «Stiamo facendo i giusti progressi , tuttavia penso che nessuno possa sentirsi felice fino a quando c’è petrolio in acqua».

Il New York Times, invece, ha cercato di scoprire cosa accaddè sulla Deepwater Horizon quel maledetto 20 aprile, e il quadroche ne viene fuori è veramente sconcertante non si sapeva che comandava ’«Per più di sei giorni - racconta il Nyt - a maggio, in una fredda e anonima stanza d’albergo della zona, sei agenti federali hanno interrogato senza sosta i responsabili della base Deepwater Horizon, per saperne di più’». Le risposte sono state poco soddisfacenti.
Gli agenti che hanno fatto l’indagine hanno riscontrato un assenza totale di organizzazione(secondo il Nyt) e di cordinamento , difetti di informazione e incapacità nella reazione. Nel frattempo Erin Brockovich è scesa in campo al fianco dei pescatori . Alcuni pescatori che avevano aderito a un programma lanciato dalla Bp ? Battello delle opportunità? a loro era stato detto che dovevano collaborare a tirare il greggio dall’acqua in realtà , ma in realtà dovevano miscelare e riversare il solvente in acqua per diluire il petrolio, ora i pescatori sostengono che l’esposizione ai solventi li ha fatti ammalare. Erin Brockovich che ha sempre difeso i consumatori e le vittime delle multinazionali, ed è diventata famosa dopo il film di Julia Roberts che si è ispirata alle sue battaglie , ha detto: “Il mio scopo e’ far dire alla Bp cosa sta succedendo“ ha detto la Brockovich, “temo che questa gente venga ingannata e se e’ cosi’ io intendo aiutarli“.

Source by Alfredo_d_Ecclesia


LSNN is an independent publisher that relies on reader support. We disclose the reality of the facts, after careful observations of the contents rigorously taken from direct sources. LSNN is the longest-lived portal in the world, thanks to the commitment we dedicate to the promotion of authors and the value given to important topics such as ideas, human rights, art, creativity, the environment, entertainment, Welfare, Minori, on the side of freedom of expression in the world «make us a team» and we want you to know that you are precious!

Dissemination* is the key to our success, and we've been doing it well since 1999. Transparent communication and targeted action have been the pillars of our success. Effective communication, action aimed at exclusive promotion, has made artists, ideas and important projects take off. Our commitment to maintain LSNN is enormous and your contribution is crucial, to continue growing together as a true team. Exclusive and valuable contents are our daily bread. Let us know you are with us! This is the wallet to contribute.

*Dissemination is the process of making scientific and technical information accessible to a non-specialist public. This can come through various forms, such as books, articles, lectures, television programs and science shows.


Similar Articles / Marea ne... continua