Pirateria mediterranea e vassallaggio

Venerdì
17:35:00
Giugno
25 2010

Pirateria mediterranea e vassallaggio

View 133.1K

word 458 read time 2 minutes, 17 Seconds

Roberto Bevilacqua - All’alba dello scorso 31 maggio la marina israeliana ha abbordato in acque internazionali un convoglio di aiuti umanitari, destinato ai palestinesi rinchiusi nella striscia di Gaza per causa dell’embargo imposto dallo Stato ebraico. La reazione con lancio di oggetti di ogni tipo trovati a portata di mano sulla nave con bandiera turca ’Freedom Flotilla’ ha trovato risposta nel fuoco delle armi automatiche degli incursori israeliani. Risultato: nove morti e decine di feriti tra i pacifisti provenenti da diversi paesi di tutto il mondo.

Centinaia di persone sono state quindi rapite, deportate, detenute illegalmente in Israele, ripetutamente picchiate dai soldati e dai poliziotti per convincerle a non aiutare più i Palestinesi. Probabilmente mai si saprà con esattezza cosa ci fosse su quelle nave ma è evidente che tale operazione sia stata autorizzata con leggerezza e approssimazione dal governo israeliano, in disprezzo di ogni regola del diritto internazionale.

Tale episodio inqualificabile di pirateria costituisce, peraltro, un brutto precedente che potrebbe ripetersi nei confronti di un qualsiasi mercantile o nave turistica ritenuti ’sospetti’ solo perché naviganti nel Mediterraneo a 80 miglia (circa 150 km: un’enormità in mare!) dalle coste israeliane. Tutto ciò grazie ai veti degli Stati Uniti nel Consiglio di Sicurezza dell’ONU, imposti per bloccare ogni risoluzione o provvedimento di condanna e di intervento contro la politica ebraica tesa a occupare anche quel che resta della Palestina. I media italiani hanno riportato blandamente la notizia dei pestaggi oppure, come nel caso de ’Il Giornale’ di Vittorio Feltri, hanno incredibilmente enfatizzato in prima pagina che ’Israele ha fatto bene a sparare’ contro ’gli amici dei terroristi’.

Ma la figuraccia italiana non finisce qui: in linea con la richiesta del rappresentante USA di consentire che sia Israele stessa a condurre l’indagine sul massacro (a conferma di chi sia a comandare veramente nel governo statunitense), il rappresentante dell’Italia presso il Consiglio per i Diritti Umani delle Nazioni Unite (organismo nato nel 2006 con una risoluzione dell’Assemblea Generale dell’ONU ricevendo l’appoggio di 170 paesi su 191, ma con il voto contrario, guarda caso, di Stati Uniti, Isole Marshall, Palau, e Israele) ha sostenuto tale tesi, esprimendosi contrariamente a una procedura speciale d’indagine internazionale. Insomma il governo del Bel Paese non ha perso l’occasione per l’ennesima vergognosa dimostrazione di vassallaggio da paese colonizzato, qualora ve ne fosse ancora stato bisogno. Se adesso qualcuno ai mondiali di calcio in Sudafrica o in qualche altra occasione dovesse fischiare l’inno nazionale italiano, purtroppo avrebbe un motivo in più per farlo. Oltretutto, è semplicemente ridicolo che l’inquisitore inquisisca se stesso, ma non è la prima volta: qualcuna ricorda la strage della funivia del Cermis nel 1998’ Per la cronaca, finì a “tarallucci e vino“, ma in America...

Source by La_Circolare_Spigolosa


LSNN is an independent editor which relies on reader support. We disclose the reality of the facts, after careful observations of the contents rigorously taken from direct sources, we work in the direction of freedom of expression and for human rights , in an oppressed society that struggles more and more in differentiating. Collecting contributions allows us to continue giving reliable information that takes many hours of work. LSNN is in continuous development and offers its own platform, to give space to authors, who fully exploit its potential. Your help is also needed now more than ever!

In a world, where disinformation is the main strategy, adopted to be able to act sometimes to the detriment of human rights by increasingly reducing freedom of expression , You can make a difference by helping us to keep disclosure alive. This project was born in June 1999 and has become a real mission, which we carry out with dedication and always independently "this is a fact: we have never made use of funds or contributions of any kind, we have always self-financed every single operation and dissemination project ". Give your hard-earned cash to sites or channels that change flags every time the wind blows , LSNN is proof that you don't change flags you were born for! We have seen the birth of realities that die after a few months at most after two years. Those who continue in the nurturing reality of which there is no history, in some way contribute in taking more and more freedom of expression from people who, like You , have decided and want to live in a more ethical world, in which existing is not a right to be conquered, L or it is because you already exist and were born with these rights! The ability to distinguish and decide intelligently is a fact, which allows us to continue . An important fact is the time that «LSNN takes» and it is remarkable! Countless hours in source research and control, development, security, public relations, is the foundation of our basic and day-to-day tasks. We do not schedule releases and publications, everything happens spontaneously and at all hours of the day or night, in the instant in which the single author or whoever writes or curates the contents makes them public. LSNN has made this popular project pure love, in the direction of the right of expression and always on the side of human rights. Thanks, contribute now click here this is the wallet to contribute


Similar Articles / Pirateri...sallaggio