Jo

Martedì
10:47:41
Ottobre
05 2010

Jo

View 135.0K

word 496 read time 2 minutes, 28 Seconds

Cosa c’è da raccontare della degustazione di un vino che possa interessare l’occasionale ascoltatore?
Quel che si è provato o ha riscontri oggettivi...e risultare perciò banale...oppure è un “unicum“ esperienziale che nessuno può capire.

Si finisce comunque per esprimerlo per la naturale,umana esigenza di condividere un’emozione traboccante.
Al cospetto dello “Jo“2007(da Ionio...il mare che lambisce le fascinose terre del tacco d’Italia...),in una serata al wine-bar Cairoli di Foggia nata sublime per l’accoppiata con l’Es 2007(il primitivo...) e alla presenza di 2/3 della “Setta dei bevitori estinti“,sono mancati concreti riferimenti enologici.

L’aspettativa di un negramaro consueto è stata del tutto disattesa.

D’altronde a casa “Fino“ urge la ricerca dell’assoluto vinicolo...
Difficile trasmettere la malìa e l’incanto di una bevuta eccezionale che neppure la confusione di un Sabato sera in un locale stracolmo di gente e con le famiglie spiegate ha saputo turbare.

Lo Jo 2007 è ragione della sua stessa esistenza.Il suo profilo organolettico non è assimilabile a nessun canone precedentemente svolto dai più blasonati vini da uve negramaro in purezza fin qui conosciuti.
Non è un Patriglione né un Graticciaia,un Masseria Maìme o un Duca d’Aragona.

E’ Jo.Immensamente e semplicemente Jo.

“Unico“ nel suo genere.Con precise caratteristiche e proprietà.

Monumentale fino a vette di pienezza gustativa mai lambite da nessun’altro vino da uve Negramaro.
16,5° di alcol disperso in equilibratissimo frutto,delicatamente speziato,con un residuo zuccherino efficace nella sua funzione di smussare ogni spigolosità di cui un estratto così poderoso è congenitamente dotato.
Vergine nei sapori e negli esiti gustativi come un’ambrosia spillata da grappoli ubertosi di solarità baciati...pregni di umori minerali...conciati con sapiente tocco e raffinata elevazione nell’alveo di un terziario elegantissimo e lieve,sorprende per la calda effusione di sapori che invadono la bocca fino ad ammantare e stregare,in un abbraccio totale e saturante,ogni intento esplorativo.
Si è appagati e non si ha voglia neppure di saperne il perché.

Per non distrarsi dal puro godimento.
Il piacere è la cifra di questo vino.

Che sa promettere nei profumi intensi ed intriganti....folate di macchia mediterranea e humus,richiami di frutta rossa sotto spirito e ricordi di fiori appassiti...del primo approccio olfattivo.

Che sa mantenere al gusto con note di cacao,vaniglia e cannella di rara suadenza.
Che sa imprimere nella memoria sensoriale nel ridondante ritorno retro-olfattivo ed in una inesauribile persistenza.
Come abbia potuto Gianfranco Fino in pochi anni realizzare simili capolavori è inspiegabile.
C’è da ipotizzare una subliminale interazione fra l’anima del produttore,la sua profonda passione,la sua meticolosità e caparbietà nel dare corso ai suoi sogni e i vetusti vitigni ad alberello scelti per produrre i suoi vini.
Un travaso di energia creatrice dall’uomo alla pianta.
Il miracolo dello spirito che orienta la natura ed il suo corso.
Il miracolo “Jo“.

ROSARIO TISO
*I contenuti dell’opera non possono essere riprodotti senza l’autorizzazione dell’autore

Source by rosario_tiso


LSNN is an independent editor which relies on reader support. We disclose the reality of the facts, after careful observations of the contents rigorously taken from direct sources, we work in the direction of freedom of expression and for human rights , in an oppressed society that struggles more and more in differentiating. Collecting contributions allows us to continue giving reliable information that takes many hours of work. LSNN is in continuous development and offers its own platform, to give space to authors, who fully exploit its potential. Your help is also needed now more than ever!

In a world, where disinformation is the main strategy, adopted to be able to act sometimes to the detriment of human rights by increasingly reducing freedom of expression , You can make a difference by helping us to keep disclosure alive. This project was born in June 1999 and has become a real mission, which we carry out with dedication and always independently "this is a fact: we have never made use of funds or contributions of any kind, we have always self-financed every single operation and dissemination project ". Give your hard-earned cash to sites or channels that change flags every time the wind blows , LSNN is proof that you don't change flags you were born for! We have seen the birth of realities that die after a few months at most after two years. Those who continue in the nurturing reality of which there is no history, in some way contribute in taking more and more freedom of expression from people who, like You , have decided and want to live in a more ethical world, in which existing is not a right to be conquered, L or it is because you already exist and were born with these rights! The ability to distinguish and decide intelligently is a fact, which allows us to continue . An important fact is the time that «LSNN takes» and it is remarkable! Countless hours in source research and control, development, security, public relations, is the foundation of our basic and day-to-day tasks. We do not schedule releases and publications, everything happens spontaneously and at all hours of the day or night, in the instant in which the single author or whoever writes or curates the contents makes them public. LSNN has made this popular project pure love, in the direction of the right of expression and always on the side of human rights. Thanks, contribute now click here this is the wallet to contribute


Similar Articles / Jo