Liste di attesa, via libera al nuovo Piano nazionale 2010-2012

Sabato
13:52:07
Dicembre
04 2010

Liste di attesa, via libera al nuovo Piano nazionale 2010-2012

View 133.9K

word 488 read time 2 minutes, 26 Seconds

“Il Nuovo Piano istituisce un doppio binario per differenziare le prestazioni urgenti da quelle erogate con finalità preventive. I pazienti affetti da malattie oncologiche e cardiovascolari avranno una corsia preferenziale. Per la prima volta, abbiamo fissato il limite massimo di attesa entro il quale devono essere garantite ai cittadini le 58 prestazioni individuate dal Ministero. Abbiamo voluto rendere compatibile le fondate aspettative dei cittadini con i Livelli Essenziali di Assistenza. Il Piano prevede che, in caso di mancata fissazione da parte delle Regioni dei tempi massimi di attesa, si applichino direttamente i tempi determinati nello stesso, come ad esempio 30 giorni per effettuare le visite, massimo 60 per gli accertamenti diagnostici, quando non ci sono necessità di urgenza“.

Così il Ministro Fazio riferiva, lo scorso 6 ottobre, durante una question time in Parlamento sulle iniziative intraprese per il governo delle liste di attesa. E ancora: “Il Nuovo Piano prevede anche l’utilizzo di una quota di risorse da vincolare per specifici progetti regionali in materia di Centro Unico di Prenotazione (CUP); prevede inoltre il monitoraggio dei tempi di attesa sui siti WEB di Regioni e Province Autonome, e delle Aziende sanitarie pubbliche e private accreditate. Per la prima volta verrà potenziata l’informazione ai cittadini sulle liste di attesa attraverso campagne informative e sezioni dedicate facilmente accessibili sui siti web delle Regioni delle Aziende Sanitarie. Si tratta di un vero e proprio monitoraggio che consentirà di conoscere in tempo reale la situazione delle liste di attesa“.

Dopo la discussione in Conferenza Stato-Regioni, il 28 ottobre 2010 è stata siglata l’Intesa tra il Governo, le Regioni e le Province Autonome sul Piano nazionale di governo delle liste di attesa (PNGLA) per il triennio 2010-2012. L’obiettivo: condividere un percorso per il governo delle liste di attesa finalizzato a garantire un appropriato accesso dei cittadini ai servizi sanitari, che si realizza con l’applicazione di rigorosi criteri di appropriatezza, del rispetto delle classi di priorità e della trasparenza del sistema a tutti i livelli. Il tutto per promuovere la capacità del SSN di intercettare il reale bisogno di salute, di ridurre l’inappropriatezza e di rendere compatibile la domanda con la garanzia dei LEA.

In sintesi, sono quattro le classi di priorità : le prestazioni ambulatoriali urgenti dovranno essere garantite in 72 ore, quelle indifferibili in 10 giorni, le visite differibili entro 30 giorni, gli accertamenti entro 60. In caso di mancata individuazione della tempistica massima da parte delle Regioni, si applicano i parametri fissati dal Piano (30 giorni per le diagnostiche e 60 per le strumentali).
Viene inoltre assegnato un ruolo strategico ai CUP, e creato un percorso preferenziale per le patologie cardiovascolari e oncologiche.
Grande importanza assumono poi i controlli: massima sorveglianza sull’attività in intramoenia dei medici, con flussi informativi diversificati per le prestazioni ambulatoriali e i ricoveri, e monitoraggio ad hoc anche per la comunicazione sulle liste d’attesa da parte delle strutture, anche attraverso i rispettivi siti web.

Source by Ministero_della_Salute


LSNN is an independent editor which relies on reader support. We disclose the reality of the facts, after careful observations of the contents rigorously taken from direct sources, we work in the direction of freedom of expression and for human rights , in an oppressed society that struggles more and more in differentiating. Collecting contributions allows us to continue giving reliable information that takes many hours of work. LSNN is in continuous development and offers its own platform, to give space to authors, who fully exploit its potential. Your help is also needed now more than ever!

In a world, where disinformation is the main strategy, adopted to be able to act sometimes to the detriment of human rights by increasingly reducing freedom of expression , You can make a difference by helping us to keep disclosure alive. This project was born in June 1999 and has become a real mission, which we carry out with dedication and always independently "this is a fact: we have never made use of funds or contributions of any kind, we have always self-financed every single operation and dissemination project ". Give your hard-earned cash to sites or channels that change flags every time the wind blows , LSNN is proof that you don't change flags you were born for! We have seen the birth of realities that die after a few months at most after two years. Those who continue in the nurturing reality of which there is no history, in some way contribute in taking more and more freedom of expression from people who, like You , have decided and want to live in a more ethical world, in which existing is not a right to be conquered, L or it is because you already exist and were born with these rights! The ability to distinguish and decide intelligently is a fact, which allows us to continue . An important fact is the time that «LSNN takes» and it is remarkable! Countless hours in source research and control, development, security, public relations, is the foundation of our basic and day-to-day tasks. We do not schedule releases and publications, everything happens spontaneously and at all hours of the day or night, in the instant in which the single author or whoever writes or curates the contents makes them public. LSNN has made this popular project pure love, in the direction of the right of expression and always on the side of human rights. Thanks, contribute now click here this is the wallet to contribute


Similar Articles / Liste di...2010-2012
from: rockitalia
by: Rockitalia
from: ladysilvia
by: Governo