Non è calciomercato ma democrazia

Giovedì
12:17:43
Gennaio
13 2011

Non è calciomercato ma democrazia

View 133.3K

word 525 read time 2 minutes, 37 Seconds

Milano: forzasilvio - Si tende a ridurre l’attività politica del presidente Berlusconi, al tentativo riallargare la maggioranza con una “campagna acquisti” di parlamentari appartenenti ad altri gruppi. Questa è però un’immagine che falsa la realtà , deformando quello che invece è e rimane il nucleo del sistema politico italiano, e cioè il parlamentarismo. Se al leader del maggiore partito di opposizione, e cioè Pierluigi Bersani, è consentito lanciare un appello “a chi ci sta” (ovviamente in Parlamento per fare cadere il Governo), non si vede perché il Capo del Governo non abbia lo stesso diritto a cercare di rafforzare la propria maggioranza.

C’è di più e di paradossale: Berlusconi, votato come candidato-premier dalla maggioranza degli italiani, non avrebbe il diritto di opporsi alla fuoriuscita di alcuni parlamentari eletti nella lista che portava il suo nome e non avrebbe nemmeno il diritto di cercare di riportare nella maggioranza alcuni di questi fuoriusciti. In altre parole, avrebbe solo il dovere di perdere senza battersi e avrebbe il dovere di astenersi dal criticare chi lo ha abbandonato.

Fortunatamente Berlusconi non si fa irretire in questa dialettica. In un articolo pubblicato il 7 gennaio dal Corriere della Sera sulle radici dell’antiberlusconismo, si sostiene che avrebbe spostato “il principio della legittimazione dall’antifascismo (il fondamento simbolico della Repubblica) al voto popolare, che è la regola che presiede alla formazione del governo nei sistemi liberal-democratici”. Non è cosa da poco. Avere attuato questo spostamento significa invece avere approfondito e irrobustito le radici della democrazia liberale in un Paese dove, dopo il periodo fascista, la democrazia era bloccata dal quadro generale della Guerra Fredda. Peggio per chi non si è adattato al cambiamento. Peggio per chi ne fa una questione personale, abbandonandosi ciecamente all’antiberlusconismo, e non comprende che una vera svolta politica si è avuta a partire dal 1994. Una svolta nella direzione di una più ampia espressione della libertà . Che si manifesta, anche, in fasi di accorpamento di forze politiche e in fasi di disgregazione con la moltiplicazione dei partiti in una complessa ricerca di nuovi equilibri, che sarebbe superficiale imputare all’azione di un solo leader.

Berlusconi rivendica giustamente il merito di avere impresso dinamismo al sistema politico italiano e di avere impedito che “tutto cambiasse per restare come prima” poichè questo era l’intendimento dei partiti italiani sopravvissuti a Tangentopoli prima della sua discesa in campo.

In assenza di una completa riforma della Costituzione, Berlusconi svolge la sua azione di Capo del Governo nei limiti che la Costituzione fissa a questa azione: che sono molti e frenano la possibilità di operare con maggiore incisività . Non solo: quando alcune riforme vengono realizzate, ciò avviene contro la resistenza dei gruppi corporativi. Ne è un esempio l’ultima di esse, la riforma dell’università .

È quindi perfettamente naturale e lecito che il Capo del Governo persegua, nell’attuale assetto istituzionale, l’obiettivo di dare la più larga maggioranza possibile al Governo, e di farlo non per sopravvivere ma per realizzare i punti programmatici che, stante la difficile congiuntura economica internazionale, ne giustificano l’esistenza. È un suo diritto ed anche un suo dovere, e risponde alla natura parlamentare del sistema politico italiano. Dovrebbe essere evidente per tutti.

Source by Forzasilvio_it


LSNN is an independent editor which relies on reader support. We disclose the reality of the facts, after careful observations of the contents rigorously taken from direct sources, we work in the direction of freedom of expression and for human rights , in an oppressed society that struggles more and more in differentiating. Collecting contributions allows us to continue giving reliable information that takes many hours of work. LSNN is in continuous development and offers its own platform, to give space to authors, who fully exploit its potential. Your help is also needed now more than ever!

In a world, where disinformation is the main strategy, adopted to be able to act sometimes to the detriment of human rights by increasingly reducing freedom of expression , You can make a difference by helping us to keep disclosure alive. This project was born in June 1999 and has become a real mission, which we carry out with dedication and always independently "this is a fact: we have never made use of funds or contributions of any kind, we have always self-financed every single operation and dissemination project ". Give your hard-earned cash to sites or channels that change flags every time the wind blows , LSNN is proof that you don't change flags you were born for! We have seen the birth of realities that die after a few months at most after two years. Those who continue in the nurturing reality of which there is no history, in some way contribute in taking more and more freedom of expression from people who, like You , have decided and want to live in a more ethical world, in which existing is not a right to be conquered, L or it is because you already exist and were born with these rights! The ability to distinguish and decide intelligently is a fact, which allows us to continue . An important fact is the time that «LSNN takes» and it is remarkable! Countless hours in source research and control, development, security, public relations, is the foundation of our basic and day-to-day tasks. We do not schedule releases and publications, everything happens spontaneously and at all hours of the day or night, in the instant in which the single author or whoever writes or curates the contents makes them public. LSNN has made this popular project pure love, in the direction of the right of expression and always on the side of human rights. Thanks, contribute now click here this is the wallet to contribute


Similar Articles / Non è c...emocrazia
from: ladysilvia
by: La_Circolare_Spigolosa
from: ladysilvia
by: Forzasilvio_it