E dopo il lodo Alfano...il lodo Ruby

Lunedì
21:08:28
Gennaio
24 2011

E dopo il lodo Alfano...il lodo Ruby

View 136.5K

word 1.2K read time 5 minutes, 58 Seconds

Roma: Può sembrare paradossale o può sembrare satira…ma non lo è affatto.

Da diversi giorni girano strane voci nei corridoi di Montecitorio il primo a parlarne fu lavvocato Pecorella ,in un ‘intervista al Mattino di Napoli ha detto: :" Per un rapporto a pagamento non con una quattordicenne, ma con una a cui mancavano sei mesi per la maggiore età mi sembra unesagerazione questo carico di accuse nei confronti del premier.Io poi, ma è unopinione personale, sono dellidea che oggi letà per diventare maggiorenni sia troppo alta rispetto alla maturità raggiunta dai giovani”.

Anche Cicchito,uno dei cordinatori del Pdl,ha lasciato intendere che è in atto uno studio per labbassamento della maggiore età e portarla a 16 anni.

Il presidente vicario del gruppo Idv alla Camera Antonio Borghesi,come se avesse percepito il tutto ha subito emesso un comunicato stampa:“RUBY: BORGHESI A CICCHITTO, NO, IL LODO-RUBY NON SI PUO’(ANSA) - ROMA, 22 GEN - “No, per favore, anche il Lodo Ruby no. Cicchitto. Abbassare l’età della maggiore età nel pieno dello scandalo che ha travolto il premier sarebbe una vera porcata. Ci risparmino quest’ennesima legge ad personam, ultima offesa alla Repubblica“.

Sempre Borghesi ha poi dichiarato” Va ricordato che il Senato ha allesame la ratifica della "Convenzione di Lanzarote” . La Camera dei Deputati in sede di approvazione aveva raddoppiato la condanna per la prostituzione minorile, che è uno dei reati, insieme alla concussione, per il quale la procura di Milano ha indagato il premier Silvio Berlusconi, portando la reclusione da uno a sei anni (attualmente è da sei mesi a tre anni). Inoltre ha previsto la reclusione da 6 a 12 anni per chi recluta o induce alla prostituzione un minorenne o per chi favorisce, sfrutta, gestisce, organizza o controlla la prostituzione di un minorenne o ne trae profitto.

Per la cronaca, nella prima approvazione da parte del Senato, quando già la vicenda Ruby era diventata nota, ci avevano già provato, almeno per quanto riguarda il foro competente. Infatti con un emendamento del senatore Centaro (Pdl) venne modificata la sua individuazione, che per il caso Ruby sarebbe diventato quello di Monza e non quello di Milano. La Camera ha poi cancellato questa previsione.

Vorrei ricordare, per chi non lo sapesse, che la legge penale è retroattiva, se più favorevole allimputato”.

E ora per chiudere in bellezza vediamo le varie leggi fatte da questo governo :

"legge sulle rogatorie internazionali (Legge n. 367/2001): limita l’utilizzabilità delle prove acquisite. Con questa legge i movimenti illeciti sui conti svizzeri effettuati da Cesare Previti e Renato Squillante, al centro del processo Sme-Ariosto 1 sono stati coperti.

Tremonti bis (Legge n. 383/2001, art. 13): abolizione dell’imposta su successioni e donazioni per grandi patrimoni, che in precedenza l’Ulivo aveva abolita per patrimoni fino a 350 milioni di lire.

Riforma del diritto societario (D. Lgs. n. 61/2002): depenalizzazione del falso in bilancio che ha consentito a Berlusconi di essere assolto nei processi “All Iberian 2“ e “Sme-Ariosto 2“ perché“ il fatto non è più previsto dalla legge come reato“.

Legge Cirami sul legittimo sospetto (Legge n. 248/2002): introduzione del “legittimo sospetto“ sull’imparzialità del giudice che permette la ricusazione e il trasferimento del processo ad un altro giudice.

Finanziaria 2003 (Legge n. 289/2002, art. 9): introduzione di un condono fiscale, di cui hanno beneficiato anche le imprese del gruppo Mediaset.

Decreto salva-calcio (Legge n. 27/2003, art. 3): concessione alle società sportive della possibilità di diluire le svalutazioni dei giocatori sui bilanci in un arco di dieci anni, con importanti benefici economici in termini fiscali. La norma ha trovato applicazione anche all’A.C. Milan.

Lodo Schifani (Legge n. 140/2003): introduzione del divieto di sottomissione a processo delle cinque più alte cariche dello Stato tra le quali il presidente del Consiglio in carica. La legge è dichiarata incostituzionale il 13 gennaio 2004. Fu riapprovato con qualche modifica nel 2008.

Lodo Retequattro (Decreto-legge n. 352/2003): ha permesso a Rete 4 di continuare a trasmettere in analogico.

Finanziaria 2004 (Legge n. 350/2003, art. 4, comma 153) e Finanziaria 2005 (Legge n. 311/2004, art. 1, comma 246): introduzione di un incentivo statale all’acquisto di un decoder. A beneficiare prevalentemente dell’incentivo è stata la società Solari.com, il principale distributore in Italia dei decoder digitali Amstrad del tipo Mhp, controllata al 51% da Paolo e Alessia Berlusconi.

Legge Gasparri (Legge n. 112/2004): introduzione del sistema integrato delle comunicazioni (SIC) e riordino del sistema radiotelevisivo e delle comunicazioni. Nel 2004 il presidente di Mediaset, Fedele Confalonieri ha stimato i vantaggi derivanti dalla legge Gasparri per il gruppo di Silvio Berlusconi fra 1 e 2 miliardi di Euro.

Segreto di Stato sull’area denominata "Villa La Certosa” di Punta della Volpe (Olbia)(decreto del Ministro dell’Interno 6 maggio 2004 prot. n. 1004/100 – 1158): l’apposizione del segreto di Stato sulla villa di Berlusconi impedì le ispezioni disposte dal Tribunale di Tempio Pausania nell’ambito di un’indagine penale per violazione delle normative in materia edilizia ed ambientale.

Estensione del condono edilizio alle zone protette (Legge n. 308/2004, art. 1 commi 36-39): ammissione delle zone protette tra le aree condonabili, comprese quelle della villa “La Certosa“ di proprietà di Berlusconi.

Legge ex-Cirielli (Legge n. 251/2005): riduzione della prescrizione, che ha consentito l’estinzione dei processi “Lodo Mondadori“,“Lentini“, “Diritti tv Mediaset“ per decorrere dei tempi processuali.

Testo unico della previdenza complementare (Decreto Legislativo n. 252/2005): introduzione di una serie di norme che favoriscono fiscalmente la previdenza integrativa individuale, a beneficio anche della società assicurative di proprietà della famiglia Berlusconi.

Legge Pecorella (Legge n. 46/2006), proposta dal parlamentare Gaetano Pecorella, avvocato di Silvio Berlusconi, che sanciva l’inappellabilità da parte del pubblico ministero per le sole sentenze di proscioglimento (DL n. 3600), bocciata quasi integralmente nel 2007 dalla Corte Costituzionale.

Lodo Alfano (Legge n. 124/2008), riproposizione del Lodo Schifani, emanato poco prima della conclusione del processo per corruzione dell’avvocato David Mills in cui Berlusconi era coimputato. Dichiarato incostituzionale il 7 ottobre 2009.

Decreto anticrisi (Decreto-legge n. 185/2008, art. 31): abolizione dell’IVA agevolata del 10% sulla pay tv via satellite (dominata da Sky Italia) che ritorna così all’aliquota standard del 20%. Tale operazione di allineamento delle imposte era stata richiesta dalla Commissione europea in seguito ad un reclamo presentato alla commissione stessa. L’iniziativa legislativa ha suscitato nell’opposizione (principalmente per voce di Antonio Di Pietro diverse polemiche poiché viene visto in questo provvedimento un modo per penalizzare Sky Italia, principale concorrente privato di Mediaset.

Acquisto delle proprie azioni (Legge n. 33/2009, art. 7, commi 3-quater e 3-sexies): viene aumentata la soglia di capitale (dal 3% al 5%) che gli azionisti con una partecipazione superiore al 30% possono acquisire senza essere soggetti allobbligo di promuovere un’offerta pubblica di acquisto totalitaria; e viene incrementato (dal 10% al 20%) il limite massimo previsto dallart. 2357 cc. nei confronti delle società per azioni in materia di acquisto di azioni proprie con lintento di prevedere strumenti di difesa delle società rispetto a possibili manovre speculative (OPA).

Scudo fiscale (Legge n. 102/2009, art. 13-bis): permette, pagando un’imposta una tantum del 5%, di rimpatriare o regolarizzare le attività finanziarie e patrimoniali frutto di evasione fiscale detenute all’estero.

Legittimo impedimento (Legge n. 51/2010): per 18 mesi il Presidente del Consiglio è legittimamente impedito a comparire in aula di tribunale se impegnato in attività di governo.

Liti pendenti col fisco (Legge n. 73/2010): la Mondadori ha utilizzato il provvedimento per chiudere un contenzioso col fisco pendente dal 1991 pagando 8 milioni e 653 mila euro al posto dei 173 milioni pretesi dall’erario”

Source by Alfredo_d_Ecclesia


LSNN is an independent editor which relies on reader support. We disclose the reality of the facts, after careful observations of the contents rigorously taken from direct sources, we work in the direction of freedom of expression and for human rights , in an oppressed society that struggles more and more in differentiating. Collecting contributions allows us to continue giving reliable information that takes many hours of work. LSNN is in continuous development and offers its own platform, to give space to authors, who fully exploit its potential. Your help is also needed now more than ever!

In a world, where disinformation is the main strategy, adopted to be able to act sometimes to the detriment of human rights by increasingly reducing freedom of expression , You can make a difference by helping us to keep disclosure alive. This project was born in June 1999 and has become a real mission, which we carry out with dedication and always independently "this is a fact: we have never made use of funds or contributions of any kind, we have always self-financed every single operation and dissemination project ". Give your hard-earned cash to sites or channels that change flags every time the wind blows , LSNN is proof that you don't change flags you were born for! We have seen the birth of realities that die after a few months at most after two years. Those who continue in the nurturing reality of which there is no history, in some way contribute in taking more and more freedom of expression from people who, like You , have decided and want to live in a more ethical world, in which existing is not a right to be conquered, L or it is because you already exist and were born with these rights! The ability to distinguish and decide intelligently is a fact, which allows us to continue . An important fact is the time that «LSNN takes» and it is remarkable! Countless hours in source research and control, development, security, public relations, is the foundation of our basic and day-to-day tasks. We do not schedule releases and publications, everything happens spontaneously and at all hours of the day or night, in the instant in which the single author or whoever writes or curates the contents makes them public. LSNN has made this popular project pure love, in the direction of the right of expression and always on the side of human rights. Thanks, contribute now click here this is the wallet to contribute


Similar Articles / E dopo i...lodo Ruby