Happy Tech, macchine dal volto umano

Lunedì
23:10:05
Febbraio
28 2011

Happy Tech, macchine dal volto umano

22 febbraio - 31 marzo 2011 Milano, Triennale Bovisa Inaugurazione 22 febbraio ore 19.30

View 130.6K

word 732 read time 3 minutes, 39 Seconds

Milano: Martedì 22 febbraio ha inaugurato a Milano in Triennale Bovisa, Happy Tech. Macchine dal volto umano, mostra di arte e scienza realizzata dalla Fondazione Marino Golinelli in partnership con La Triennale di Milano.

La mostra, curata da Giovanni Carrada e Cristiana Perrella con la collaborazione di Silvia Evangelisti, propone di esplorare il lato positivo del rapporto uomo-tecnologia. Lo fa attraverso le opere di artisti di fama internazionale come Tony Cragg, Cao Fei, Martino Gamper, Rainer Ganahl, Candida Höfer, Alfredo Jaar, Thorsten Kirchhoff, Armin Linke, Vik Muniz, Mark Napier, Tony Oursler, Pipilotti Rist, Thomas Ruff, Tom Sachs, Bill Viola.

Una sezione introduttiva è dedicata ai precursori/visionari Bruno Munari, Piero Fogliati, Nam June Paik e John Godfrey, artisti che nei decenni passati intuirono le potenzialità rivoluzionarie delle nuove tecnologie ma anche la necessità di non farsene sovrastare, intrattenendo con esse un rapporto giocoso, umanizzato, aperto allutopia.

Arte e Scienza uniscono i loro linguaggi per raccontare diverse tematiche con opere ispirate a tecnologie "a misura duomo”, ovvero che estendono la nostra natura, permettono, abilitano, sviluppano e potenziano le caratteristiche, le capacità e le ispirazioni umane migliori. Lartista Cao Fei costruisce sulla piattaforma di Second/Life città ipertecnologiche abitate dai nostri avatar; Mark Napier sfrutta le potenzialità della rete permettendo a tutti di realizzare la propria opera darte attraverso il suo sito potatoland.org; Thomas Ruff si appropria di fotografie della Nasa che ci proiettano in uno spazio altrimenti sconosciuto.
Guardare alla tecnologia con ottimismo per alcuni artisti in mostra significa anche utilizzarne gli scarti per dar vita a qualcosa di nuovo. Tony Cragg con i frammenti di plastica, Vik Muniz con i residui industriali e Martino Gamper con sedie recuperate e riassemblate, raccontano le potenzialità creative del riciclo. La tecnologia diventa anche oggetto di ironia nel lavoro di Tom Sachs, protagonista di una fittizia missione lunare o di riflessione critica come nel lavoro Rainer Ganahl che esplora le condizioni di vita urbana a livello globale.

Ad ogni opera darte è affiancato un exhibit scientifico che consente di conoscere e provare una tecnologia legata al tema dellopera. Qualche esempio: Evoluzioni Elettro Domestiche, installazione dello storico e antropologo delle tecnologie Vittorio Marchis, una vera e propria "autopsia” di un robot da cucina affianca lopera di Vik Muniz Pictures of Junk; alla videoinstallazione di Pipilotti Rist Aujourdhui è associata unapplicazione di Realtà Aumentata (agenzia di comunicazione Luis.it), per provare uno dei primi esempi di fusione del mondo reale con il mondo virtuale; affiancano Gold in the Morning di Alfredo Jaar, unopera sul lavoro in condizioni premoderne, una proiezione e un exhibit interattivo per capire cosa vuol dire vivere senza macchine che servano per noi da " schiavi energetici”; Interfacciano lopera Comunicare

di Thorsten Kirchhof, due postazioni unite da un collegamento a banda ultralarga per provare la telepresenza.

Correlati al tema della mostra la Fondazione Marino Golinelli organizza tre incontri.
Il primo appuntamento, in collaborazione con il Settore Cultura del Comune di Milano – Polo dei Musei Scientifici, si è tenuto martedì 22 febbraio alle ore 17 presso la sala Vitman dellAcquario civico di Milano, con lo scrittore giornalista inglese Matt Ridley, autore di molte pubblicazioni scientifiche tra cui "The Rational Optimist: How Prosperity Evolves”, unapologia del ruolo liberatorio dellinnovazione e degli scambi di prodotti e di idee fra gli uomini, un antidoto contro i grandi pessimismi del nostro tempo.

In programma a marzo altri due incontri dal titolo " La Scienza e laltro” realizzati in collaborazione con la Fondazione Corriere della Sera moderati dal giornalista Pierluigi Panza nella Sala Buzzati alle ore 18: martedì 15 marzo, il neuroscienziato Luca Francesco Ticini, che indaga sulle funzioni neurofisiologiche grazie alle quali avviene la nostra percezione estetica, si confronta con il designer e artista Massimo Iosa Ghini che concepisce le proprie opere attraverso un originalissimo processo creativo e progettuale.

Martedì 22 marzo, il filosofo Umberto Galimberti e lo scienziato Mauro Ferrari dialogano sullapplicazione delle nuove tecnologie alla medicina e sugli impatti che queste hanno sul corpo, sulletica e sugli stessi rapporti fra gli uomini.

Sede mostra: Milano, Triennale Bovisa
Date: 22 febbraio - 31 marzo 2011
Orari di apertura: Mar, Mer e Ven, Sab e Dom 11.00 - 21.00
Giov 11.00 - 23.00 | Lunedì chiusura settimanale.

Ingresso libero
Mezzi pubblici per raggiungere la sede espositiva:
passante ferroviario stazione di Villa Pizzone - Ferrovie Nord Stazione Nord Bovisa - tram 1,3 - autobus 82,92.

Info: www.lascienzainpiazza.it

Source by Redazione


LSNN is an independent editor which relies on reader support. We disclose the reality of the facts, after careful observations of the contents rigorously taken from direct sources, we work in the direction of freedom of expression and for human rights , in an oppressed society that struggles more and more in differentiating. Collecting contributions allows us to continue giving reliable information that takes many hours of work. LSNN is in continuous development and offers its own platform, to give space to authors, who fully exploit its potential. Your help is also needed now more than ever!

In a world, where disinformation is the main strategy, adopted to be able to act sometimes to the detriment of human rights by increasingly reducing freedom of expression , You can make a difference by helping us to keep disclosure alive. This project was born in June 1999 and has become a real mission, which we carry out with dedication and always independently "this is a fact: we have never made use of funds or contributions of any kind, we have always self-financed every single operation and dissemination project ". Give your hard-earned cash to sites or channels that change flags every time the wind blows , LSNN is proof that you don't change flags you were born for! We have seen the birth of realities that die after a few months at most after two years. Those who continue in the nurturing reality of which there is no history, in some way contribute in taking more and more freedom of expression from people who, like You , have decided and want to live in a more ethical world, in which existing is not a right to be conquered, L or it is because you already exist and were born with these rights! The ability to distinguish and decide intelligently is a fact, which allows us to continue . An important fact is the time that «LSNN takes» and it is remarkable! Countless hours in source research and control, development, security, public relations, is the foundation of our basic and day-to-day tasks. We do not schedule releases and publications, everything happens spontaneously and at all hours of the day or night, in the instant in which the single author or whoever writes or curates the contents makes them public. LSNN has made this popular project pure love, in the direction of the right of expression and always on the side of human rights. Thanks, contribute now click here this is the wallet to contribute


Similar Articles / Happy Te...lto umano