Bossi:Biografia e aforismi

Giovedì
10:30:22
Marzo
10 2011

Bossi:Biografia e aforismi

View 2.4K

word 2.7K read time 13 minutes, 43 Seconds

Umberto Bossi nasce il 19 settembre 1941 a Cassano Magnago (Va) . Sposato con Emanuela e padre di quattro figli, inizia la sua carriera politica alla fine degli anni ’70 grazie all’incontro con Bruno Salvadori, leader dell’Union Valdotaine che lo avvicina ai temi dell’autonomismo. Il sito del Governo italiano informa, nella biografia dedicata a Bossi che“nel 1979 entra in contatto con il mondo autonomista dei popoli alpini e ne diventa l’alfiere nelle regioni padane“.
Agli inizi degli anni ’80, insieme a Roberto Maroni e Giuseppe Leoni , fonda la Lega Lombarda, e Bossi viene nominato Segretario.
Nel 1987 la lega lombarda riesce a entrare nel parlamento italiano,e Bossi riuscirà a entrare al Senato ,guadagnandosi lappellativo di Senatur ,ancora oggi usato.
Nel 1989 la Lega Lombarda si trasforma in Lega Nord, Con lunione delle altre leghe del Nord e Bossi viene nominato segretario federale.Nello stesso anno viene eletto al parlamento europeo.
Nell’aprile del 1990, Bossi inventa la manifestazione di Pontida che diventerà un appuntamento importante per il popolo leghista.Subito dopo viene fuori tangentopoli,dove la lega allinizio è a favore dei giudici,fino a quando non viene investito anche Bossi, per un finanziamento di cento milioni di lire, ricevuti dai dirigenti Montedison.
Dopo sette anni di opposizione a Roma Ladrona nel 1992 ,La lega entra nel primo governo Berlusconi,forte dei suoi ottanta deputati eletti.Subito dopo nel 1995 concorre ,alla costituzione del Parlamento Padano, che si riunisce a Bagnolo San Vito ,in provincia di Mantova.

Pochi mesi dopo La Lega fa cadere il governo Berlusconi,con il famoso ribaltone, come venne chiamato allepoca, quel cambiamento politico.

Nel 1996 venne fuori un’altra invenzione di Bossi…Il famoso Dio Po.

Ora cè da dire che in natura niente è separato ,tutto è legato ,in funzione del resto .
Anche la natura ,secondo la filosofia Bossiana,diventa un luogo di separazione,e in queste celebrazioni del Dio po ,come lo chiama il Senatur,si devono rievocare antichi riti padani,come se fosse mai esistita la Padania ,e raccogliere un ampolla dAcqua da portare a Venezia,secondo questa nuova religione del Dio Po,per testimoniare la purezza del Nord.Dice Bossi” Questa acqua pura e spumeggiante ha fatto la pianura padana. I nostri avi ritenevano che lacqua fosse Dio, immanente a tutte le cose. Noi la porteremo a Venezia e la libereremo nella laguna, così libereremo anche noi”.
Subito dopo si ricrea lalleanza con Berlusconi e nel 2001 vincono le elezioni e Bossi viene nominato Ministro per le riforme istituzionali.

Nel 2004 si dimette da ministro e da deputato ,preferendo lincarico di europarlamentare a Strasburgo.
Dopo una lunga malattia ,ritorna sulla scena politica nel 2005
Ma vediamo ora alcuni aforismi di Umberto Bossi

23 settembre 1993 – "Quando avremo perso tutto, quando ci avranno messo con le spalle al muro, resta il fatto che le pallottole costano 300 lire”.

29 agosto 1994 – "Se non avessimo impedito la rivolta si sarebbe incendiato tutto il Nord. E se in Sardegna, unarea isolata, qualche mitra lo puoi trovare, in Lombardia trovi tutto, dai cannoni agli aeroplani, tutto quello che vuoi. Se esplodeva la rivolta nella bergamasca, spazzava via la Lombardia che al quinto giorno si sarebbe sollevata in armi contro il regime”.

18 marzo 95 "Oggi lItalia è purtroppo la tonsilla marcia dellEuropa per via dellinfluenza peronista contratta a causa del Governo Berlusconi”. "Berlusconi ha dimostrato di fare politica solo per un potere assoluto e personale”

7 aprile 95-"Siamo stati costretti ad allearci con Berlusconi perché, se non puoi abbattere il tuo nemico, lo devi abbracciare finché non viene lora di batterlo”
"Sapevamo fin dallinizio che Berlusconi era solo un prestanome che Craxi aveva messo su una sedia a dirigere la sua azienda televisiva costruita con profitti misteriosi. Purtroppo gli italiani non sono furbi e di fronte al pericolo di essere cancellati dal Parlamento, ci siamo alleati con Berlusconi in attesa di poterlo battere”. "An: quelli sono fascisti anche se fingono di essere gentili. E si tratta di un partito contiguo alla mafia, ai servizi segreti deviati e alle frange più pericolose di esercito e polizia”.

19 aprile 95
"Cè un uomo che firmava gli assegni a Ciancimino, ossia a Totò Riina e alla mafia, e si chiama DellUtri, segretario personale di Berlusconi”. "Siamo pronti a raddrizzare la schiena a questi porci, mafiosi e brutti fascisti, il Nord vi farà tacere e ingoiare i vostri tentativi di ingoiarci”.

29 aprile 95
Agli elettori lombardi che hanno votato per il Polo: "Imbecilli, imbecilli. Avete dato voi stessi ai fascisti”. Il voto al Polo "è un voto contro il Nord. Svegliatevi.” "Mi vergogno di essere lombardo e di avere una città come Milano, capitale del Nord, che ha dato il 13% ai fascisti. Ma possibile che non abbiano ancora capito che la canaglia di Arcore è un uomo legato a Cosa Nostra?”.

9 agosto 1996 - "I ripetitori sono i nuovi carri armati del colonialismo romano, per quelli veri basterebbero le armi anticarro e con 100 mila lire gliene buchi uno, ma contro quelli non basta non pagare il canone, vanno buttati giù, perché non devono più trasmettere a spese nostre”.

26 ottobre 1996 – "Il processo storico va avanti verso il cambiamento con o senza violenza, io spero senza violenza inutile. Prima della fine del 97 lItalia come la conosciamo non ci sarà più, ci sarà la Padania”.

12 aprile 1997 – "Se il governo padano ci dovesse ordinare che è giunto il momento di prendere tutto (dico per esempio), non attenderemmo un momento a obbedire. E se qualche magistrato osasse toccarlo, la reazione della Padania sarebbe immediata. Sarebbe un attacco etnico, razzista e coloniale contro ognuno di noi, sarebbe linsurrezione popolare”.

18 aprile 1998 – "Amici magistrati, il rischio è che ci sia una Pasquetta, ma più che una Pasquetta come quella del 1916 in Irlanda: non verrebbero 1.500 uomini a imbracciare il fucile; saranno 150.000 e il giorno dopo un milione e poi… verrà la libertà della Padania. Non obbligate il popolo in un vicolo chiuso, perché è molto più forte di voi”.

25 settembre 2003 – "La gente che votava democristiani, socialisti e comunisti, e che va avanti a votarli invece di spazzarli via a calci in culo, questi partiti che fecero fallire il Paese, merita anche quello per cui ha agito, per cui ha votato. Questa era gente da tirar giu, da portare in piazza e fucilare, perché quando uno fa fallire un paese lo si fucila”.

26 agosto 2007 – ”Non abbiamo mai tirato fuori fucili, ma cè sempre una prima volta”.

29 settembre 2007 - "Da qui possono partire ordini di attacco dal Nord. Io sono certo di avere dieci milioni di lombardi e veneti pronti a lottare per la libertà”.

23 gennaio 2008 – ”Se non si va al voto facciamo la rivoluzione, vuol dire che mettiamo in piedi la polizia del Veneto, della Lombardia, del Piemonte. Certo ci mancano un po di armi, ma prima o poi quelle le troviamo”.

26 gennaio 2008 – "Il coccodrillo è lanimale più pericoloso ma è il più paziente, il più tranquillo sino a che non viene stuzzicato. Noi siamo come il coccodrillo, calmi sino a quando arriva il momento giusto”.

30 gennaio 2008 – "Meno male che Napolitano ha dato solo un mandato esplorativo… perché qui stanno comunque cercando di far passare il tempo e adesso e il momento di dire basta ai giochi di prestigio”.

27 marzo 2008 - "La legge sul federalismo fiscale dovrà essere per il prossimo governo una priorità assoluta altrimenti il paese rischia di saltare”.

4 aprile 2008 – "Vogliamo il federalismo fiscale con le buone finché cè tempo, fino a che non ci incazziamo davvero”.

6 aprile 2008 – "Se necessario, per fermare i romani che hanno stampato queste schede elettorali che sono una vera porcata e non permettono di votare in semplicita e chiarezza, potremmo anche imbracciare i fucili”.

29 aprile 2008 – ”Non so cosa vuole la sinistra, noi siamo pronti, se vogliono fare gli scontri io ho 300 mila uomini sempre a disposizione, se vogliono accomodarsi…”.

20 luglio 2008 – "Non dobbiamo piu essere schiavi di Roma. Dobbiamo lottare contro la canaglia centralista. Ci sono 15 milioni di uomini disposti a battersi per la loro libertà”.

18 agosto 2008 – "Speriamo che questa volta sia la volta buona altrimenti dovremo pensare ad altre soluzioni, molto piu sbrigative. La volonta popolare di conquistare la liberta puo avvenire anche attraverso i mezzi che sa usare il popolo”.

14 giugno 2009 – "Finché cè la Lega la democrazia non corre rischi. La Lega è una forza radicata sul territorio, la Lega è democrazia, la Lega vigila e finché ci siamo noi la democrazia non corre rischi”.

7 ottobre 2009 – "Se il Lodo sarà bocciato? No, non credo. Ma non ho segnali. Io sono per la saggezza: chi è che vuole sfidare lira dei popoli?”.

22 giugno 2010 – ”Ci sono grosso modo 10 milioni di persone disposte a battersi per la Padania, vuol dire che la Padania esiste. Non ce uno Stato padano, ma la Padania esiste”.

31 luglio 2010 – "La Lega fortunatamente ha qualcosa come 20 milioni di uomini pronti a battersi fino alla fine. Se non cè democrazia nel Paese, la portiamo noi”.

19 agosto 2010 – "Ora dobbiamo portare a casa tutto il possibile democraticamente. Per i fucili ce tempo, abbiamo comunque milioni di uomini che vogliono liberarsi e che vogliono il cambiamento per loro e per i loro figli”.

24/11/2010 "DellUtri non lo conosco, Mangano poveraccio faceva lo stalliere, non sono in grado di entrare nel merito. Ma non penso che Berlusconi sia legato alla mafia. Certo "Berlusconi corre i rischi insiti nella politica, dove trovi di tutto, magari uno ti saluta e poi scopri che è poco affidabile”

8 /3/2011-" Ma vi pare. Per fortuna abbiamo tantissimi uomini e le armi si fanno in Lombardia. Gheddafi è un gatto che sta affogando e si arrampica sui vetri. La storia dimostra che chi spara sulla sua gente finisce male. Ricordate il re Umberto I ucciso a Monza”.

23 settembre 1993 – "Quando avremo perso tutto, quando ci avranno messo con le spalle al muro, resta il fatto che le pallottole costano 300 lire”.

29 agosto 1994 – "Se non avessimo impedito la rivolta si sarebbe incendiato tutto il Nord. E se in Sardegna, unarea isolata, qualche mitra lo puoi trovare, in Lombardia trovi tutto, dai cannoni agli aeroplani, tutto quello che vuoi. Se esplodeva la rivolta nella bergamasca, spazzava via la Lombardia che al quinto giorno si sarebbe sollevata in armi contro il regime”.

18 marzo 95 "Oggi lItalia è purtroppo la tonsilla marcia dellEuropa per via dellinfluenza peronista contratta a causa del Governo Berlusconi”. "Berlusconi ha dimostrato di fare politica solo per un potere assoluto e personale”
7 aprile 95-"Siamo stati costretti ad allearci con Berlusconi perché, se non puoi abbattere il tuo nemico, lo devi abbracciare finché non viene lora di batterlo”
"Sapevamo fin dallinizio che Berlusconi era solo un prestanome che Craxi aveva messo su una sedia a dirigere la sua azienda televisiva costruita con profitti misteriosi. Purtroppo gli italiani non sono furbi e di fronte al pericolo di essere cancellati dal Parlamento, ci siamo alleati con Berlusconi in attesa di poterlo battere”. "An: quelli sono fascisti anche se fingono di essere gentili. E si tratta di un partito contiguo alla mafia, ai servizi segreti deviati e alle frange più pericolose di esercito e polizia”.

19 aprile 95
"Cè un uomo che firmava gli assegni a Ciancimino, ossia a Totò Riina e alla mafia, e si chiama DellUtri, segretario personale di Berlusconi”. "Siamo pronti a raddrizzare la schiena a questi porci, mafiosi e brutti fascisti, il Nord vi farà tacere e ingoiare i vostri tentativi di ingoiarci”.

29 aprile 95
Agli elettori lombardi che hanno votato per il Polo: "Imbecilli, imbecilli. Avete dato voi stessi ai fascisti”. Il voto al Polo "è un voto contro il Nord. Svegliatevi.” "Mi vergogno di essere lombardo e di avere una città come Milano, capitale del Nord, che ha dato il 13% ai fascisti. Ma possibile che non abbiano ancora capito che la canaglia di Arcore è un uomo legato a Cosa Nostra?”.

9 agosto 1996 - "I ripetitori sono i nuovi carri armati del colonialismo romano, per quelli veri basterebbero le armi anticarro e con 100 mila lire gliene buchi uno, ma contro quelli non basta non pagare il canone, vanno buttati giù, perché non devono più trasmettere a spese nostre”.

26 ottobre 1996 – "Il processo storico va avanti verso il cambiamento con o senza violenza, io spero senza violenza inutile. Prima della fine del 97 lItalia come la conosciamo non ci sarà più, ci sarà la Padania”.

12 aprile 1997 – "Se il governo padano ci dovesse ordinare che è giunto il momento di prendere tutto (dico per esempio), non attenderemmo un momento a obbedire. E se qualche magistrato osasse toccarlo, la reazione della Padania sarebbe immediata. Sarebbe un attacco etnico, razzista e coloniale contro ognuno di noi, sarebbe linsurrezione popolare”.

18 aprile 1998 – "Amici magistrati, il rischio è che ci sia una Pasquetta, ma più che una Pasquetta come quella del 1916 in Irlanda: non verrebbero 1.500 uomini a imbracciare il fucile; saranno 150.000 e il giorno dopo un milione e poi… verrà la libertà della Padania. Non obbligate il popolo in un vicolo chiuso, perché è molto più forte di voi”.

25 settembre 2003 – "La gente che votava democristiani, socialisti e comunisti, e che va avanti a votarli invece di spazzarli via a calci in culo, questi partiti che fecero fallire il Paese, merita anche quello per cui ha agito, per cui ha votato. Questa era gente da tirar giu, da portare in piazza e fucilare, perché quando uno fa fallire un paese lo si fucila”.

26 agosto 2007 – ”Non abbiamo mai tirato fuori fucili, ma cè sempre una prima volta”.

29 settembre 2007 - "Da qui possono partire ordini di attacco dal Nord. Io sono certo di avere dieci milioni di lombardi e veneti pronti a lottare per la libertà”.

23 gennaio 2008 – ”Se non si va al voto facciamo la rivoluzione, vuol dire che mettiamo in piedi la polizia del Veneto, della Lombardia, del Piemonte. Certo ci mancano un po di armi, ma prima o poi quelle le troviamo”.

26 gennaio 2008 – "Il coccodrillo è lanimale più pericoloso ma è il più paziente, il più tranquillo sino a che non viene stuzzicato. Noi siamo come il coccodrillo, calmi sino a quando arriva il momento giusto”.

30 gennaio 2008 – "Meno male che Napolitano ha dato solo un mandato esplorativo… perché qui stanno comunque cercando di far passare il tempo e adesso e il momento di dire basta ai giochi di prestigio”.

27 marzo 2008 - "La legge sul federalismo fiscale dovrà essere per il prossimo governo una priorità assoluta altrimenti il paese rischia di saltare”.

4 aprile 2008 – "Vogliamo il federalismo fiscale con le buone finché cè tempo, fino a che non ci incazziamo davvero”.

6 aprile 2008 – "Se necessario, per fermare i romani che hanno stampato queste schede elettorali che sono una vera porcata e non permettono di votare in semplicita e chiarezza, potremmo anche imbracciare i fucili”.

29 aprile 2008 – ”Non so cosa vuole la sinistra, noi siamo pronti, se vogliono fare gli scontri io ho 300 mila uomini sempre a disposizione, se vogliono accomodarsi…”.

20 luglio 2008 – "Non dobbiamo piu essere schiavi di Roma. Dobbiamo lottare contro la canaglia centralista. Ci sono 15 milioni di uomini disposti a battersi per la loro libertà”.

18 agosto 2008 – "Speriamo che questa volta sia la volta buona altrimenti dovremo pensare ad altre soluzioni, molto piu sbrigative. La volonta popolare di conquistare la liberta puo avvenire anche attraverso i mezzi che sa usare il popolo”.

14 giugno 2009 – "Finché cè la Lega la democrazia non corre rischi. La Lega è una forza radicata sul territorio, la Lega è democrazia, la Lega vigila e finché ci siamo noi la democrazia non corre rischi”.

7 ottobre 2009 – "Se il Lodo sarà bocciato? No, non credo. Ma non ho segnali. Io sono per la saggezza: chi è che vuole sfidare lira dei popoli?”.

22 giugno 2010 – ”Ci sono grosso modo 10 milioni di persone disposte a battersi per la Padania, vuol dire che la Padania esiste. Non ce uno Stato padano, ma la Padania esiste”.

31 luglio 2010 – "La Lega fortunatamente ha qualcosa come 20 milioni di uomini pronti a battersi fino alla fine. Se non cè democrazia nel Paese, la portiamo noi”.

19 agosto 2010 – "Ora dobbiamo portare a casa tutto il possibile democraticamente. Per i fucili ce tempo, abbiamo comunque milioni di uomini che vogliono liberarsi e che vogliono il cambiamento per loro e per i loro figli”.
24/11/2010 "DellUtri non lo conosco, Mangano poveraccio faceva lo stalliere, non sono in grado di entrare nel merito. Ma non penso che Berlusconi sia legato alla mafia. Certo "Berlusconi corre i rischi insiti nella politica, dove trovi di tutto, magari uno ti saluta e poi scopri che è poco affidabile”
8 /3/2011-" Ma vi pare. Per fortuna abbiamo tantissimi uomini e le armi si fanno in Lombardia. Gheddafi è un gatto che sta affogando e si arrampica sui vetri. La storia dimostra che chi spara sulla sua gente finisce male. Ricordate il re Umberto I ucciso a Monza”.

Source by Alfredo_d_Ecclesia


LSNN is an independent editor which relies on reader support. We disclose the reality of the facts, after careful observations of the contents rigorously taken from direct sources, we work in the direction of freedom of expression and for human rights , in an oppressed society that struggles more and more in differentiating. Collecting contributions allows us to continue giving reliable information that takes many hours of work. LSNN is in continuous development and offers its own platform, to give space to authors, who fully exploit its potential. Your help is also needed now more than ever!

In a world, where disinformation is the main strategy, adopted to be able to act sometimes to the detriment of human rights by increasingly reducing freedom of expression , You can make a difference by helping us to keep disclosure alive. This project was born in June 1999 and has become a real mission, which we carry out with dedication and always independently "this is a fact: we have never made use of funds or contributions of any kind, we have always self-financed every single operation and dissemination project ". Give your hard-earned cash to sites or channels that change flags every time the wind blows , LSNN is proof that you don't change flags you were born for! We have seen the birth of realities that die after a few months at most after two years. Those who continue in the nurturing reality of which there is no history, in some way contribute in taking more and more freedom of expression from people who, like You , have decided and want to live in a more ethical world, in which existing is not a right to be conquered, L or it is because you already exist and were born with these rights! The ability to distinguish and decide intelligently is a fact, which allows us to continue . An important fact is the time that «LSNN takes» and it is remarkable! Countless hours in source research and control, development, security, public relations, is the foundation of our basic and day-to-day tasks. We do not schedule releases and publications, everything happens spontaneously and at all hours of the day or night, in the instant in which the single author or whoever writes or curates the contents makes them public. LSNN has made this popular project pure love, in the direction of the right of expression and always on the side of human rights. Thanks, contribute now click here this is the wallet to contribute


Similar Articles / Bossi:Bi... aforismi